Anche una villa in Ticino

Berna non darà a Kiev i fondi confiscati agli oligarchi russi

smi

5.10.2022

Brione sopra Minusio: Andrei Klishas può continuare a utilizzare la sua villa nel villaggio sul Lago Maggiore, ma non può venderla a causa delle sanzioni contro la Russia.
Brione sopra Minusio: Andrei Klishas può continuare a utilizzare la sua villa nel villaggio sul Lago Maggiore, ma non può venderla a causa delle sanzioni contro la Russia.
KEYSTONE/Alessandro Della Bella

Andrei Klishas può continuare a utilizzare la sua villa a Brione sopra Minusio, ma, a causa delle sanzioni contro la Russia, non può venderla.

smi

5.10.2022

Per il Governo ucraino, il caso è chiaro: la Russia sta distruggendo il Paese e per questo deve pagare. Le nazioni che sanzionano Putin e i suoi seguaci dovrebbero quindi trasferire i beni russi in Ucraina, secondo il piano del presidente Volodymyr Zelensky. Kiev potrebbe utilizzare questi miliardi per la ricostruzione.

Come riporta il «Blick», la Svizzera non ha ancora dato seguito alla richiesta dell'Ucraina. L'agenzia di stampa russa RIA Novosti cita le parole di Fabian Maienfisch, della Segreteria di Stato dell'economia: «Per il Governo svizzero al momento non è un'opzione sostenere Kiev sequestrando beni solo perché appartengono a un certo Stato, o inserirli in una lista di sanzioni e utilizzarli per la ricostruzione dell'Ucraina».

I beni confiscati fino ad ora

Berna ha confiscato 7,5 miliardi di franchi svizzeri fino all'aprile di quest'anno. In seguito, ha dovuto restituirne una parte ai proprietari.

La Confederazione tiene sotto chiave 6,3 miliardi di franchi e 15 proprietà appartenenti a oligarchi di Mosca. Gli addetti ai lavori sospettano che fino a 200 miliardi di franchi di proprietà russa si trovino in Svizzera.

A marzo, l'Associazione svizzera dei banchieri ha stimato che tra i 150 e i 200 miliardi di franchi sono in possesso dei russi nel nostro Paese, come riportato dalla «Handelszeitung».

Cosa ne pensa Ignazio Cassis?

Il Presidente Ignazio Cassis aveva già dichiarato alla conferenza sull'Ucraina tenutasi a Lugano all'inizio di luglio che la Svizzera non avrebbe potuto erogare all'Ucraina i fondi russi confiscati, come riporta SRF.

Dal punto di vista legale, si dovrebbe dimostrare che ogni singolo oligarca ha contribuito a finanziare la guerra o altre misure di Putin con il suo denaro, spiega nello stesso rapporto un professore di diritto dell'Università di Lucerna.

Nella sessione autunnale, il PS ha chiesto l'istituzione di una task force per la ricerca di altri fondi oligarchici in Svizzera. Il Consiglio nazionale ha respinto la mozione con cui il PS ha avanzato questa richiesta.