A Brnabic l'incarico di formare il nuovo governo serbo

ATS

5.10.2020 - 20:47

Ana Brnabic ha ricevuto l'incarico di formare il nuovo governo serbo.
Source: KEYSTONE/EPA POOL/TATYANA ZENKOVICH/ POOL

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha conferito alla premier uscente Ana Brnabic l'incarico di formare il nuovo governo, dopo le elezioni parlamentari del 21 giugno.

Parlando in diretta tv, Vucic ha elogiato il lavoro fatto dalla premier Brnabic in questi quattro anni di governo, e ha spiegato la sua scelta con la volontà di continuare sulla strada delle riforme seguita finora, che hanno prodotto risultati molto positivi e fruttuosi per il Paese, in particolare nel campo dell'economia, del miglioramento del livello di vita della popolazione, delle infrastrutture e della modernizzazione generale del Paese.

Ana Brnabic, ha detto il presidente, ha condotto una politica disciplinata e responsabile, nell'esclusivo interesse del Paese, senza piegarsi a pressioni e condizionamenti da parte di forze straniere.

Sfide e obiettivi del nuovo Governo

Le sfide e gli obiettivi principali del nuovo governo, ha osservato Vucic, saranno affrontare le pressioni crescenti sulla questione del Kosovo, l'ulteriore rafforzamento del quadro economico-finanziario della Serbia, il potenziamento del sistema sanitario e delle infrastrutture ospedaliere nella lotta alla pandemia da coronavirus, il miglioramento della capacità militari e di difesa.

A Brnabic, ha detto Vucic, ha chiesto in particolare due cose - la creazione di due nuovi dicasteri, uno sui diritti umani e l'uguaglianza di genere e l'altro per la famiglia e i problemi demografici, e la presenza nel nuovo governo di almeno il 50% di donne.

Il presidente, rispondendo ai giornalisti, ha definito del tutto casuale l'annuncio del conferimento dell'incarico per il nuovo governo nella data odierna del 5 ottobre, 20mo anniversario della caduta del regime di Slobodan Milosevic nel 2000.

A tale proposito ha duramente criticato l'operato delle forze che presero il potere nel Paese vent'anni fa, e che si riconoscono nella attuale opposizione radicale.

I problemi del Paese

Riforme incompiute, corruzione, privatizzazioni selvagge, interessi personali e saccheggio delle ricchezze nazionali - questo, ha detto, ha caratterizzato gli anni dalla caduta di Milosevic fino all'avvento al potere del suo Partito del progresso serbo (Sns), otto anni fa.

Partito che ha acquistato un crescente consenso popolare e che ha largamente vinto le elezioni del 21 giugno scorso con oltre il 60% dei voti e 188 seggi in parlamento sul totale di 250.

Le ultime elezioni sono state boicottate dall'opposizione radicale, per protesta contro la politica ritenuta 'autoritaria' del presidente Vucic. Oltre all'Sns, in parlamento sono presenti solo altre due forze politiche, il Partito socialista del ministro degli esteri uscente Ivica Dacic, e il movimento Spas dell'ex pallanuotista Aleksandar Sapic.

Tornare alla home page

ATS