In Bangladesh

Ucciso un leader Rohingya in un campo profughi del Bangladesh

SDA

29.9.2021 - 22:00

Un aggressore non identificato ha ucciso a colpi di arma da fuoco Mohib Ullah, un leader della comunità Rohingya in un campo profughi nel distretto di Cox's Bazar in Bangladesh.
Un aggressore non identificato ha ucciso a colpi di arma da fuoco Mohib Ullah, un leader della comunità Rohingya in un campo profughi nel distretto di Cox's Bazar in Bangladesh.
Keystone

Un aggressore non identificato ha ucciso a colpi di arma da fuoco Mohib Ullah, un leader della comunità Rohingya in un campo profughi nel distretto di Cox's Bazar in Bangladesh, lo hanno reso noto le autorità locali.

SDA

29.9.2021 - 22:00

Mohib Ullah stava parlando con altri leader dei rifugiati fuori dal suo ufficio dopo aver partecipato alla preghiera serale intorno alle 20:00 quando il killer è arrivato sul posto e gli ha sparato almeno tre volte. Trasportato all'ospedale di Medici senza Frontiere nel campo, è arrivato ormai morto.

Ullah era divenuto il principale leader civile della comunità della minoranza musulmana quando oltre 740.000 Rohingya si sono rifugiati nei campi in Bangladesh, dopo la repressione militare da parte dell'esercito del Myanmar nei villaggi della provincia di Rakhine nell'agosto 2017. Nell'agosto 2019 aveva organizzato una grande manifestazione nel campo di Kutapalong, il principale insediamento Rohingya, a cui hanno partecipato circa 200.000 persone. Lo stesso anno fu trasportato in aereo negli Stati Uniti, dove partecipò a un incontro sulla libertà religiosa ospitato dal Dipartimento di Stato.

Negli ultimi anni, le forze di sicurezza del Bangladesh hanno limitato le attività del gruppo di Ullah che non è stato autorizzato a tenere nessuna manifestazione.

SDA