Mariupol

Gli ultimi ucraini ad Azovstal: «Siamo praticamente uomini morti»

Di Philipp Dahm

10.5.2022

Un video di una conferenza stampa dall'acciaieria Azovstal a Mariupol da parte dei militari del reggimento Azov Illia Samoilenko (a destra) e Sviatoslav Palamar (a sinistra) è visto sullo schermo di un computer a Kyiv, Ucraina, 08 maggio 2022. Il 24 febbraio, le truppe russe erano entrate in territorio ucraino in quella che il presidente russo ha dichiarato una
Un video di una conferenza stampa dall'acciaieria Azovstal a Mariupol da parte dei militari del reggimento Azov Illia Samoilenko (a destra) e Sviatoslav Palamar (a sinistra) è visto sullo schermo di un computer a Kyiv, Ucraina, 08 maggio 2022.
KEYSTONE

Nessuno avrebbe creduto che il reggimento Azov a Mariupol avrebbe resistito così a lungo. Gli ucraini si sono trincerati nelle acciaierie e stanno lottando per la loro vita. Sono sicuri: i russi non faranno prigionieri.

Di Philipp Dahm

10.5.2022

Mariupol ora è saldamente in mani russe. «È impossibile rompere il blocco della città con mezzi militari. Oggi è impossibile», ha detto Volodymyr Zelensky a Kiev domenica 8 maggio. «Questi non sono solo pensieri. Sono conclusioni tratte dalla leadership dell'esercito ucraino».

L'ex grande città sul Mar d'Azov è, per il momento, persa dopo che la Russia ha interrotto la sua avanzata su Kiev e ha concentrato le truppe nel Donbass. Non bisogna essere un esperto militare per rendersi conto dell'importanza del luogo: Mariupol è a soli 34 chilometri a est del confine con il territorio nemico. Se si guida per circa 250 chilometri verso ovest, da lì, si raggiunge la Crimea.

Uno degli obiettivi dichiarati da Mosca è quello di ottenere un corridoio terrestre che si estende dal Donbass alla penisola che per l'esercito rende molto più facile difendere la zona. In effetti, l'avanzata nella regione è andata ragionevolmente bene: solo Mariupol rimane una spina nel fianco dell'esercito russo.

Il motivo è il reggimento Azov, che semplicemente non si arrende: l'unità ucraina ha già resistito contro la superiorità russa per molto più tempo di quanto gli esperti avrebbero mai pensato possibile. Hanno difeso Mariupol fino all'inizio di aprile, quando si sono ritirati nell'enorme complesso della Azov Steel Metallurgical Combine, dove si sono trincerati con alcuni civili.

Ancora più di 1.000 combattenti nell'acciaieria

La maggior parte di questi sono stati sfollati, mentre ancora più di 1.000 combattenti rimangono nell'acciaieria, diversi dei quali si dice siano feriti. Quelli che restano non ci pensano nemmeno a deporre le armi: «Essere catturati è morire», ha spiegato al New York Times l'ufficiale di Azov Illia Samoilenko: il 27enne non crede che Mosca lascerà vivere i suoi uomini dopo una resa.

«Noi qui siamo praticamente degli uomini morti. Molti di noi lo sanno. Ecco perché stiamo combattendo», dice Samoilenko. Svyatoslav Palamar, secondo in comando delle truppe a Mariupol, aggiunge: «Non abbiamo molto tempo. Siamo costantemente bombardati». Samoilenko non risparmia le critiche al governo di Kiev: «Non riceviamo alcun sostegno», si lamenta.

Continua: «Avremmo potuto facilmente ritirarci da Mariupol alcuni mesi fa, quando la situazione è diventata critica. E abbiamo deciso di restare». Samoilenko ribadisce che il suo popolo ha assistito personalmente a crimini di guerra e quindi non si fida della decenza del nemico. «Rinunciare non è un'opzione».

Azov, un passato delicato

«Conosciamo il nostro passato», dice ancora Samoilenko con aria di sfida. Il motivo? Il reggimento Azov è stato fondato nel maggio 2014 come unità paramilitare di volontari. Il suo fondatore, Andrij Bilezkyi, è considerato un politico ultra-nazionalista con simpatie per l'ideologia nazista: sotto di lui si riuniscono gruppi di estrema destra come il Prawyj Sektor (Settore Destro), hooligans del club Metalist Kharkiv e altri ucraini.

