Unicef: in 4 mesi vaccinati 34 milioni di bambini

ATS

3.5.2019 - 16:52

Immagine d'illustrazione
SDA / Archivio

Dall'inizio dell'anno Unicef ha vaccinato 34 milioni di bambini in Medio Oriente e Nord Africa. Questa campagna è stata realizzata in collaborazione con alcune ONG e altre agenzie dell'ONU che operano nei Paesi in conflitto o in quelli che accolgono rifugiati.

''I vaccini – spiega l'Unicef – proteggono i bambini dalle malattie e dalla morte e sono essenziali all'inizio della vita''. I​n Medio Oriente e nord Africa un bambino su cinque vive in zone di guerra e non ha accesso ai servizi sanitari e dunque alle vaccinazioni. Ciò li espone al rischio di contrarre malattie gravi e di morire. Inoltre quando i bambini non sono vaccinati il rischio di diffusione delle malattie aumenta. Ad esempio, sottolinea l'Unicef, conseguenza diretta dei conflitti che coinvolgono il Medio Oriente e il Nord Africa è il ritorno di malattie che erano scomparse, come la poliomelite.

''L'accesso ai servizi sanitari è un diritto fondamentale e non certamente un privilegio'' ha sottolineato il direttore regionale dell'Unicef per l'Africa del Nord e il Medio Oriente, Geert Cappelaere. Dunque il Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia invita tutte le parti in conflitto in questa regione a fare tutto ciò che è in loro potere per facilitare la distribuzione dei vaccini e prevedere che la vaccinazione di base sia una priorità in tutti i Paesi. È necessario dunque stabilire 'pause umanitarie' cessazione di ostilità e 'giorni di tranquillità' per permettere di svolgere vere campagne di vaccinazione.​

Tornare alla home page

ATS