Pride

Pride: Turchia, scontri e arresti a marcia non autorizzata

SDA

27.6.2021 - 12:53

Canti e slogan di protesta ieri a Istanbul nel corso della Gay Pride.
Canti e slogan di protesta ieri a Istanbul nel corso della Gay Pride.
Keystone

Scontri tra polizia e manifestanti ieri a Istanbul durante la Marcia per il Gay Pride, anche quest'anno vietata dalle autorità turche.

SDA

27.6.2021 - 12:53

Secondo gli attivisti, le forze di sicurezza hanno arrestato 25 manifestanti che si erano radunati a Taksim, un distretto che ha ospitato in passato le marce del Pride, da sette anni vietate dalle autorità.

Portando bandiere arcobaleno e cantando slogan che affermavano «l'esistenza» delle persone LGBTQ in Turchia, i manifestanti avevano tentato di aggirare il blocco della polizia per le strade secondarie, ma sono stati violentemente dispersi. «Non stiamo facendo del male a nessuno», ha urlato un manifestante alla polizia mentre teneva per mano un altro uomo.

Fermato e poi rilasciato dopo molte ore anche un fotografo della Afp, Bulent Kilic che ha dichiarato di aver presentato una denuncia per «arresto violento» contro la polizia che lo ha bloccato a terra e gli ha spinto le gambe nel collo e nella schiena durante l'arresto.

Dopo la spettacolare parata del Pride di Istanbul nel 2014 a cui hanno partecipato più di 100.000 persone, le autorità turche hanno vietato la marcia negli ultimi anni, ufficialmente per motivi di sicurezza. I gruppi LGBTQ accusano il governo turco di condurre una «campagna di odio» contro di loro, incoraggiando la violenza contro una comunità vulnerabile.

SDA