Guerra in Ucraina

Intensificati i bombardamenti russi: colpita la torre TV a Kiev e vittime civili a Kharkiv

ATS / sam

1.3.2022

Martedì la Russia ha intensificato ulteriormente la sua offensiva in Ucraina, prendendo di mira in particolare Kiev e Kharkiv, dove i bombardamenti hanno causato anche vittime civili. E ha così spinto l'Europa a inasprire le sanzioni, esortata ad agire anche dal presidente ucraino.

ATS / sam

1.3.2022

Durante il sesto giorno di invasione russa in Ucraina, si sono susseguiti attacchi mortali su Kharkiv, la seconda città del paese, che le forze russe stanno prendendo d'assalto da giorni.

Un razzo ha colpito la piazza centrale di questa città di 1,4 milioni di abitanti, vicino al confine russo, colpendo la sede dell'Amministrazione regionale, ha detto il governatore Oleg Sinegoubov in un video su Telegram che mostra anche l'esplosione.

Almeno 10 persone sono state uccise e più di 20 ferite, secondo il servizio di emergenza ucraino. Un altro attacco a un edificio residenziale ha poi provocato otto morti e sei feriti.

Colpita la torre della televisione a Kiev

Nel pomeriggio un razzo ha invece colpito la torre della televisione nella capitale Kiev, attorno alla quale sono ammassate le forze russe, interrompendo le trasmissioni, come ha fatto sapere il Ministero dell'Interno.

Il presidente Volodymyr Zelensky ha denunciato «un crimine di guerra» a Kharkiv e ha sottolineato che la difesa di Kiev era «la priorità». La probabilità di un grande assalto alla capitale, normalmente forte di quasi 3 milioni di persone, sembra aumentare di ora in ora.

Le foto satellitari rilasciate durante la notte su martedì dalla società americana di immagini satellitari Maxar hanno mostrato un convoglio russo che si estende per decine di chilometri e si dirige verso la capitale ucraina da nord-ovest.

Nel primo pomeriggio di martedì, l'esercito russo ha invitato i civili di Kiev che vivono vicino alle infrastrutture dei servizi di sicurezza ucraini a lasciare le loro case in quanto c'era l'intenzione di colpirle per fermare «gli attacchi informatici contro la Russia».

Nel centro della capitale, dove durante la notte è caduta la neve, i negozi di prima necessità ancora aperti sono stati presi di mira. I residenti che non sono fuggiti hanno eretto barricate e scavato trincee. I russi sembrano essere avanzati anche nel sud dell'Ucraina, sul Mar d'Azov, dove si trovano diverse grandi metropoli.

Colpita la città portuale di Mariupol

Nella città portuale di Mariupol le forze russe «hanno colpito tutti i quartieri», ha indicato il governatore, parlando di 21 feriti e un numero di morti in numero imprecisato.

Il Ministero della Difesa russo ha affermato che le truppe che avanzavano lungo la costa dalla Crimea sono riuscite a unirsi a quelle provenienti dal territorio separatista filo-russo di Donetsk, dando continuità territoriale strategica alle forze russe. L'informazione non è stata però verificabile. Poco prima, l'esercito ucraino aveva affermato di aver sventato questo tentativo.

L'esercito russo controlla anche gli ingressi alla città costiera di Kherson (290.000 abitanti), più a ovest, secondo il suo sindaco, Igor Kolikhaïev. I video della gente del posto sui social media mostrano soldati russi nella località.

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu sembra confermare queste molteplici offensive, sottolineando che «l'operazione militare speciale - espressione usata da Mosca per designare l'invasione - proseguirà fino al raggiungimento degli obiettivi prefissati».

Nuove sanzioni contro la Russia

Di fronte a questo sviluppo, il presidente ucraino Zelensky, che ha fatto richiesta dell'integrazione «immediata» del suo Paese nell'UE attraverso una procedura speciale, ha domandato agli europei di «dimostrare di essere con l'Ucraina», durante un intervento in videoconferenza al Parlamento europeo, che gli ha regalato una standing ovation.

Se una rapida ammissione dell'Ucraina nell'UE sembra difficile, lunedì sera gli europei hanno indicato, dopo un nuovo scambio con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, di essere pronti a inasprire ulteriormente le sanzioni contro la Russia, già storiche per portata.

