Aggressione, Fedpol conferma: la donna già in un dossier sul terrorismo jihadista

SwissTXT / pab

24.11.2020

Polizia fuori dalla Manor di Lugano
Polizia fuori dalla Manor di Lugano
Keystone / Ti-Press

Una testimone ha raccontato alla RSi quanto accaduto alla Manor di Lugano, dove una ragazza di 28 anni ha aggredito con un coltello due donne. La Fedpol intanto fa sapere che il nome dell'autrice era già emerso in un dossier del 2017 per terrorismo jihadista. Sommaruga chiama Gobbi per esprimere la vicinanza della Confederazione.

«Sono entrata alla Manor, sono andata al quinto piano e ho sentito un botto. Mi sono girata e ho visto una ragazza per terra e un'altra sopra di lei, pensavo stessero litigando. Quella che stava sotto sbraitava e si dimenava con le braccia per difendersi, sanguinava tantissimo. Quella sopra aveva un coltello enorme. Poi si è diretta verso una commessa con il coltello puntato verso di lei».

La scena è stata raccontata, ai microfoni della RSI, da Isabela, una signora che ha visto con i propri occhi l'aggressione di una cittadina svizzera di 28 anni nei confronti di due donne al quinto piano del centro commerciale di Lugano.

«Poi alcune persone hanno preso degli asciugamani e degli stracci per tamponare le ferite della donna aggredita, che aveva un taglio praticamente lungo tutta la gola. Era una scena atroce», ha aggiunto.

L'aggiornamento della Fedpol

La testimone dà anche alcune indicazioni sul coltello usato, che secondo alcune fonti sarebbe stato preso proprio nel negozio: «Era uno di quelli in vendita, quelli lunghi per tagliare la carne. C'era ancora l'etichetta. Se ci fossero stati più acquirenti lì dentro, avrebbe fatto una strage».

E in serata via Twitter Fedpol ha fatto sapere che il nome dell’autrice dell’aggressione era già apparso in un’indagine di polizia del 2017 relativa al terrorismo jihadista. Ora la donna è al centro di un procedimento penale avviato dal Ministero pubblico della Confederazione.

Sommaruga ha chiamato Gobbi

La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha telefonato al presidente del governo ticinese Norman Gobbi per esprimere la sua solidarietà alle donne colpite e al popolo ticinese, nonché per assicurare loro il sostegno della Confederazione. Lo hanno riferito i servizi della presidente a Keystone-ATS.

Su Twitter, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha condannato «l'attacco terroristico islamista a Lugano». Il suo pensiero va alle vittime e assicura alla Svizzera il suo sostegno «in questi tempi difficili». Ci alzeremo insieme in Europa contro il terrorismo islamista e difenderemo i nostri valori, ha aggiunto.

All'inizio di novembre, lo ricordiamo, quattro persone sono state uccise e molte altre ferite in un attacco a Vienna. All'origine di questo attacco, un «simpatizzante» dello Stato Islamico che aveva tentato di unirsi alla Siria.

Tornare alla home page