Segati gli alberi piantati in memoria del giovane ebreo torturato

11.2.2019 - 19:39, ATS

Il giovane Ilan venne torturato e ucciso nel 2006.
Source: KEYSTONE/EPA/YOAN VALAT

Gli alberi piantati in memoria di Ilan Halimi, il ragazzo ebreo morto sotto tortura nel 2006 in una banlieue di Parigi, sono stati segati da sconosciuti. Lo ha annunciato il Comune di Saint-Genevieve-des-Bois, dove gli alberi erano stati piantati.

«Questa mattina, alla vigilia della cerimonia annuale in omaggio a Ilan Halimi - ha dichiarato il sindaco Frederic Petitta precisando di aver presentato una denuncia - i servizi municipali hanno scoperto che gli alberi piantati in sua memoria sono stati tagliati, profanati. Uno abbattuto, l'altro segato».

Ilan Halimi fu ritrovato morto nel 2006 vicino ai binari del paesino. Era stato rapito e torturato per 24 giorni da un gruppo di antisemiti soprannominato «la gang dei barbari». Il ragazzo era commesso in una boutique di Parigi. Fu ritrovato nudo e agonizzante, morì durante il trasporto in ospedale.

I suoi torturatori e assassini l'avevano preso a bersaglio in quanto ebreo e quindi, secondo le loro convinzioni, «ricco». Per questo avevano chiesto un riscatto di 450'000 euro alla famiglia.

Tornare alla home page

Altri articoli