Stati Uniti I democratici vincono il Super Tuesday, trainati dall'aborto

SDA

8.11.2023 - 20:52

I democratici sbancano e mettono a segno importanti vittorie a livello statale facendo leva sull'aborto, tema ancora una volta chiave dopo la decisione della Corte Suprema di capovolgere la storica sentenza del 1973 che legalizzò le interruzioni di gravidanza negli Stati Uniti.

Joe Biden in una foto del 6 novembre (immagine d'illustrazione). 
Joe Biden in una foto del 6 novembre (immagine d'illustrazione). 
KEYSTONE/EPA/MICHAEL REYNOLDS

8.11.2023 - 20:52

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Negli USA i democratici hanno messo a segno importanti vittorie a livello statale facendo leva sull'aborto.
  • Per Joe Biden le vittorie del Super Tuesday sono un'iniezione di fiducia fra i sondaggi.
  • Il successo maggiore guardando al 2024 è però quello della Virginia, dove i liberal sono riusciti nella storica impresa di mantenere la maggioranza al senato e conquistare quella alla camera, mettendo così in salvo il diritto all'aborto che i conservatori volevano limitare.

Per Joe Biden le vittorie del Super Tuesday sono un'iniezione di fiducia fra i sondaggi che lo vedono in profonda difficoltà rispetto al rivale Donald Trump e i dubbi persistenti del suo stesso partito sulla sua candidatura per un secondo mandato.

In Ohio gli elettori hanno approvato con un margine a doppia cifra l'inserimento del diritto all'aborto nella costituzione dello stato. «Gli americani hanno votato ancora una volta per proteggere le loro libertà fondamentali, e la democrazia ha vinto», ha commentato un soddisfatto Biden dopo l'esito del voto in uno stato conservatore come l'Ohio dove, per ben due volte, Trump ha vinto con facilità.

Importanti successi sono stati registrati anche in Kentucky, altro stato profondamente conservatore: il democratico Andy Beshear ha conquistato il secondo mandato da governatore battendo il repubblicano Daniel Cameron, appoggiato da Trump.

Importante successo in Virginia

Il successo maggiore guardando al 2024 è però quello della Virginia, dove i liberal sono riusciti nella storica impresa di mantenere la maggioranza al senato e conquistare quella alla camera, mettendo così in salvo il diritto all'aborto che i conservatori volevano limitare.

Con la vittoria hanno infatti acquisito di fatto il controllo dell'assemblea generale dello stato e inflitto una pesante sconfitta al governatore repubblicano Glenn Youngkin, considerato l'asso nella manica dei conservatori per il 2024.

Nel caso in cui non si affermasse un'alternativa a Trump fra i candidati repubblicani alla Casa Bianca, molti big del partito guardano a Youngkin come il 'salvatore'.

Battaglia tra DeSantis e Haley

Con il passo indietro di Mike Pence, fra gli aspiranti conservatori alla Casa Bianca la battaglia ormai è fra il governatore della Florida Ron DeSantis e l'ex governatrice del South Carolina Nikki Haley, di recente in volata nei sondaggi.

I due sono attesi scontrarsi sul palco del terzo dibattito repubblicano, dal quale Trump è ancora un volta assente.

Mentre i suoi rivali si sfidano davanti all'America in diretta da Miami, l'ex presidente è infatti impegnato in un comizio sempre in Florida.

Ecco cosa dice l'ultimo sondaggio di CNN

L'ultimo sondaggio di Cnn indica Trump avanti a Biden di quattro punti con il 49% delle preferenze e sembra confermare come gli innumerevoli capi di accusa mossi nei confronti dell'ex presidente non hanno intaccato la sua immagine fra la base dei suoi sostenitori.

Per il presidente le ultime settimane sono state particolarmente difficili nei sondaggi – alcune rilevazioni lo hanno indicato al 39% -, ma l'esito del Super Tuesday appare una boccata di ossigeno che lascia ben sperare perché – come ha detto lo stesso Biden – «gli elettori votano. I sondaggi no. Ora vinciamo il prossimo anno».

SDA