Domande e risposte

Ecco perché la Russia ha cambiato strategia in Ucraina

Di Philipp Dahm

11.4.2022

Mosca celebra il «Giorno della Vittoria» il 9 maggio 2021.
Mosca celebra il «Giorno della Vittoria» il 9 maggio 2021.
AP

Una decina di giorni fa, il Cremlino ha dichiarato conclusa la prima fase della guerra in Ucraina. In cosa consiste il cambio di strategia? E come si vuole porre fine al conflitto armato in maniera vittoriosa? Cinque domande e risposte.

Di Philipp Dahm

11.4.2022

Alla fine di marzo, Mosca ha annunciato un cambio di strategia: la prima fase della missione in Ucraina era finita. Il Cremlino ha fatto sapere che l'esercito ha raggiunto i suoi obiettivi nel nord del paese, si è ritirato da lì e ora si concentrerà sul Donbass.

Almeno gli ultimi due punti sembrano essere veri: resta da vedere se le truppe si stanno solo raggruppando o si stanno effettivamente spostando verso l'est dell'Ucraina. Ma sembra che questo sia il loro prossimo obiettivo.

Ecco cinque domande, risposte e spiegazioni sul cambio di strategia della Russia.

1. Qual era lo scopo dell'avanzata verso Kiev?

Il 31 gennaio, blue News aveva pubblicato un articolo che parlava di tre fasi dell'invasione dell'Ucraina da parte di Putin: nelle prime due, sarebbe stato stabilito un ponte di terra nel sud, tagliando l'accesso del Paese al Mar Nero, e sarebbe stata messa sotto controllo l'area a est del Dnepr. Nella terza Kiev sarebbe stata circondata. Tuttavia Vladimir Putin ha apparentemente preferito quest'ultima fase.

In un palese errore di calcolo tra le proprie forze e quelle opposte, l'esercito russo è avanzato sulla capitale e ha formato una punta di lancia che è penetrata relativamente rapidamente nel nord. Il problema è stato che poiché il percorso di queste truppe è praticamente predeterminato, i difensori hanno solo dovuto aspettare di poter attaccare i fianchi larghi ed esposti delle truppe russe.

Guerra in Ucraina: una mappa di sospette unità militari e linee del fronte del 25 marzo dà un'idea di quanto siano esposti i fianchi delle truppe russe che avanzano da nord.
Guerra in Ucraina: una mappa di sospette unità militari e linee del fronte del 25 marzo dà un'idea di quanto siano esposti i fianchi delle truppe russe che avanzano da nord.
Scheda: @JominiW

Un esercito avanza in questo modo solo se crede di poter superare le difese di base del nemico e quindi attaccare il quartier generale e i rifornimenti di base. Un nemico intelligente incoraggerebbe il nemico nella sua convinzione, purché abbia le difese, per esempio non mobilitandosi deliberatamente anche se i segni di un'invasione sono palesemente visibili.

2. Perché l'iniziativa è fallita?

Molto è già stato accennato: percorsi prevedibili, attrezzature scadenti, problemi di approvvigionamento e morale a terra.

D'altra parte, anche i difensori ucraini stanno facendo molto meglio in queste questioni e in aggiunta c'è l'uso intelligente di armi di piccole dimensioni come missili anticarro o droni.

Ma questi aspetti da soli non avrebbero portato ai successi che l'esercito ucraino ha potuto celebrare. Ciò non sarebbe stato possibile senza la ricognizione che l'Occidente fornisce. Satelliti, ma anche un sacco di jet speciali, droni, ...

... ed è schierata persino la madre di tutti gli aerei spia, l'U-2. La NATO può così avere un quadro completo della situazione e fornire a Kiev informazioni importanti in modo tempestivo, per far sì che gli ucraini possano contrattaccare con droni, aerei, artiglieria o truppe di terra.

3. Perché proprio il Donbass?

Il Cremlino può ancora far passare l'avanzata fallita come una vittoria se verranno raggiunti altri obiettivi. Questa fase sarebbe poi probabilmente venduta come una tappa presumibilmente necessaria per raggiungere una presunta smilitarizzazione e denazificazione. Senza successi nel sud-est dell'Ucraina, tuttavia, tutto ciò sarebbe difficilmente sostenibile.

Dal punto di vista di Mosca, le aree separatiste devono essere pacificate spingendo l'esercito ucraino abbastanza indietro. Dal punto di vista dell'esercito russo, sarebbe ancora meglio se potesse accerchiare e logorare i difensori in un movimento a tenaglia per eliminare la resistenza a lungo termine.

Posizione del giacimento di gas di Yuzivska
fdsfd
Dominio pubblico

Le regioni dell'Ucraina orientale sono sede di preziose industrie di costruzione di macchine e vicino alle regioni separatiste è anche stato scoperto nel 2010 un enorme giacimento di gas naturale: quello di Yuzivska. La Russia ne ha già abbastanza, ma per continuare a dettare i prezzi in Europa, Mosca deve controllare anche questa preziosa fonte. Nell'Ucraina orientale ci sono anche depositi di mercurio, rame e terre rare.

Materie prime in Ucraina
Materie prime in Ucraina
Scheda: SRDE ·

Ultimo, ma non meno importante, la regione è significativa per Mosca a causa dell'approvvigionamento idrico della Crimea, che può essere rifornita in modo sostenibile solo da canali presenti in questa zona.

4. Un ponte verso la Transnistria?

È discutibile fino a che punto la Russia si ponga obiettivi di guerra nel sud dell'Ucraina: dopo che finora Odessa è stata attaccata solo a distanza, è probabile che sulla città sul Mar Nero arrivino attacchi di fanteria. In generale, se una caduta del Governo non sembra più possibile, la Russia sarebbe desiderosa almeno di tagliare completamente l'Ucraina fuori dal Mar Nero.

C'è ancora il timore che la Russia possa voler costruire un ponte di terra fino alla Transnistria, una Repubblica separatista all'interno della Moldavia. Fonti ucraine hanno affermato il 6 aprile che gli aeroporti erano già in fase di preparazione per ospitare le divisioni aviotrasportate russe: se Mosca invia aerei lì, saranno abbattuti: questa è la minaccia.

5. E il 9 maggio?

Fonti ucraine hanno suggerito una scadenza entro la quale Mosca potrebbe voler terminare la guerra. La data in questione è il 9 maggio, giorno festivo in Russia, in quanto celebra la sua vittoria sulla Germania nazista in pompa magna. Secondo i servizi segreti, l'esercito avrà allora raggiunto i suoi obiettivi.

Mosca celebra il «Giorno della Vittoria» il 9 maggio 2021.
Mosca celebra il «Giorno della Vittoria» il 9 maggio 2021.
AP

Se questo sia vero o no non può essere verificato. La data sarebbe naturalmente appropriata per un tale evento, ma il tutto rimane una speculazione fino a quando non ci saranno informazioni più precise.

Sorgono diversi dubbi sul fatto che le lacune del fronte russo possano essere colmate in un mese e che l'esercito ucraino possa venire respinto, anche se i soldati di Mosca si stanno riorganizzando per riuscirci.

Nelle nuove circostanze, Kiev potrebbe anche cambiare la sua tattica e lanciare un contrattacco, soprattutto se la fornitura di armi pesanti aumenta, come promesso dall'Occidente.