Quattro punti che fanno male a Mosca

L'allargamento della NATO diventa la più grande disgrazia di Putin

Di Philipp Dahm

19.6.2022

Problema per la flotta russa del Baltico: il Mar Baltico diventerebbe un
Problemi per la flotta russa del Baltico: il Mar Baltico diventerebbe un «lago» della NATO se Svezia e Finlandia vi aderissero.
Google Earth

La Russia voleva accorciare la linea di contatto con la NATO, ma con l'ingresso di Svezia e Finlandia questa raddoppierà. I due Paesi porterebbero inoltre attrezzature all'avanguardia e minaccerebbero l'importante penisola russa di Kola.

Di Philipp Dahm

19.6.2022

Vladimir Putin voleva far arretrare la NATO e annullare l'intero allargamento verso est: se fosse stato per il capo del Cremlino, l'alleanza sarebbe stata limitata ai partner che vi facevano parte fino al 1997, cioè prima dell'ingresso di Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria nel 1999.

Per il presidente russo si tratta di questioni strategiche. In realtà, però, ha ottenuto l'esatto contrario: ciò che sta emergendo in Europa in termini di politica di sicurezza non è altro che un incubo per il 69enne e i suoi generali. La prevista adesione di Svezia e Finlandia alla NATO è un disastro militare per Mosca. E questo per diverse ragioni.

L'ammissione non è ancora assodata: la Turchia infatti si oppone all'adesione perché al presidente Recep Tayyib Erdogan non piace la politica curda di Stoccolma e Helsinki, anche se gli Stati Uniti, ad esempio, sostengono i curdi siriani riuniti nell'YPG. Ma Washington cercherà di usare il suo peso politico per riportare Ankara sulla retta via.

Il motivo è semplice: per la NATO, l'aumento previsto è un vero e proprio colpo di fortuna, come dimostrano i seguenti quattro punti. Dal punto di vista diplomatico, si sono già registrate alcune prese di posizione in merito: il presidente finlandese Sauli Niinisto, ad esempio, ha sottolineato che il suo paese, in quanto membro della NATO, si sentirebbe impegnato anche per la sicurezza della Turchia.

1. Perdita del Mar Baltico e della flotta del Baltico

La Russia naviga per la maggior parte dell'anno in porti ghiacciati. Come ad esempio in quello di Murmansk, nella parte scandinava del Paese, oppure in quello di Sebastopoli in Crimea, che è stato incorporato nel 2014 proprio per questo motivo. E poi ci sono le città che si affacciano sul Mar Baltico: San Pietroburgo, Kaliningrad e le città di Primorsk, Vysotsk e Ust-Luga.

Problema per la flotta russa del Baltico: il Mar Baltico diventerebbe un
Problemi per la flotta russa del Baltico: il Mar Baltico diventerebbe un «lago» della NATO se Svezia e Finlandia vi aderissero.
Google Earth

Il problema per gli ammiragli di Putin è che con l'adesione di Svezia e Finlandia, il Mar Baltico diventerà un «lago» della NATO. La flotta del Baltico potrà attraversare il mare solo su una linea stretta che separa le acque nazionali dei partner dell'organizzazione. Da questa posizione, sarà impossibile guidare i sottomarini senza essere scoperti verso il Mare del Nord e l'Atlantico.

La flotta del Baltico, la parte più antica della marina russa, sarebbe quindi con le spalle al muro. Nemmeno nel porto di San Pietroburgo le navi sarebbero al sicuro in caso di conflitto, dal momento che sarebbero a portata di artiglieria se la Finlandia facesse parte della NATO. Anche la difesa dell'exclave di Kaliningrad sarebbe molto più difficile in questo contesto.

Corvetta svedese HMS Visby: le marine svedesi e finlandesi sono ben adattate alle condizioni del Mar Baltico.
Corvetta svedese HMS Visby: le marine svedesi e finlandesi sono ben adattate alle condizioni del Mar Baltico.
archivio

2. Minaccia per la penisola di Kola

La penisola di Kola è di estrema importanza militare per Mosca. Non è solo la sede di Murmansk, uno dei porti più importanti del Paese, ma anche del quartier generale della Flotta del Nord a Severomorsk, che diventerà ancora più importante con il riscaldamento del Mar Glaciale Artico. Qui si trovano infatti diversi lanciatori per missili balistici intercontinentali nucleari.

Il bombardiere strategico Tu-160 su Mosca nel giugno 2020.
Il bombardiere strategico Tu-160 su Mosca nel giugno 2020.
EPA

Allo stesso tempo, ci sono molti aeroporti sparsi nella zona che ospitano la flotta di bombardieri tattici dell'aviazione russa: jet come il Mig-31 Foxhound, il Tu-160 Blackjack, il Tu-22M Backfire o il Tu-95 Bear sono di stanza qui. Non c'è da stupirsi che Mosca sia stata finora riluttante a mostrare le sue carte sulla penisola. Ciò è evidente al posto di frontiera settentrionale OP 247 in Norvegia, al confine con la Russia, dove la NATO ha istituito un punto di ascolto.

