Crimini di guerra

«Per una condanna, Putin dovrebbe prima essere deposto»

Di Lia Pescatore

2.5.2022

Il presidente russo Vladimir Putin ascolta il presidente della Transneft Nikolay Tokarev al Cremlino di Mosca, giovedì 21 aprile 2022.
Il presidente russo Vladimir Putin ascolta il presidente della Transneft Nikolay Tokarev al Cremlino di Mosca, giovedì 21 aprile 2022.
KEYSTONE/Mikhail Klimentyev, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP

L'avvocato penalista Stefan Trechsel non crede che Putin sarà consegnato alla giustizia: «Il potere viene prima». Tuttavia, ritiene essenziale il lavoro della Corte penale internazionale. Lui stesso è stato giudice presso il Tribunale Internazionale dell'ex Jugoslavia.

Di Lia Pescatore

2.5.2022

Le immagini delle atrocità di Bucha e Kramatorsk sono circolate in tutto il mondo. Quanto influiscono i social media e internet sul lavoro degli investigatori?

Non è possibile una completa schermatura dei giudici, ma nemmeno degli altri funzionari e dei dipendenti di un tribunale. Spetta poi ai giudici prendere le distanze da tutto questo e basare la loro decisione unicamente su ciò che viene loro presentato in tribunale. Ciò significa anche che il mezzo di prova è di importanza cruciale. L'accusa deve presumere che i giudici non sappiano nient'altro che ciò che viene loro presentato in tribunale. Ecco perché è molto importante che tutti i fatti siano supportati da prove.

Quali sono le migliori prove?

Stefan Trechsel
zVg

Il quasi 85enne Stefan Trechsel è stato professore ordinario di diritto penale e diritto processuale penale presso le Università di San Gallo e Zurigo. Ha presieduto la Commissione europea dei diritti umani dal 1995 al 1999 ed è stato giudice supplente presso il Tribunale Internazionale dell'ex Jugoslavia dal 2006 al 2013.

Le prove principali sono ancora i testimoni. Persone che hanno assistito o osservato gli incidenti o che hanno sentito notizie su quanto accaduto da altre persone, in particolare da testimoni oculari o uditivi, che non sono però in grado di testimoniare, ad esempio perché sono nel frattempo deceduti. Anche le registrazioni dei telefoni cellulari, ad esempio delle conversazioni, sono molto preziose, poiché esse sono molto convincenti e raggiungono direttamente gli inquirenti e non tramite le persone coinvolte che potrebbero averle falsificate.

Poi seguono le prove come foto, video o registrazioni audio. Potrebbero giocare un ruolo importante anche i documenti, come gli ordini operativi, gli elenchi di membri dell'equipaggio o i rapporti giornalieri. I tedeschi tenevano dei libri molto meticolosi durante la Seconda Guerra Mondiale, che potevano quindi essere utilizzati, rendendo più facile il lavoro della corte. In Ucraina è meno probabile che sia così.

La raccolta delle prove è già in pieno svolgimento e l'Ucraina ha creato un sito web per tale scopo. Cosa succederà a tutti questi dati?

Per prima cosa devono arrivare all'autorità responsabile, che innanzitutto controlla che il materiale sia autentico e corretto. Nel caso dei testimoni, l'interrogatorio in tribunale è sempre bilaterale, sia da parte dell'accusa che della difesa, che può anche presentare i propri testimoni. Il tempo trascorso al tribunale dell'ex Jugoslavia mi ha fatto capire quanto sia prezioso questo metodo di controinterrogatorio per accertare la verità. In generale, è della massima importanza che i diritti della difesa siano scrupolosamente rispettati.

Dei casi di stupro sono stati segnalati anche dall'Ucraina. Quali sono le difficoltà nel fare chiarezza su tali crimini?

La difficoltà principale sta nel fatto che le donne sono spesso riluttanti a parlare di tali esperienze, perché non vogliono più confrontarsi con fatti così terribili. Tuttavia, la collaborazione della vittima è essenziale per il chiarimento. Se è d'accordo, esistono esami ginecologici e indagini del DNA che nella migliore delle ipotesi possono indicare un colpevole. L'analisi del DNA, in particolare, consentirebbe l'accesso a un profilo dell'autore del reato, ad esempio alle informazioni sulle sue origini. Ma non è ancora consentito.

In generale quali sono le difficoltà nella deduzione delle prove?

La difficoltà maggiore non è provare cosa sia successo, ma chi è il responsabile, soprattutto quando non si tratta degli esecutori testamentari, ma di coloro che danno gli ordini. Anche al processo presso il tribunale dell'ex Jugoslavia è stato possibile condannare un gran numero dei comandanti accusati, ma non tutti. Il giudice deve chiarire se vi sia un'altra ragione plausibile per quanto accaduto oltre alla spiegazione fornita dall'atto d'accusa. C'è anche una certa quantità di speculazioni coinvolte. Se sembra plausibile anche un altro scenario, la dimostrazione è fallita.