Questa origine può essere vista nello stemma dell'unità: il Wolfsangel, che simboleggia una trappola per lupi, era popolare pure tra i nazisti. I membri sono accusati di violenza contro le minoranze, come i rom, dopo il 2014. Nel 2019, gli Stati Uniti sono stati vicini a classificare Azov come un'organizzazione terroristica, anche perché i sostenitori dell'organizzazione neonazista Misantrophic Division ne sarebbero membri. Il loro motto è «Morte al Nemico».

Il reggimento è incorporato nella Guardia Nazionale come unità dal 2014, anno della sua fondazione, ed è stato denazificato nel corso degli anni. Il simbolo nazista del Sole Nero è stato rimosso dallo stemma, ma il Wolfsangel rimane. L'unità è cresciuta mentre teneva il fronte ai separatisti nel Donbass dopo la guerra di Crimea nel 2014.

Oggi: i migliori volontari disponibili

«Ogni volta che [sono andati al fronte nel Donbass], hanno avuto un grande successo», spiega Glen Grant, esperto militare ed ex tenente colonnello del Royal Army. Il passato oscuro sta svanendo, messo sempre più in secondo piano: «Ora sono fondamentalmente dei volontari decenti, i migliori volontari che si possono ottenere. Si sono sbarazzati di chiunque fosse un peso a causa dell'estremismo di destra».

Oggi possono essere classificati come nazionalisti, ritiene Grant. «Puoi chiamarli nazionalisti estremi, se vuoi. Ma sai, in tempi di guerra, è esattamente quello che vuoi». L'ex ufficiale ritiene che il contributo delle truppe sia cruciale: «La difesa di Mariupol definirà la guerra».

Quanto a lungo possano resistere i difensori dell'acciaieria è incerto: oltre ai combattenti in salute, stanno anche finendo le munizioni. Il loro vantaggio è la mancanza di visibilità e la dimensione del terreno: nell'accaieria ci sono gallerie profonde fino a 30 metri che forniscono copertura e protezione su una lunghezza di circa 20 chilometri.

Nazionalisti e membri del Reggimento Azov celebrano la fondazione dell'Esercito Insurrezionale Ucraino 74 anni prima a Kiev il 14 ottobre 2016.
Nazionalisti e membri del Reggimento Azov celebrano la fondazione dell'Esercito Insurrezionale Ucraino 74 anni prima a Kiev il 14 ottobre 2016.
EPA

Il Comandante premiato con una medaglia

Il comandante del reggimento Azov è Denys Prokopenko, che è stato insignito del più alto ordine del paese per i suoi servizi il 19 marzo 2022 dal presidente Zelensky per il suo «coraggio, per le tattiche efficaci per respingere gli attacchi nemici e per proteggere l'eroica città di Mariupol». Prokopenko è ora un «Eroe dell'Ucraina».

Denys Prokopenko, il comandante delle truppe Azov a Mariupol, a sinistra in una foto del 2016, a destra una sua foto recente.
Denys Prokopenko, il comandante delle truppe Azov a Mariupol, a sinistra in una foto del 2016, a destra una sua foto recente.
VisegradTV/Screenshot YouTube

Secondo il comandante, il nemico russo non solo ha ucciso 25.000 abitanti della città, ma ha anche usato bombe al fosforo e armi chimiche nella lotta contro il nido di resistenza nell'acciaieria. Il 13 aprile, il soldato è stato promosso a tenente colonnello per il suo servizio.

Quali opzioni hanno ora il comandante e la sua gente? Le prospettive sono fosche, spiega Samoilenko: potrebbero deporre le armi e «aspettare la fine», che avverrebbe lentamente se i soldati morissero di fame, o rapidamente se una bomba li uccidesse. La seconda opzione è «fuggire come dei codardi», come il comandante della 36a Brigata dei Marines, che è stato catturato durante il tentativo di fuga.

Samoilenko è stato gravemente ferito in battaglia. Ciononostante, sta opponendo una feroce resistenza alla Russia.
Samoilenko è stato gravemente ferito in battaglia. Ciononostante, sta opponendo una feroce resistenza alla Russia.
Screenshot YouTube

Puoi anche rinunciare alla terza o scegliere la quarta opzione: «L'unico modo per non vergognarti di te stesso e rimanere in vita è resistere e combattere». Samoilenko sa cosa significa perseverare: l'uomo ha una protesi in titanio al braccio sinistro e un occhio artificiale a destra.