I genitori di due vittime del volo 757 abbattuto fanno causa ai Pasdaran

SDA

10.1.2022 - 20:26

In Iran i genitori di due vittime del volo delle Ukranian International Airlines abbattuto dai Pasdaran hanno avviato un causa nei loro confronti.
Keystone

In Iran i genitori di due vittime del volo delle Ukranian International Airlines abbattuto dai Pasdaran hanno avviato un causa nei loro confronti.

SDA

10.1.2022 - 20:26

«Abbiamo fatto causa contro il segretario del Consiglio supremo nazionale per la Sicurezza, Ali Shamkhani, il comandante dei Guardiani della Rivoluzione, Hossein Salami, e il comandante della Forza di difesa aerea dei Guardiani, Amir Ali Hajizadeh, per la morte dei nostri due ragazzi, che erano a bordo dell'aereo ucraino abbattuto dagli stessi Guardiani l'8 gennaio del 2020», ha dichiarato Mohsen Assadi Lari, padre delle due vittime, Mohamamdhossein, di 23 anni, e Zeinab, di 21.

In un'intervista al quotidiano Shargh, considerato vicino alle posizioni dei riformatori, Assadi Lari ha quindi aggiunto: «Alcuni giorni dopo l'episodio Salami venne a farci visita e disse che i nostri figli erano martiri, perché l'aereo era stato abbattuto per impedire un attacco statunitense all'Iraq come rappresaglia per il nostro attacco alla base americana in Iraq avvenuto quello stesso giorno».

L'attacco iraniano alla base Usa era stato compiuto come ritorsione per l'uccisione in Iraq da parte di un drone Usa del comandante della forza Qods dei Guardiani, Ghassem Soleimani. L'abbattimento con un missile terra-aria l'8 gennaio 2020, poco dopo il decollo da Teheran, del volo 757 delle Ukranian International Airlines, diretto a Kiev, fu ritenuto un errore dei Guardiani della Rivoluzione, che temevano un attacco aereo o missilistico Usa. Morirono tutte le 176 persone a bordo: 167 passeggere e 9 membri di equipaggio. Secondo l'Iran, 146 delle persone a bordo avevano passaporti iraniani, 10 afghani, cinque canadesi, quattro svedesi e due ucraini.

Zahra Majd, madre dei due ragazzi deceduti a bordo del volo, ha detto da parte sua: «Il generale Salami ci disse che se l'aereo non fosse stato abbattuto, gli Stati Uniti avrebbero iniziato una guerra durissima contro l'Iran il giorno dopo a causa del raid missilistico iraniano e che avrebbero potuto esserci 10 milioni di morti a causa della guerra». «In pratica – continua la madre – i nostri ragazzi sono stati usati come scudi umani».

SDA