Ha un esempio specifico?

Abbiamo avuto un caso in cui una moschea è stata fatta saltare in aria in una città. Era ovvio che i croati, accusati dall'accusa, erano i responsabili dell'esplosione. Ma in questo villaggio vivevano anche dei musulmani. Non si può escludere del tutto che questi ultimi abbiano causato la deflagrazione come provocazione e poi abbiano accusato del crimine i croati. Dato che questo scenario ci sembrava plausibile, alla fine i croati furono assolti, anche se era più probabile che fossero stati loro a compiere l'attacco.

Non è difficile da comprendere per le persone colpite?

No, non credo. È una procedura globale, il verdetto della nostra procedura, uno dei tanti del tribunale dell'ex Jugoslavia, che conta oltre 2.600 pagine. Quindi la motivazione è completa. Ma alcuni troveranno difficile accettare il principio del «fornire all'imputato il beneficio del dubbio».

Cosa deve succedere perché il presidente di uno Stato possa venire condannato anche per un crimine commesso dalle truppe?

Per questo c'è bisogno della prova che il presidente fosse a conoscenza di questi incidenti. Questo è ad esempio il caso quando è stato lui stesso a emanare l'ordine. Ma una condanna è possibile anche se non si riesce a provare un ordine diretto. Il presidente, come tutti gli altri comandanti, è obbligato a prevenire i crimini di guerra. Se tali funzionari non sfruttano l'opportunità di fermarli, anche loro possono essere perseguiti.

Un presidente potrebbe mai essere condannato per aver violato il dovere di comandante?

Per quanto ne so, nessun presidente è mai stato condannato. Nel caso dell'ex presidente jugoslavo Slobodan Milosevic l'opinione generale è che probabilmente ci sarebbe stata una condanna, ossia che lui era coinvolto nel procedimento. Ma è sfuggito al verdetto con la sua morte e quindi è rimasto formalmente innocente. Tuttavia, una condanna per mancato comando ad altri livelli non è insolita dal punto di vista legale.

È la decisione di quale tribunale ad avere il maggiore impatto?

Considero importante ed essenziale il lavoro della Corte penale internazionale. Questo è il tribunale che dovrebbe giudicare tutti i leader in un caso del genere. La magistratura nazionale, invece, tende a operare ai margini. In ambito nazionale si tratta spesso, ma non sempre, di un procedimento contro i cittadini dello Stato, che conduce la procedura. Tutte le procedure sono importanti, ma il focus è certamente sulla giurisdizione internazionale.

Russia e Ucraina non riconoscono la Corte internazionale di giustizia: la sentenza non avrebbe quindi un effetto di richiamo?

Sì, perché quando un tribunale internazionale emette una sentenza, essa è valida. Quanto sia efficace il giudizio, tuttavia, è un'altra questione. Ad esempio, lo statuto del Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia contiene norme per l'esecuzione delle sentenze. Le sanzioni emesse dal giudice sono effettivamente eseguite. Nel complesso questo ha funzionato bene.

Con la Russia abbiamo a che fare con uno Stato potente. Che ruolo gioca la politica nei procedimenti giudiziari?

Nel conflitto tra Ucraina e Russia, la politicizzazione sarà chiaramente molto più massiccia che nel caso dell'ex Jugoslavia. A quel tempo, il mondo era d'accordo sul fatto che venissero commessi dei crimini di guerra e che dovessero essere puniti. Nel conflitto Ucraina-Russia è molto più difficile, perché Mosca nega ogni colpa e responsabilità e considera legittime le proprie azioni.

Quindi anche la politica potrebbe impedire le condanne?

Sì, è più difficile trovare un consenso politico in questo caso, sebbene ci siano chiaramente crimini contro le persone. Da un lato, la Russia ha il diritto di veto nel Consiglio di sicurezza dell'ONU, dall'altro non ci si può fidare della Cina quando si tratta di far rispettare la giustizia. La giustizia risulta quindi meno importante e il potere viene prima. Se succede qualcosa dipende dalle relazioni di potere. Da questo punto di vista, il conflitto Ucraina-Russia appare difficile.

Crede che ci saranno delle condanne?

Credo che con questa grande resistenza politica difficilmente ci saranno delle condanne da parte della magistratura internazionale. La Russia dovrebbe essere coinvolta in un procedimento penale in primo luogo. Ciò è molto improbabile, dato l'attuale equilibrio di potere. Affinché il presidente Putin venga condannato, la Federazione Russa dovrebbe crollare o Putin dovrebbe essere estromesso.

Quale contributo possono dare gli Stati nazionali come la Svizzera nella risoluzione dei crimini di guerra?

Se ad esempio compare in Svizzera un sospetto accusato da avvocati in Ucraina, la magistratura elvetica può perseguire e condannare la persona e anche eseguire qualsiasi sentenza. Questo è già successo nella storia della Confederazione, quindi non credo sia illusorio.