Cherson nel mirino

Sei punti a favore di una tenace offensiva dell'Ucraina

di Philipp Dahm

16.8.2022

Alcuni soldati ucraini effettuano delle esercitazioni vicino al villaggio di Urzuf, non lontano da Mariupol, nella regione di Donetsk . EPA/IRINA GORBASYOVA
Alcuni soldati ucraini effettuano delle esercitazioni vicino al villaggio di Urzuf, non lontano da Mariupol, nella regione di Donetsk . EPA/IRINA GORBASYOVA
KEYSTONE

Per la prima volta, l'esercito ucraino vuole passare all'offensiva nella regione di Cherson. I presagi ci sono: il flusso di armi dall'Occidente continua, le nuove tattiche hanno successo e cresce anche il numero delle truppe.

di Philipp Dahm

16.8.2022

L'Ucraina ritiene che la Russia stia radunando soldati per attaccare Krywyj Rih nella regione di Dnipropetrovsk. Mosca potrebbe finalmente vantare un altro successo propagandistico: nella grande città è infatti nato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Krywyj Rih si trova a circa 50 chilometri a sud della linea del fronte meridionale, ma la distanza potrebbe aumentare nei prossimi giorni perché l'esercito ucraino sta per attaccare per la prima volta nei pressi di Cherson.

«È nel nostro interesse che questo tipo di politica aggressiva non abbia successo», ha sottolineato Jens Stoltenberg, guardando alla «situazione più pericolosa in Europa dalla seconda guerra mondiale». L'attacco non è diretto solo verso l'Ucraina, ma anche contro «i nostri valori e l'ordine mondiale che vogliamo».

Le ragioni di questa situazione e il motivo del successo dell'offensiva ucraina nella regione di Cherson spiegati in sei punti.

1. Le armi

Gli aiuti militari all'Ucraina non si fermano. Dopo che la Polonia ha fornito al paese vicino un gran numero di carri armati PT-91 Twardy, all'inizio di agosto sono stati inviati a Kiev anche circa 30 T-72 dalla Macedonia del Nord. Si dice che quest'ultima abbia fornito al Paese anche quattro aerei da attacco al suolo Su-25. Dalla Norvegia sono invece arrivati 14 veicoli blindati Iveco LAV III.

Anche la Germania sta aumentando molto le forniture di armi. Kiev, infatti, ha comprato da Berlino 100 Panzerhaubitzen 2000 per 1,7 miliardi di euro, che si aggiungono ai nove già consegnati. È stata anche approvata l'esportazione di 30 carri Gepard e la consegna di 16 carri armati Biber. Ultimo, ma non meno importante, il ministro della Difesa ucraino è soddisfatto dell'arrivo dei lanciarazzi MLRS, che hanno lo stesso potenziale degli Himar.

A proposito: altri quattro Himar sono arrivati dagli Stati Uniti il 1° agosto e lo zio Sam fornisce a Kiev anche e soprattutto le munizioni di cui ha un disperato bisogno: recentemente sono stati promessi 75.000 colpi di munizioni da 155 millimetri e più razzi Himars. 

Proprio in vista di queste forniture, il 4 agosto il segretario generale della NATO Stoltenberg ha assicurato che stanno lavorando a stretto contatto con l'industria degli armamenti per garantire all'Ucraina un approvigionamento a lungo termine.

2. La tattica

Mentre la Russia ha usato, per esempio, l'artiglieria a pieno ritmo nella battaglia nel Donbass, i difensori usano le loro nuove armi occidentali con la tattica «shoot-and-scoot», ovvero spara e scappa. Il fuoco dell'artiglieria lascia una scia che rende i cannoni facili da individuare sul radar ed è possibile così rispondere al fuoco. Pertanto, i bersagli vengono selezionati e attaccati in modo mirato per potersi ritirare immediatamente.

Dopo che l'Ucraina ha distrutto diversi campi di munizioni russi, l'artiglieria di Mosca ora spara molto meno spesso verso ovest. Il successo di questa tattica è suggerito dalla segnalazione di treni di munizioni in fiamme: stando ai russi si sono incendiati accidentalmente già due volte dopo che le granate, che avevano lo scopo di deviare i missili Himars, hanno innescato il fuoco.

Mosca non è stata in grado di intercettare i missili fino ad ora e gli ucraini stanno complicando le cose agli aggressori sparando artiglieria missilistica a basso costo vicino all'Himar per rendere più difficile il contrattacco esatto. 

