Esercito russo in difficoltà

Le perdite di Putin sono così alte che la mobilitazione sembra imminente

Di Philipp Dahm

5.5.2022

Russian army tanks drive during a rehearsal for the Victory Day military parade which will take place at Dvortsovaya (Palace) Square on May 9 to celebrate 77 years after the victory in World War II in St. Petersburg, Russia, Thursday, April 28, 2022. (AP Photo/Dmitri Lovetsky)
Un'esercitazione militare a San Pietroburgo il 28 aprile per la parata di Mosca: nel Giorno della Vittoria, la parata sarà il 35% più piccola del previsto a causa della guerra in Ucraina.
KEYSTONE/AP Photo/Dmitri Lovetsky

Mosca non è in grado di sostituire adeguatamente i suoi soldati incapacitati a combattere. Le cose stanno andando male anche per l'equipaggiamento militare, che potrebbe riportare la Russia indietro di anni. È dunque in arrivo una mobilitazione?

Di Philipp Dahm

5.5.2022

Sulla carta, le forze armate russe hanno tra 900.000 e un milione di membri. Si dice che il personale militare attivo in Ucraina ammonti a 245.000 uomini. Tuttavia, queste informazioni non si riferiscono solo alle forze di terra, ma includono anche quelle che prestano servizio nella marina, nell'aeronautica e nelle forze missilistiche.

In effetti, Mosca ha circa 280.000 militari, 50.000 soldati aviotrasportati e 35.000 marines disponibili sui campi di battaglia ucraini, ma da questi ne deve essere detratto circa il 30% di coscritti e delle perdite, che l'offensiva russa ha richiesto finora.

Le informazioni a riguardo sono molto contraddittorie: secondo le indicazioni occidentali, il tasso di vittime è diminuito da quando l'offensiva si è concentrata sul Donbass, ma i numeri rimangono alti, come riferisce «Reuters».

Kiev parla di 23.800 soldati nemici che sono stati uccisi. Il Cremlino ammette 1.500 morti. Le Nazioni Unite – per completezza – stimano con prudenza i numeri delle vittime civili a 3.153 morti e 3.316 feriti.

Il servizio segreto britannico presume che la Russia abbia istituito 120 cosiddetti Battalion tactical groups (BTG), in cui diverse categorie di truppe come carri armati, fanteria, artiglieria e difesa antiaerea sono concentrate e inviate in battaglia. Questo avrebbe vincolato quasi due terzi dell'intera forza di terra. Questa è supportata da circa 35.000 combattenti del Donbass, che si dice siano scarsamente addestrati ed equipaggiati.

Interessate le «migliori unità»

Di questi 120 BTG, gli avversari ucraini ne avrebbero neutralizzati non meno di un quarto, secondo l'analisi dell'MI6. Sarebbe estremamente dannoso per l'esercito di Mosca perché queste perdite interesserebbero «alcune delle migliori unità russe». Le truppe aviotrasportate, la maggior parte delle quali sono state coinvolte senza successo nella battaglia per l'aeroporto di Kiev-Hostomel, hanno sofferto particolarmente.

Ora il Cremlino deve affrontare un problema: Vladimir Putin ha bisogno di riempire i ranghi promettendo allo stesso tempo di non usare coscritti. Inoltre, il presidente russso non ha voluto indire una mobilitazione per non perdere il sostegno dell'opinione pubblica. Presumibilmente, Mosca ha ora aumentato i suoi sforzi per reclutare nuovo personale e prenderà sempre più di mira i veterani.

Perdita di materiale bellico

A questo si aggiunge la perdita di materiale: anche se si presume che i dati ucraini siano stati molto esagerati, i numeri sono enormi. Anche se solo 500 invece dei presunti 1.048 carri armati o solo 100 invece di 194 aerei sono stati distrutti, questo equipaggiamento bellico deve prima essere sostituito. E questo in un'economia soggetta a sanzioni.

«Ho bisogno di più persone»

«Putin ha un problema: la Russia non può compensare le perdite di guerra in Ucraina»: è un titolo del sito web specializzato «19FortyFive». Se questo sia il caso è da vedere nel prossimo futuro. Ma è anche avvincente guardare oltre: «Ci vorranno probabilmente anni prima che la Russia ristabilisca queste forze», scrive il servizio segreto britannico.

Una possibile ragione: se nessun veterano sarà nuovamente arruolato, l'addestramento di nuove reclute richiederà del tempo.

Un altro problema per Mosca è che non può inviare tutti i soldati professionisti in Ucraina. Al confine con la Cina, la Russia può certamente permettersi di ridurne drasticamente il numero, ma in una zona calda come Kaliningrad, basi straniere come l'Armenia o la Siria e nell'estremo Oriente al confine con il Giappone, non c'è bisogno solo di reclute. In che modo l'esercito di Putin intende avanzare in Transnistria?

epa09908818 A tractor drives near destroyed RussianAPCs in recaptured by the Ukrainian army Rusaniv village of Kyiv area, Ukraine, 25 April 2022. Russian troops entered Ukraine on 24 February resulting in fighting and destruction in the country, and triggering a series of severe economic sanctions on Russia by Western countries. EPA/OLEG PETRASYUK
Il 25 aprile un trattore passa davanti a dei veicoli corazzati russi bruciati nel villaggio di Ruzaniv, vicino a Kiev.
KEYSTONE/EPA/OLEG PETRASYUK

In questo contesto, non sorprende che i media come la CNN stiano speculando su un nuovo colpo di timpano nel Giorno della vittoria. Invece di annunciare la conclusione «di successo» della campagna entro il 9 maggio, come previsto in precedenza, Putin potrebbe dichiarare ufficialmente guerra all'Ucraina e chiamare così alla mobilitazione.

«Penso che [Putin] cercherà di deviare dalle sue "operazioni speciali"», ha dichiarato alla CNN il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace. «Ha tirato fuori la zolla e ha preparato il terreno per poter dire: "Guarda, questa è ora una guerra contro i nazisti, e quello di cui ho bisogno sono più persone"».