Guerra

Esperienze traumatiche e storie di separazione per gli ucraini in fuga

Di Vanessa Gera e Adam Pemble, AP

27.2.2022

Esperienze traumatiche, storie di separazione e paura per la sopravvivenza: le persone in fuga dall'Ucraina stanno vivendo ore terribili. Ma in Polonia e in altri paesi vicini hanno potuto trovare un'accoglienza molto calorosa.

Di Vanessa Gera e Adam Pemble, AP

27.2.2022

Con solo pochi effetti personali in valigia e i bambini in braccio, da giovedì decine di migliaia di ucraini si stanno riversando in Polonia, Ungheria e persino in Bielorussia.

Ma dato che gli uomini in età da combattimento non sono autorizzati a lasciare il paese e vengono spesso strappati alle loro famiglie alla frontiera, sono state soprattutto donne, bambini e anziani ad arrivare nelle città di confine come Medyka, Przemysl o Zahony.

Molte persone del posto hanno aperto le loro case ai rifugiati. Altri sono stati ospitati in rifugi o attesi da parenti, sollevati di poterli riabbracciare.

Solo in Polonia, due milioni di ucraini si sono stabiliti negli ultimi anni in seguito all'annessione della penisola di Crimea da parte della Russia. L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati prevede che fino a quattro milioni di ucraini potrebbero ora lasciare il paese se la situazione peggiorerà ulteriormente.

La solidarietà al confine

In lacrime, la 14enne Natalia Murinik ha raccontato che ha dovuto lasciare i suoi nonni nella sua città natale di Chernivtsi. È arrivata con i suoi genitori a Siret, nel nord della Romania, dopo aver dovuto aspettare 20 ore al confine. «Voglio tornare a casa», singhiozza la giovane. Perché né lei né i suoi genitori sanno dove andare ora.

Anche la 51enne Tanja Schwarz, arrivata al confine polacco con il suo compagno di Amburgo, la stava aspettando a Medyka. Tre persone potrebbero ospitarli, si leggeva su un cartello che reggeva. Poiché il suo paese non sta facendo nulla, ha deciso di diventare attiva lei stessa, ha detto Schwarz all'agenzia di stampa AP.

Sorpreso dall'invasione russa durante la visita

I rifugiati descrivono momenti di ansia fino a quando non sono finalmente riusciti a lasciare l'Ucraina. L'inglese Jeremy Myers di Manchester era con la sua fidanzata ucraina nel suo paese d'origine quando sono stati sorpresi dall'invasione russa.

Per 23 ore, dopo essere fuggiti da Kiev, hanno aspettato al confine, in un'area recintata senza cibo e senza acqua. La gente si aggrediva a vicenda, si spingeva, e una donna era svenuta. «Non ti era permesso muoverti, altrimenti avresti perso il tuo posto in coda», ha raccontato Myers.

Lena, che non ha voluto dare il suo nome completo, è venuta da Leopoli per portare i suoi quattro figli in salvo in Polonia. Sulla strada attraverso il confine, ha visto giocattoli e borse pesanti sul ciglio della strada, lasciati dai rifugiati per scappare il più in fretta possibile, ha detto. Lena invece vuole tornare il prima possibile da suo marito, quindi di nuovo nella zona di guerra, ma senza i suoi figli, 

dpa