Negli Stati Uniti, nel frattempo, le voci che chiedono di rifornire Kiev di missili a lungo raggio diventano sempre più forti: l'ATACMS può colpire bersagli a 300 chilometri di distanza.

3. L'usura

Per quanto riguarda il rifornimento, non sono importanti solo le nuove armi, ma anche i pezzi di ricambio. Quello che succede quando gli artiglieri non vogliono o non possono mantenere il loro equipaggiamento, si vede nell'immagine sottostante, che mostra un D20, un cannone da 152 millimetri a cui è scoppiata la canna.

bulgarianmilitary.com

Esistono diverse foto di cannoni rotti, tra cui l'enorme 2S7M Malka con un calibro di 203 millimetri. Secondo gli esperti, il tubo di un cannone da 150 millimetri ha una durata di 1500 colpi. In caso di bombardamenti estremamente pesanti, potrebbe essere necessario una sostituzione già dopo due mesi.

Tutto ciò non è un problema esclusivamente russo, come hanno potuto sperimentare anche le forze ucraine: a causa dell'alta velocità di fuoco, le canne del Panzerhaubitze 2000 stanno cedendo. Per evitare ulteriori problemi in futuro, secondo lo «Spiegel», la Germania sta pianificando la costruzione di un centro di manutenzione in Polonia: «L'idea da sola dimostra ancora una volta che Berlino si prepara per una lunga guerra in Ucraina», analizza la rivista di Amburgo.

4. I partigiani

Anche i partigiani e i collaboratori sono un problema per entrambe le parti. A Mykolaiv è ora in vigore il coprifuoco per catturare coloro che assegnano obiettivi all'artiglieria russa. Ecco come appare: le fotografie mostrano i presunti SMS, che i probabili collaboratori avrebbero inviato.

Arresto di un probabile collaboratore a Mykolajiw.
Arresto di un probabile collaboratore a Mykolajiw.
u/miragen125

Il collaboratore, tuttavia, con il suo arresto se la cava con un occhio nero: mentre nei territori occupati, i guerriglieri portano avanti una guerra di terrore, che è micidiale. Questo vale per il Donbass...

... ma è soprattutto a Cherson che la resistenza è forte. Qui si trova il quartier generale dei guerriglieri nel sud, scrive la BBC. I membri sono ucraini «che non hanno perso la speranza di una vittoria e vogliono che il paese sia liberato», dice uno di loro al canale britannico. «Certo, hanno paura, ma servire il loro paese è più importante». Gli uomini e le donne saranno pronti quando l'Ucraina tornerà su Cherson.

5. Forze fresche

Che differenza! L'Ucraina non è rimasta indietro con la formazione di volontari, che vogliono proteggere la propria patria. Poiché le capacità di formazione nel Regno Unito non sono sufficienti, ora anche il Canada parteciperà all'addestramento delle reclute di Kiev.

E dall'altra parte? «L'esercito russo in Ucraina sta finendo i soldati», titola «1945». Sul fronte russo, le vittime sono rappresentate sopra la media da minoranze, riporta «Al Jazeera». «La maggior parte dei soldati e degli ufficiali delle truppe di terra e di atterraggio aereo provengono dalle città e villaggi più poveri della Russia», conferma l'esperto militare Pavel Luzin.

Ciò ha una tradizione, perché i ben istruiti prestavano servizio in altri rami delle forze armate. La fanteria serve solo come «carne da cannone». Questo spiegherebbe anche la notizia del perché nel Donbass siano stati arrestati sempre più soldati di lunga data che si rifiutano di eseguire gli ordini.

6. La motivazione

È diverso se ciò per cui si lotta è la propria casa, proprio come Valentyn Didkovskiy, che una volta era in servizio nella guerra in Afghanistan. Oggi il 64enne vive a Butscha, voleva arruolarsi nell'esercito, ma è stato rifiutato  perché ha avuto un ictus. Quando i russi sono arrivati, Valentyn ha preso tutte le armi che aveva e ha contraccambiato.

I combattenti ucraini non sono solo motivati, ma anche ingegnosi. Le loro unità sono riuscite a ingannare i sensori notturni russi, coprendosi con tappetini da ginnastica per non essere riconosciuti. E a Svjatohirsk, nella regione di Donetsk, hanno inviato un commando di quattro uomini a issare la bandiera ucraina nel punto più alto della città occupata dai russi.