«Le misure per fermare il COVID-19 han bloccato le catene umanitarie»

ATS

6.4.2020 - 16:45

Secondo World Food Programme (Wfp) le misure prese per fermare la diffusione del virus hanno bloccato le catene umanitarie che riforniscono i paesi e l'area più vulnerabile (foto simbolica)
Source: KEYSTONE/EPA/YAHYA ARHAB

Trecentocinquanta milioni dollari il prima possibile o milioni di persone in tutto il mondo rischieranno la carestia a causa della pandemia da coronavirus. È l'allarme lanciato dal World Food Programme (Wfp) nel suo ultimo rapporto sull'impatto del Covid-19.

Secondo l'agenzia dell'Onu, le misure prese per fermare la diffusione del virus hanno bloccato le catene umanitarie che riforniscono i paesi e l'area più vulnerabile. Inoltre, alcuni di questi Paesi stanno entrando nella loro «fase di magra» ovvero il periodo in l'accesso al cibo è più limitato e comincia la stagione dei monsoni.

Il Wfp stima che a causa della pandemia di coronavirus quest'anno ci saranno da aiutare con urgenza 100-120 milioni in più in 80 paesi. Per questo servono fondi, sottolinea l'agenzia, per accumulare risorse e rafforzare i corridoi umanitari.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS