Russia

La mobilitazione preoccupa gli alleati di Putin

SDA

25.9.2022 - 15:20

I due legislatori più anziani della Russia hanno espresso preoccupazione per il modo in cui si sta svolgendo la campagna di mobilitazione nel paese.

Il presidente russo Vladimir Putin (foto d'archivio del 22 settembre). 
Il presidente russo Vladimir Putin (foto d'archivio del 22 settembre). 
KEYSTONE/Gavriil Grigorov, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP

SDA

25.9.2022 - 15:20

Valentina Matviyenko, presidente del Senato russo, ha affermato di essere a conoscenza di segnalazioni di uomini che dovrebbero essere non richiamabili per la leva.

«Tali eccessi sono assolutamente inaccettabili. E ritengo assolutamente giusto che stiano scatenando una forte reazione nella società», ha scritto in un post su Telegram, citato dal «Guardian».

In un messaggio diretto ai governatori regionali della Russia – che, a suo dire, hanno la «piena responsabilità» per l'attuazione della convocazione – ha scritto: «Assicurarsi che l'attuazione della mobilitazione parziale avvenga nel pieno e assoluto rispetto dei criteri delineati. Senza un solo errore».

«Se viene commesso un errore, è necessario correggerlo»

Vyacheslav Volodin, un altro alleato del presidente Vladimir Putin e presidente della Duma, la Camera bassa della Russia, ha espresso le sue opinioni in un post separato: «Si stanno ricevendo reclami», ha detto.

«Se viene commesso un errore, è necessario correggerlo. Le autorità di ogni livello dovrebbero comprendere le proprie responsabilità», ha scritto.

Il 28 gli arruolabili  potrebbero non poter più lasciare il Paese

Il sito indipendente Meduza, citando una fonte del Cremlino, riferisce che probabilmente dal 28 settembre agli uomini in età di mobilitazione nella Federazione Russa sarà vietato lasciare il paese.

Secondo la fonte, per attraversare il confine dovranno ottenere un permesso dal Commissariato militare, una sorta di «visto di uscita».

Quando il 21 settembre Putin ha annunciato la mobilitazione «parziale» il ministro della difesa Sergy Shoigu ha dichiarato che saranno mobilitate circa 300.000 persone.

Intanto Pavlo Chikov, presidente del gruppo per i diritti umani ‹Agora›, scrive su Telegram – citato da Unian – che il servizio di sicurezza di frontiera dell'Fsb russo ha già iniziato a vietare ai cittadini della Federazione di lasciare il paese. Il messaggio afferma che i cittadini che cercano di attraversare il confine tra Russia e Kazakhstan sono limitati in base alla decisione del Commissariato militare.

Potrebbe aumentare l'età di chiamata degli immigrati 

Il presidente del Consiglio per i diritti umani del Cremlino Valery Fadeyev ha proposto di prendere in considerazione la possibilità di aumentare a 45 o 50 anni l'età di richiamo dei lavoratori immigrati e di altri cittadini che sono arrivati in Russia e hanno ricevuto la cittadinanza russa.

«La Costituzione dice che difendere la Patria è un dovere e una responsabilità del cittadino della Federazione Russa, senza fare alcuna differenza tra chi ha ricevuto la cittadinanza alla nascita e chi è stato naturalizzato. È necessario colmare questa lacuna giuridica e considerare la possibilità di aumentare l'età di chiamata per i cittadini naturalizzati a 45 o 50 anni», ha dichiarato domenica Fadeyev sul canale Telegram del Consiglio, citato da Interfax.

La questione della mobilitazione è molto delicata per la società, e la richiesta di giustizia e trasparenza di questa procedura è estremamente alta, ha detto. Una delle lamentele più frequenti riguarda i lavoratori migranti e altri cittadini che sono arrivati in Russia e hanno ricevuto la cittadinanza russa.

Al momento il limite è a 27 anni

«Secondo la legge attuale, se hanno più di 27 anni non possono essere chiamati per il servizio militare e non possono essere inclusi nella riserva», ha detto Fadeyev.

Non si tratta di mobilitare immediatamente gli stranieri naturalizzati, perché sarebbe una discriminazione, ha detto. E ha fatto l'esempio di Israele dove a un rimpatriato viene concesso un anno per ambientarsi, dopodiché viene chiamato a prestare servizio nell'Esercito.

Il Consiglio per i diritti umani ha in programma di tenere presto consultazioni su questo tema con le commissioni competenti del parlamento.

Come stanno andando i referendum?

Secondo l'agenzia di stampa statale russa Tass, i primi exit poll rivelano che il 93% delle schede elettorali si esprime a favore dell'adesione alla Russia nel primo giorno del referendum nella regione di Zaporizhzhia.

Per quanto riguarda l'autoproclamata repubblica del Donetsk (Rpd), l'ambasciatrice a Mosca Olga Makeeva – citata dalla Tass – riferisce che più di 236.000 cittadini hanno espresso il loro voto.

Secondo il presidente della Commissione elettorale centrale Vladimir Vysotsky, oltre 850.000 persone hanno votato al referendum nel Donetsk in due giorni: l'affluenza ha raggiunto il 55,05%.

La commissione elettorale della regione di Kherson ha registrato un'affluenza alle urne del 31,79% dopo due giorni di referendum, ha dichiarato la presidente della commissione elettorale.

Infine, l'affluenza nel Lugansk fino a ieri sera alle 20.00 è stata del 45,86%: più di 624.000 persone hanno votato in due giorni, ha dichiarato il capo della Commissione elettorale Elena Kravchenko.

I referendum sull'adesione alla Russia sono iniziati nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e nelle aree occupate dai russi delle regioni di Kherson e Zaporizhzhia il 23 settembre. Proseguiranno fino al 27 settembre.

Quasi 800 manifestanti detenuti in Russia

Sono 799 i manifestanti attualmente detenuti in Russia dopo gli arresti nel corso delle proteste contro la mobilitazione, secondo i dati aggiornati del progetto media indipendente sui diritti umani Ovd-Info.

In totale sarebbero stati arrestati circa 2'000 dimostranti, per la maggior parte rilasciati.

Ovd-Info ha raccolto le testimonianze di alcuni attivisti che hanno riferito di essere stati trattenuti in un dipartimento di polizia di Mosca dopo che gli era stato impedito di telefonare e avevano dovuto consegnare il cellulare. Ai fermati sono state prese le impronte digitali e sono stati fotografati.

A San Pietroburtgo l'attivista per i diritti umani Dinar Idrisov ha raccontato che gli arrestati sono stati trattenuti tutta la notte senza protocollo.

Un altro attivista, Ilya Leshukov, ha detto a Ovd-Info che a Kotlas (regione di Arkhangelsk), le forze di sicurezza hanno arrestato il vice sindaco Anatoly Arseev, che stava filmando una manifestazione.

SDA