Kazakhstan

Kazakhstan: colloquio Putin-Tokayev per «ristabilire l'ordine»

SDA

8.1.2022 - 11:08

Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo kazako hanno concordato di rimanere in contatto "costante". (Immagine d'archivio del 30 dicembre scorso)
Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo kazako hanno concordato di rimanere in contatto "costante". (Immagine d'archivio del 30 dicembre scorso)
Keystone

Il presidente russo Vladimir Putin ha avuto un «lungo colloquio» con il suo omologo kazako Kassym-Jomart Tokayev con l'obiettivo di «ristabilire l'ordine» nel paese dopo le proteste senza precedenti degli ultimi giorni. Lo rende noto il Cremlino.

SDA

8.1.2022 - 11:08

«I presidenti si sono scambiati opinioni sulle misure adottate per ristabilire l'ordine in Kazakhstan», si legge in una nota del Cremlino nella quale si precisa che è stato concordato di rimanere in contatto «costante».

Arrestato ex capo servizi segreti

Intanto l'ex capo dell'intelligence kazaka Karim Masimov, ex primo ministro e alleato di lunga data dell'ex leader del Kazakhstan Nursultan Nazarbayev, è stato arrestato con l'accusa di alto tradimento, indica la stessa agenzia per la sicurezza che lo aveva silurato mentre nel Paese imperversavano proteste e violenze senza precedenti.

L'arresto di Masimov è il primo provvedimento preso contro un alto funzionario dell'ex repubblica sovietica dell'Asia centrale nella crisi in atto.

Il Comitato nazionale per la sicurezza (Knb) ha precisato in una nota che l'arresto è avvenuto giovedì scorso.

SDA