Eliseo 2022

Le Pen accusata di appropriazione indebita

DPA/Red.

18.4.2022

Concorre contro l'incombente Emmanuel Macron alle elezioni di ballottaggio del 24 aprile: Marine Le Pen.
DPA

Le Pen ha sottratto più di 130.000 franchi di fondi europei durante il suo mandato di deputato europeo tra il 2004 e il 2017? La procura di Parigi ha già ripreso la questione.

DPA/Red.

18.4.2022

Nel mezzo della campagna elettorale francese, le accuse di appropriazione indebita contro la candidata presidenziale di destra Marine Le Pen stanno facendo scalpore.

L'11 marzo è stato ricevuto un rapporto dell'agenzia antifrode dell'UE, OLAF, con accuse contro Le Pen, che è ora sotto esame, ha spiegato la procura di Parigi alla Deutsche Presse-Agentur.

L'avvocato di Le Pen respinge le accuse

Il portale di notizie investigative «Mediapart» aveva pubblicato parti del documento sabato. Secondo il rapporto, la Le Pen è accusata di aver sottratto quasi 137.000 euro di fondi europei durante il suo periodo come europarlamentare tra il 2004 e il 2017.

L'avvocato di Le Pen, Rodolphe Bosselut, citato da Mediapart nel rapporto, nega le accuse. La promessa presidenziale si riserva il diritto di intraprendere azioni legali contro gli ex assistenti o fornitori di servizi che potrebbero aver sottratto fondi o commesso altri comportamenti scorretti all'insaputa di Le Pen.

Secondo Bosselut, l'autorità di OLAF non è indipendente. Inoltre, l'avvocato ha criticato il tempismo della pubblicazione, poco prima del secondo turno delle elezioni presidenziali del 24 aprile.

Nominati altri tre parlamentari europei

Oltre a Le Pen, secondo «Mediapart», altri tre ex parlamentari europei del suo partito - allora Front National, ora Rassemblement National - sono nominati nel rapporto OLAF: suo padre Jean-Marie, il suo ex compagno di vita Louis Aliot e l'ex vicepresidente del partito Bruno Gollnisch.

In totale, si dice che abbiano speso ben 486.000 euro non in conformità con lo scopo previsto. Il denaro che in realtà deve essere usato solo nel contesto delle loro attività come eurodeputati è stato speso per scopi politici nazionali o per sostenere fornitori di servizi che sono vicini al partito.

Aliot, ora sindaco di Perpignan, ha negato le accuse domenica su Franceinfo. Ha detto che OLAF e Mediapart starebbero operando al di fuori della legge e ha dichiarato che sperava di intraprendere un'azione legale per scoprire da dove provenivano le fughe di notizie e come si era svolta l'indagine.

Le accuse non sono le prime del loro genere a incriminare la Le Pen e il suo partito, in particolare quelle di occupazione fittizia esistono da anni.

Le accuse riguardano il possibile impiego di assistenti di diversi deputati francesi che sono stati pagati con denaro del Parlamento europeo, ma che in realtà lavoravano per il partito.