Acciaierie di Azov

I racconti dei liberati e di chi è rimasto: «Le persone muoiono davanti ai nostri occhi»

uri

3.5.2022

Lo screenshot di un video delle Brigate Azov mostra come i civili sono accompagnati da detriti nella struttura per l'evacuazione.
Lo screenshot di un video delle Brigate Azov mostra come i civili sono accompagnati da detriti nella struttura per l'evacuazione.
Keystone

Da diverse settimane, centinaia di civili e combattenti ucraini stanno resistendo in condizioni insostenibili nelle acciaierie Azov di Mariupol. Ma domenica decine di donne e bambini sono stati rilasciati e ora stanno raccontando le esperienze vissute.

uri

3.5.2022

La paura della morte è una compagna costante per le persone che hanno cercato riparo nei bunker sotto le acciaierie Azov, in Ucraina. Finora le notizie dall'interno erano state molto poche, dal momento che nella zona contesa di Mariupol sia Internet che l'elettricità sono ormai fuori uso. Solo in alcuni luoghi particolarmente pericolosi c'è presumibilmente ancora la ricezione del telefono cellulare.

Le condizioni indicibili nell'ultimo bastione della resistenza ucraina a Mariupol vengono ora raccontate dalle donne e dai bambini che sono stati sfollati domenica. Una di queste è Natalia Usmanowa, che come prima tappa era stata portata nel villaggio di Bezimenne, a soli 30 chilometri di distanza. Nella tarda serata di ieri, poi, i primi 100 evacuati sono arrivati nella città di Zaporizhzhia. 

Il cuore, ha detto la 37enne alla Reuters, le si fermava ogni volta che la polvere di cemento le cadeva addosso dopo una detonazione. Ed era terrorizzata anche per la stabilità del suo bunker: «Avevo tanta paura che crollasse».

Le persone all'interno dell'acciaieria soffrono per il poco ossigeno presente, ha spiegato ancora Usmanova. «Non abbiamo visto il sole per così tanto tempo...». Il terrore a cui sono esposte le persone lì dentro è inimmaginabile: «Ho vissuto qui e lavorato per tutta la vita. Ma quello che abbiamo visto è stato semplicemente terribile».

«È soffocante e umido, non c'è aria»

Pochi giorni prima della riuscita dell'evacuazione di domenica, lo «Spiegel» è stato in grado di entrare in contatto con alcuni degli intrappolati. La scrittrice 32enne Valerija, che si è unita alle Brigate Azov alle Acciaierie, ha comunicato tramite Telegram che le persone vengono costantemente bombardate o colpite da colpi di arma da fuoco.

Stando ai suoi racconti, i medici dell'ospedale devono operare sul posto con una torcia perché non c'è più elettricità. I soldati con arti mancanti e gravi ferite da schegge vengono curati 24 ore su 24.

Anche le medicine o gli anestetici sono esauriti, mentre il cibo e l'acqua sono ormai scarsi. «Anche se un'operazione ha successo, c'è un alto rischio che i feriti prendano un'infezione o un avvelenamento del sangue», ha spiegato la combattente Azov. Molti soldati potrebbero sopravvivere solo se venissero evacuati immediatamente. «Altri muoiono davanti ai nostri occhi», aggiunge.

L'umore nelle acciaierie è a terra, ha fatto invece sapere Olena, un medico di 57 anni. «Qui dentro è umido e si soffoca, non c'è aria da respirare». La paura cresce ancora di più durante le notti, perché è nel buio che i bombardamenti sono più forti. «Non possiamo più difenderci. Provo paura e disperazione».

«Ci sono molti feriti»

La figlia di Olena, l'informatica Lesja (anche lei non ha voluto dare il suo nome completo e non vive a Mariupol), ha raccontato al giornale dei suoi contatti irregolari con la madre. Nel suo ultimo messaggio ha scritto: «Tutti qui sono come zombie, è terribile».

Sua madre chiede costantemente quando verrà salvata e se ci sono piani per rompere il blocco delle acciaierie. Teme anche l'uso di armi chimiche: «Ha paura che i civili vengano evacuati e che gli altri membri militari vengano invece uccisi», ha detto Lesja a Der Spiegel.

Dal canto suo, il capitano della polizia di pattuglia del distretto di Donetsk Mikhail Aleksandrovich Vershinin ha riferito al servizio di intelligence Signal di essere nelle acciaierie dal 7 aprile, giorno in cui è rimasto ferito e quindi portato all'ospedale locale.

Secondo lui, ci sono attualmente diverse centinaia di civili - tra cui bambini e neonati - nei locali, così come combattenti del reggimento Azov e altre unità. «Ci sono feriti qui, molti feriti. Hanno urgente bisogno di assistenza medica perché hanno ferite gravi e non ci sono le condizioni giuste per aiutarli», ha detto Vershinin.

Si rende conto che coloro che sono intrappolati non sono in grado di fare richieste, dice Vershinin.. «Ma ciò che sta accadendo nell'acciaieria Azov, nel 21mo secolo, in un paese europeo, è una bestemmia contro tutti i principi degli Stati democratici. È una violazione di tutte le norme costituzionali, di tutti i principi morali. Non facciamo alcuna richiesta, ma chiediamo alla comunità di far uscire le persone da qui, ora».

Si dice che altri 1000 civili siano nell'acciaieria

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha afffermato domenica che spera che tutte le condizioni siano soddisfatte per portare più persone fuori da Mariupol: «Continueremo a fare tutto il possibile per sfollare la nostra gente da Azovstal e da Mariupol nel suo complesso».

Durante il fine settimana un convoglio di autobus ha portato diverse dozzine di civili fuori dalle acciaierie assediate dai soldati russi. Sono stati coinvolti anche le Nazioni Unite e il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR). Zelensky ha detto che un centinaio di persone potrebbe ancora essere portato attraverso l'anello d'assedio.

Secondo i dati ucraini, circa 1.000 civili sono ancora intrappolati nei bunker delle sole acciaierie. La Russia parla di circa 2500 persone, in particolare personale militare e mercenari stranieri.

Odore di cadavere nell'aria

Svyaztoslav Palamar, il vice comandante del reggimento responsabile della fabbrica di acciaio, ha detto domenica all'agenzia di stampa AP che la struttura è stata protetta da una brigata marina, da membri della polizia, da guardie di frontiera e dalla guardia costiera, oltre che dal suo reggimento Azov.

La difesa dell'acciaieria – l'ultima parte a Mariupol che non è ancora sotto il controllo russo – è complicata dalla presenza di bambini e civili, ha detto Palamar. Ci sono anche molti feriti sul posto. L'acqua potabile non è sufficiente; nell'aria giace il fetore di cadaveri in decomposizione.

Tutte le persone dovrebbero essere portate fuori, chiede Palamar. Tuttavia, è difficile raggiungere i feriti, perché ci sono detriti nell'impianto, ma non ci sono attrezzature speciali per rimuoverli. «È difficile per i soldati raccogliere pezzi di struttura che pesano tonnellate solo con le loro braccia». Tuttavia, la resistenza dei suoi combattenti continuerà fino a quando non ci sarà un ordine opposto, ha detto l'ufficiale Azov.

Redatto con materiale delle agenzie di stampa dpa e AP