Via libera della Commissione europea al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza italiano

SDA

22.6.2021 - 18:30

Via libera della Commissione Ue al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) italiano, che farà arrivare al Paese 24,9 miliardi di euro entro luglio, e in totale 191,5 miliardi entro il 2026. Di questi, 68,9 sono sovvenzioni e 122,6 sono prestiti.
Keystone

Via libera della Commissione europea al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) italiano, che farà arrivare al Paese 24,9 miliardi di euro entro luglio, e in totale 191,5 miliardi entro il 2026. Di questi, 68,9 sono sovvenzioni e 122,6 sono prestiti.

SDA

22.6.2021 - 18:30

Il piano «rappresenta una risposta completa e bilanciata alla situazione economica e sociale dell'Italia, contribuendo in modo appropriato a tutti e sei i pilastri del regolamento Recovery», scrive Bruxelles.

Il PNRR contiene 190 misure, di cui 58 riforme e 132 investimenti. E 525 obiettivi da raggiungere per ottenere le tranche di fondi. Il 37,5% del piano contribuisce agli obiettivi climatici, il 25% a quelli digitali.

Il piano contiene un'ampia gamma di investimenti e riforme per affrontare le sfide della transizione verde», scrive Bruxelles che cita gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, anche con incentivi fiscali, e investimenti diretti per ristrutturazioni di edifici pubblici, scuole, tribunali, alberghi, musei, cinema e teatri. Importanti per la Commissione sono le riforme per aumentare la concorrenza nei mercati dell'energia elettrica e del gas, per promuovere l'uso di fonti di energia rinnovabile e per facilitare l'autorizzazione di progetti di energia rinnovabile. Vengono poi sottolineate le misure per ridurre le emissioni di gas serra dei trasporti, con investimenti nella mobilità urbana sostenibile e nelle infrastrutture ferroviarie. Inoltre, «il piano affronta le sfide esistenti sulla gestione dell'acqua e delle acque reflue e tutela della biodiversità», e prevede l'adozione di una nuova strategia per promuovere l'economia circolare. «Gli investimenti modernizzeranno gli impianti di gestione dei rifiuti esistenti e ne costruiranno di nuovi», sottolinea la Ue. «Le infrastrutture idriche saranno migliorate per proteggere le forniture e ridurre le perdite», e verranno poi introdotte misure per promuovere il rimboschimento e il recupero di aree naturali, fondali e habitat marini.

Per quanto riguarda il digitale, il piano prevede «importanti investimenti» nella digitalizzazione delle imprese, nel completamento delle reti a banda ultralarga e nella connettività 5G. «Significativi» gli interventi che mirano alla digitalizzazione della pubblica amministrazione, tra cui scuola e sanità, e quelli per la digitalizzazione della giustizia.

SDA