È evidente che «infastidisce molto i russi», ha dichiarato tre anni fa alla «National Public Radio»il capitano Sigurd Harsheim della Border Force. «In pratica, avete un buon controllo sull'intero Mare di Barents e su tutto ciò che lo circonda. Penso che siano anche irritati perché [il radar] proviene dagli Stati Uniti».

La penisola di Kola non è solo interessante in quanto sede del sottomarino nucleare, ma ospita anche le forze speciali navali Spetsnaz e vari siti di test per nuove armi.

Un Tu-95 al MAKS-2011 air show il 16 agosto a Zhukovsky, Russia.
Un Tu-95 al MAKS-2011 air show il 16 agosto a Zhukovsky, Russia.
archivio

3. Raddoppio della linea di contatto

Vladimir Putin non ha ridotto la linea di contatto con la NATO, che era il suo obiettivo prima dello scoppio della guerra, ma l'ha raddoppiata: il confine con la Finlandia misura 1300 chilometri. E assicurare militarmente quest'area costerà al Cremlino molto denaro, perché qui dovranno essere dislocati molti più soldati.

Perché? Ora che è chiaro quanto la Penisola di Kola sia importante non solo militarmente, ma anche economicamente grazie al porto di Murmansk, ecco che si presenta il dilemma per Mosca: la regione è collegata al resto del Paese solo da una linea ferroviaria e da un'autostrada. La ferrovia di Murmansk e l'autostrada europea E-105 si estendono per 700 chilometri a sud di Murmansk attraverso fitte foreste fino a dividersi.

La penisola di Kola con la strada europea 105 come linea gialla.
La penisola di Kola con la strada europea 105 come linea gialla.
Google Maps

Questa circostanza deve essere un vero orrore per i leader militari dopo le lezioni ricevute dalla guerra in Ucraina, dove è stato dimostrato quanto i convogli siano vulnerabili agli attacchi in questo tipo di terreno. Fanti e forze speciali possono facilmente nascondersi nelle foreste per effettuare attacchi contro le linee di rifornimento. Senza un numero sufficiente di caserme, la cui costruzione è già stata annunciata, la zona non può essere difesa.

4. La NATO guadagna in qualità e quantità

Svezia e Finlandia collaborano da anni con la NATO nell'ambito del Partenariato per la pace. Per questo motivo, ma anche per le armi occidentali che la Finlandia, ad esempio, ha nel suo arsenale, l'integrazione nell'alleanza non è un problema per i militari di tutte le parti coinvolte. Ecco infatti le attrezzature che verranno fornite.

L'aeronautica finlandese dispone di 55 jet F/A-18C Hornet, per i quali sono state acquistate molte munizioni moderne come le bombe a guida laser. Saranno sostituiti da 64 F-35A Lightning, che saranno consegnati a partire dal 2026. La Svezia completa il portafoglio con 71 Jas-39 Gripen, che, come vettore d'armi a basso costo, è il complemento ideale dell'F-35.

I jet JAS-39 Gripen in una dimostrazione in Ungheria nel 2019.
I jet JAS-39 Gripen in una dimostrazione in Ungheria nel 2019.
EPA

Anche i nuovi modelli sono molto incisivi sul terreno: Helsinki ha raddoppiato la sua forza di carri armati nell'ultimo decennio, arrivando a circa 200 Leopard 2, 100 dei quali sono stati aggiornati alla versione Leopard 2A6. La Svezia contribuisce con 120 Stridsvagn 122, basati sul Leopard 2. I due Paesi superano così l'inventario dei carri armati tedeschi, che si stima sia di circa 266 Leopard 2.

Un Leopard finlandese 2 all'inizio di maggio 2022 a Kankaanp durante una manovra.
Un Leopard finlandese 2 all'inizio di maggio 2022 a Kankaanp durante una manovra.
AP

Helsinki ha anche molto da offrire in termini di artiglieria: circa 700 cannoni, 700 mortai e 100 lanciarazzi multipli fanno della Finlandia una potenza in questo campo. La Svezia può contribuire con 600 mortai e alcuni sistemi di artiglieria. Tra l'altro, la Finlandia stessa è molto ben preparata per questo tipo di attacchi: come in Svizzera, infatti, i nuovi edifici al di sopra di una certa dimensione devono essere dotati di bunker.

Per concludere con una nota negativa per Putin, diamo un'occhiata alle dimensioni degli eserciti: con un organico attivo di 23.000 soldati, la Finlandia ha solo 1.000 membri in meno rispetto all'esercito svedese. Ma in Finlandia vige il servizio militare obbligatorio: in caso di guerra, è disponibile una riserva di circa 900.000 persone.