Attacco in un kibbutz israeliano Una famiglia vede su Facebook l'uccisione della nonna da parte di Hamas

red.

13.10.2023

Il nipote di Braha Levinson racconta alla CNN la storia orribile.
Il nipote di Braha Levinson racconta alla CNN la storia orribile.
Screenshot CNN

Un attentatore di Hamas ha ucciso un'anziana nel kibbutz israeliano Nir Oz. Ha filmato l'atto con il cellulare di lei e ha condiviso il video sul suo profilo di Facebook. La famiglia è sconvolta.

red.

13.10.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Braha Levinson è una delle vittime dei combattenti di Hamas nella zona israeliana che confina con la Striscia di Gaza.
  • Gli aggressori hanno preso il cellulare della nonna e hanno filmato la sua morte.
  • In seguito, hanno pubblicato il video sulla pagina Facebook della donna. La famiglia ha scoperto così che era stata uccisa.

La sera di sabato 7 ottobre la famiglia stava messaggiando con la nonna, che viveva in un kibbutz vicino alla Striscia di Gaza. Braha Levinson si era già ritirata nel suo rifugio perché Hamas aveva lanciato una raffica di razzi contro Israele.

Tutto andava bene, ha detto.

Ma solo poco tempo dopo, la famiglia ha visto un post terribile sulla pagina Facebook dell'anziana: un video in cui Levinson esala i suoi ultimi respiri, filmato e pubblicato su Internet dai suoi assassini.

La nipote Mor Bayder ha reso pubblica la sorte della donna. «Mia nonna, che ha vissuto tutta la vita nel Kibbutz Nir Oz, è stata brutalmente uccisa da un terrorista ieri a casa sua», ha scritto domenica su Facebook.

«Un terrorista è entrato (...), l'ha uccisa, ha preso il suo cellulare, ha filmato l'orrore e l'ha pubblicato sulla sua pagina Facebook. È così che l'abbiamo scoperto». Dopo l'omicidio, gli autori hanno anche bruciato l'abitazione dell'anziana.

«Le immagini continuano a scorrere nella mia testa»

Il solo pensare a ciò che è successo lascia Jake Tapper, giornalista veterano della rete televisiva statunitense CNN, senza parole. Martedì ha potuto parlare con Yoav Shimoni, un nipote della defunta. La famiglia sta cercando di andare avanti nel miglior modo possibile perché è quello che avrebbe voluto la nonna, ha detto Shimoni.

«Ma non posso mentire, è difficile. Le scene del video continuano a scorrere nella mia testa. È difficile per me dormire. È difficile per me fare qualsiasi cosa», confessa il giovane.

Sua nonna è sempre stata una donna ottimista e calorosa, dice. Anche quando la chiacchierata in famiglia del sabato riguardava la situazione della sicurezza, l'anziana era più preoccupata per gli altri che per se stessa.

Dopo il terrificante attacco terroristico in Israele, sua madre si è impegnata ad aiutare le famiglie delle vittime in lutto. Ha sentito ogni tipo di storia dell'orrore: «Bambini decapitati, famiglie massacrate». Tutti i parenti delle vittime di Hamas devono affrontare «cose disumane», dice il giovane. «Non lo auguro a nessuno».

Atrocità anche in altre località

Il destino di molte vittime degli aggressori di Hamas sta diventando chiaro solo ora che i corpi vengono recuperati. Atrocità vengono segnalate anche da Kfar Aza, un altro kibbutz a pochi passi da Gaza.

«Non ho mai visto niente di peggio», ha detto un soldato. Più di 100 residenti sono stati colpiti o sono morti tra le fiamme quando hanno dato fuoco alle loro case.

Mercoledì, Israele aveva contato un totale di 1'200 persone uccise nell'attacco su larga scala di Hamas. Circa 3'000 sono rimaste ferite.