Coronavirus Conferenza Onu su clima rinviata al 2021

ATS

2.4.2020 - 14:29

Il premier Boris Johnson in occasione del lancio del summit il 4 febbraio scorso.
Il premier Boris Johnson in occasione del lancio del summit il 4 febbraio scorso.
Source: Keystone/AP Getty Pool/CHRIS J RATCLIFFE

L'emergenza coronavirus fa saltare anche la conferenza Onu sul clima CoP26: l'appuntamento era in calendario a Glasgow per novembre, con due pre-vertici attesi nelle settimane precedenti a Milano e a Roma, ma è stata rinviata al 2021.

«Il mondo – ha annunciato il ministro britannico delle attività produttive Alok Sharma, incaricato dal premier Boris Johnson di presiedere la conferenza – sta affrontando una sfida globale senza precedenti e i paesi sono giustamente concentrati negli sforzi per salvare vite umane combattendo contro il Covid-19. Per questo abbiamo deciso di riprogrammare la CoP26».

«Continueremo a lavorare instancabilmente con i nostri partner per realizzare l'ambizione di contrastare la crisi dei cambiamenti climatici e mi occuperò di concordare una nuova data per la conferenza», ha proseguito Sharma via Twitter.

Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, «sostiene la decisione del Regno Unito e dell'Ufficio Unfccc di ritardare la CoP26» a causa del coronavirus, ha comunicato il portavoce del Palazzo di Vetro.

«Centinaia di migliaia di persone si ammalano gravemente e molti muoiono per il Covid-19, la necessità di eliminare il virus e salvaguardare la vita è la nostra priorità principale», ha aggiunto, sottolineando che bisogna «proseguire gli sforzi per aumentare l'ambizione e l'azione sui cambiamenti climatici, soprattutto quando i paesi adottano misure per riprendersi da questa crisi».

«La scienza sul clima non è cambiata – ha affermato Guterres – le emissioni sono a livelli record, l'impatto si moltiplica e aggraverà le sfide socio-economiche che questa crisi intensificherà».

Tornare alla home page

ATS