Cosa c'era in casa sua? Prigozhin in privato: selfie con parrucche, foto dell'orrore e fucili d'assalto

Di Philipp Dahm

6.7.2023

Yevgeny Prigozhin è tornato nella sua città natale, San Pietroburgo. Cosa ci fa lì? Il 62enne si sta facendo restituire armi e miliardi di rubli confiscati dall'FSB.

Di Philipp Dahm

6.7.2023

Hai fretta? blue News riassume per te:

  • Yevgeny Prigozhin si trovava a San Pietroburgo per ritirare denaro e armi confiscate dal servizio segreto russo FSB.
  • L'FSB ha fatto irruzione nella villa di Prigozhin il 24 giugno a causa della rivolta dei mercenari della Wagner.
  • Le foto scattate durante l'incursione sono state diffuse da un giornale russo, fornendo uno sguardo particolare alla sua vita privata.
  • L'FSB ha restituito a Prigozhin dieci miliardi di rubli che saranno utilizzati per pagare i salari dei mercenari Wagner.
  • Alexander Lukashenko spera che il gruppo Wagner in esilio addestri il suo esercito.

È il 4 luglio a San Pietroburgo: alle 17:00 arriva una BMW serie 7 e dietro di essa una Toyota Land Cruiser con guardie del corpo. Le auto si fermano in viale Liteyny, davanti alla direzione locale dei servizi segreti dell'FSB. Yevgeny Prigozhin scende ed entra nell'edificio.

Poche ore prima, il 62enne era stato invitato ufficialmente lì, fa sapere il sito russo «Fontanka». Il motivo è che i funzionari stanno restituendo all'ex capo del gruppo Wagner armi e denaro, sequestrati durante la perquisizione della sua casa il 24 giugno – vedi la galleria d'immagini in alto.

Già il 2 luglio a Prigozhin sarebbero stati restituiti dieci miliardi di rubli (97,6 milioni di franchi svizzeri) scoperti a San Pietroburgo in un furgone parcheggiato vicino alla sede di Wagner. Due giorni dopo, l'FSB ha consegnato al numero uno dei Wagner fucili e la sua pistola Glock.

Secondo quanto fatto sapere, l'uomo possiede due Kalashnikov semiautomatici Saigas, un fucile del produttore austriaco Steyr Mannlicher, un AR-15 e altre armi. Dopo una breve consegna, l'uomo di San Pietroburgo e le sue guardie del corpo ripartono.

Si pensa che abbia riavuto il denaro perché era destinato a pagare i salari dei mercenari Wagner. L'indagine contro Prigozhin aperta per la rivolta è stata archiviata, ma ora i media russi stanno apparentemente prendendo di mira il padre di tre figli per questo motivo.

Wagner addestra i soldati bielorussi

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha confermato giovedì che Prigozhin ha lasciato il suo esilio. La settimana precedente ha anche rivelato al 68enne il motivo per cui sta accogliendo il gruppo Wagner, per il quale sarebbero state allestite tre basi in Bielorussia: i mercenari devono addestrare i suoi soldati, come riporta la CNN.

Lukashenko afferma di conoscere il gruppo Wagner «da molto tempo: si tratta di persone che hanno combattuto in tutto il mondo per stabilire una civiltà normale. L'Occidente li odia fino al midollo», spiega Lukashenko. Il dittatore avverte di un'escalation della guerra in Ucraina come «l'umanità non ha mai visto prima».

Mentre alla Wagner non è più permesso reclutare in Russia, si suppone che non svolga più un ruolo in Ucraina. Non le è nemmeno più permesso agire in modo indipendente in Siria. Gli affari apparentemente continuano in Africa. Nella Repubblica Centrafricana, un geologo cinese è stato salvato dopo essere stato presumibilmente attaccato da «militanti».