Guerra in Ucraina

Nuovi attacchi a Severodonetsk, Metolkine in parte sotto il controllo russo

SDA

19.6.2022 - 15:40

Continua la battaglia nella e attorno alla città di Severodonetsk.
Keystone

L'esercito ucraino ha dichiarato che la città assediata di Severodonetsk (est) ha dovuto affrontare nuovamente un pesante fuoco di artiglieria e razzi mentre le forze russe attaccavano le aree circostanti.

SDA

19.6.2022 - 15:40

Secondo quanto riporta Ukrinform, le forze armate ucraine sostengono che per due volte i russi hanno colpito lo stabilimento Azot di Severodonetsk, distruggendo il checkpoint e gli impianti di trattamento delle acque reflue della fabbrica dove sono nascosti circa 500 civili.

Stando all'ambasciatore dell'autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk in Russia, Rodion Miroshnik, citato da Ria Novosti, «i militanti intrappolati» nella fabbrica chimica «segnalano di essere pronti a proseguire le trattative».

I negoziati «continueranno, ma ovviamente per i militanti non miglioreranno le condizioni per deporre delle armi. Sebbene abbiano tentato la sorte interrompendo gli accordi di cessate il fuoco, il background militare per loro è solo peggiorato».

Intanto il Ministero della difesa di Mosca, citato da Interfax, afferma che l'insediamento di Metolkine, appena a sud-est di Severodonetsk, è sotto il controllo russo.

Un successo parziale nel villaggio di Metolkine

Nel suo bollettino, come riporta il «Guardian», lo Stato maggiore dell'esercito ha riconosciuto che le sue forze hanno subito una battuta d'arresto a Metolkine: «A seguito del fuoco di artiglieria e di un assalto, il nemico ha ottenuto un successo parziale nel villaggio di Metolkine, cercando di ottenere un punto d'appoggio», ha dichiarato in un post su Facebook.

Sergei Gaidai, il governatore di Luhansk nominato dagli ucraini, in un altro post online ha parlato di «dure battaglie» a Metolkine.

I russi, secondo Kiev, hanno colpito anche Lysychansk, Borivske, Bila Hora, Ustynivka, Mykolaivka e Belogorivka e hanno lanciato attacchi aerei vicino a Bila Hora, Myrna Dolyna e un attacco missilistico vicino a Verkhnyokamyanka. Distruzione significativa negli insediamenti di Popasna e nelle comunità montane, dove 2 persone sono morte.

Progressi ucraini nel sud

Per quanto riguarda il sud del paese, il sindaco di Melitopol Ivan Fedorov, citato da Unian, ha affermato che «oggi le forze armate ucraine hanno compiuto progressi significativi e sono già ai confini di Kherson. Sono sicuro che nelle prossime settimane Kherson sarà liberata dai russi.

La situazione è la stessa in direzione di Melitopol. Le nostre forze armate si sono già già spostate in avanti di più di 10 chilometri da Zaporizhhia a Melitopol».

Il sindaco ha sottolineato che grazie alla nuova fornitura di armi Melitopol può essere liberata: «è arrivato un gran rifornimento di armi occidentali, il che ci avvicina alla vittoria. Spero che nel prossimo futuro sarà sufficiente per liberare le nostre città occupate e salvare i nostri abitanti».

Sempre per quanto riguarda il sud del paese, il ministero della difesa russo afferma che missili da crociera Kalibr hanno colpito un sito nella città di Mykolaiv dove erano stoccati obici e veicoli blindati recentemente consegnati dai paesi occidentali all'Ucraina.

SDA