«Di sicuro» prenderemo nuove sanzioni contro la Russia, ha confermato martedì il cancelliere tedesco Olaf Scholz, mentre la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato 500 milioni di euro in aiuti umanitari per l'Ucraina. «Causeremo il collasso dell'economia russa», ha affermato in precedenza il ministro dell'Economia francese Bruno Le Maire, il cui paese detiene la presidenza dell'Unione Europea.

Il campo occidentale sta cercando di privare la Russia di tutti i suoi finanziamenti internazionali e di congelare i beni di Vladimir Putin e del suo entourage. Con la prevista esclusione delle principali banche russe da Swift e le sanzioni contro la Banca centrale russa, le misure di ritorsione stanno già avendo «un enorme impatto sulla Russia» e «il forziere di Putin è gravemente ammaccato», ha stimato martedì il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner, dopo un incontro con i suoi omologhi del G7.

Dopo una serie di misure a sostegno dell'economia e del rublo, sceso ai minimi storici, il governo russo ha preparato martedì un nuovo decreto per arginare la fuga degli investitori stranieri. La Borsa di Mosca è rimasta chiusa.

Anche i mercati mondiali, soprattutto europei, stanno subendo il colpo. I prezzi del petrolio hanno continuato a salire, prima della riunione di mercoledì dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e dei suoi alleati.

Il «profondo rimpianto» di Pechino

Oltre alle sanzioni economiche, la Russia è ora preclusa a una serie di eventi culturali e sportivi, tra cui la Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha denunciato il bombardamento «assolutamente disgustoso» di Kharkiv, paragonandolo agli attacchi mortali che hanno preso di mira Sarajevo negli anni '90.

A Ginevra, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha sottolineato che «le violazioni del diritto internazionale umanitario commesse da Mosca stanno aumentando di ora in ora», e ha anche suggerito l'esclusione della Russia dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Anche la Cina, che finora non ha condannato l'invasione russa, ha espresso martedì «profondo rammarico» per il conflitto, durante un incontro del suo ministro degli Esteri con il suo omologo ucraino.

Ma nonostante questa pressione senza precedenti, a cui si aggiungono le manifestazioni di solidarietà con l'Ucraina in molti paesi, Vladimir Putin sembrava determinato a continuare l'offensiva e porre fine alle aspirazioni di adesione all'UE e all'alleanza atlantica dell'ex repubblica sovietica.

Durante uno scambio lunedì con il presidente francese Emmanuel Macron, ha posto come condizioni, per fermare l'invasione, il riconoscimento della Crimea come territorio russo, la smilitarizzazione e la «denazificazione» dell'Ucraina. Il presidente russo ha precedentemente definito i leader ucraini «neo-nazisti». Ha ribadito le sue richieste quando si sono tenuti i primi colloqui russo-ucraini. Colloqui che sono durati poche ore, prima di concludersi sull'unico impegno che avrebbero ripreso «presto».

Un milione di sfollati

Dall'inizio dell'invasione russa, il 24 febbraio, il conflitto ha causato lo sfollamento di un milione di persone nella stessa Ucraina e ha spinto oltre 660.000 ucraini nei paesi vicini, principalmente Polonia, ma anche Ungheria, Slovacchia e Romania, secondo l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Lunghe file di auto continuavano a dirigersi verso il confine polacco, dalla grande città dell'Ucraina occidentale, Lviv, che è diventata una porta e un centro di ritiro per gli ucraini e per le ambasciate occidentali.

Le donne rifugiate a Leopoli, lasciando gli uomini delle loro famiglie «a difendere l'Ucraina», si sono mobilitate per sostenerle, donando il loro sangue o realizzando reti mimetiche.

L'esito del conflitto rimane incerto. L'ONU lunedì ha citato 102 civili uccisi e 304 feriti, aggiungendo che le cifre effettive erano «significativamente» più alte. L'Ucraina lunedì ha riferito di 352 civili uccisi e 2.040 feriti da giovedì e ha affermato che migliaia di soldati russi sono morti. Le forze russe hanno riconosciuto le perdite, ma senza quantificarle.