Ferrovie

Trattativa fallita in Germania, macchinisti di nuovo in sciopero

SDA

23.8.2021 - 19:54

Binari vuoti su diverse tratte tedesche: qui la stazione centrale di Berlino.
Keystone

Non c'è pace per le ferrovie tedesche. Dopo il fallimento dell'ultima trattativa domenica, è cominciato nella notte il secondo sciopero in dieci giorni dei macchinisti delle ferrovie indetto dal sindacato Gdl in Germania.

SDA

23.8.2021 - 19:54

Ieri, a poche ore dall'inizio, Deutsche Bahn aveva offerto un bonus supplementare per il coronavirus che è stato respinto al mittente dal leader sindacale del Gdl Claus Weselsky. «Bisogna almeno parlare di numeri», ha replicato Weselsky al talkshow di Zdf, spiegando il rifiuto.

Il sindacato chiede un contributo per il coronavirus di 600 euro, mentre l'azienda nell'aprire le trattative non aveva specificato l'ammontare del bonus offerto. Per il resto sulle richieste la differenza c'è ma non pare abissale.

Entrambe le parti concordano su un aumento del compenso del 3,2% in busta paga, ma non c'è accordo sulla durata del contratto e sui tempi dell'aumento. Secondo il portavoce di Deutsche Bahn «questo secondo sciopero Gdl è ancora più superfluo del primo» e «noi vogliamo trattare ma a quanto pare Gdl non vuole».

Agitazione fino a mercoledì alle 2.00 di notte

È ancora presto comunque per trarre un bilancio di questa prima giornata di agitazione del trasporto passeggeri in Germania che si protrarrà fino a mercoledì alle 2.00 di notte, ma secondo le Ferrovie tedesche l'impatto è minore della prima volta.

«Le persone questa volta erano informate meglio», ha detto una portavoce delle ferrovie della Sassonia, Sassonia-Anhalt e Turingia, mentre il portavoce delle Ferrovie tedesche Achim Strauch spiega che lo sforzo dell'azienda è stato di offrire treni con una capacità maggiore di posti e servizi bus sostitutivi.

«Più treni saranno utilizzati nel trasporto a lunga distanza rispetto al primo sciopero della Gdl», ha annunciato Deutsche Bahn nel pomeriggio e, anche questa seconda volta, la Deutsche Bahn prevede il mantenimento di un quarto dei treni a lunga percorrenza, e del 40% nel trasporto locale e regionale. Sta di fatto che l'uso di mezzi di trasporto alternativi è stato maggiore rispetto al primo sciopero, segno che l'organizzazione ha funzionato e il caos è stato contenuto.

I bus di Flixbus hanno aumentato la loro richiesta, così come la piattaforma BlaBla car ha visto crescere le nuove iscrizioni, ha detto una portavoce. Anche i servizi di affitto di auto come Sixt hanno visto aumentare la domanda in questi giorni di sciopero. Il sindacato Gdl comunque annuncia battaglia, se le trattative non dovessero evolversi nella giusta direzione, con la differenza che la prossima non ci saranno preavvisi, ha annunciato il leader sindacale qualche giorno fa.

SDA