Elezioni politiche

Seggi aperti in Ungheria, Orban in bilico

SDA

3.4.2022 - 10:42

Viktor Orban al seggio elettorale.
Keystone

Sono aperti dalle 06.00 di stamane i seggi in Ungheria per le elezioni politiche. Il premier Viktor Orban, trionfante per ben 12 anni nelle ultime tre, tenterà di farsi riconfermare alla guida del Paese. Ma questa volta dovrà vedersela con una concorrenza agguerrita.

SDA

3.4.2022 - 10:42

Il suo partito Fidesz, accusato fra l'altro di essere filo-putiniano in una campagna elettorale resa ancora più accesa dalla guerra nella vicina Ucraina, deve vedersela stavolta con un'opposizione che per la prima volta si presenta unita, con un'alleanza, piuttosto eterogenea al suo interno, fra sei partiti, accomunati dalla volontà di riportare l'Ungheria nel canale dell'europeismo, dell'atlantismo e della democrazia liberale.

L'opposizione candida Peter Marki-Zay, che, pur ammettendo che si tratta di una battaglia in salita, dopo 12 anni di «lavaggio del cervello» e visto l'elevato numero di elettori incerti, ieri, in un affollato comizio sotto il gelo e il nevischio, ha predetto che l'alleanza d'opposizione è di fronte ai «cancelli della vittoria».

I seggi si chiuderanno alle 19.00 e le prime proiezioni sui risultati sono attese fra le 23.00 e la mezzanotte. Ci si attende un'affluenza piuttosto elevata, intorno al 70%.

I seggi elettorali sono circa 10.200 in tutta l'Ungheria, gli aventi diritto al voto 9,7 milioni. A questi ultimi potrebbero aggiungersi circa 300 mila voti per corrispondenza da parte degli ungheresi residenti all'estero. Si eleggono 199 deputati, 106 dei quali in circoscrizioni uninominali con maggioritario secco, 93 con il sistema proporzionale con uno sbarramento del 5%.

Sulla scheda proporzionale, in totale, ci sono 6 liste: oltre a Fidesz (il partito di Orban) e all'alleanza dell'opposizione Uniti per l'Ungheria (socialisti, socialdemocratici, liberali, verdi e centristi nazionalisti), c'è una lista dell'estrema destra (Movimento della Patria), un partito denominato del Cane a due code, un partito no-vax, uno finanziato da un miliardario dell'industria del porno (Movimento per la soluzione) e un alleato di Fidesz. Liste, queste ultime, che potrebbero sottrarre qualche voto all'alleanza d'opposizione.

Sulla scheda uninominale, ci sono in totale 664 candidati, 6-7 per ogni circoscrizione. Per vincere, bisogna conquistare almeno 55 circoscrizioni su 106.

SDA