In Ticino già finita la prima fornitura di vaccini contro l'influenza stagionale

SwissTxt / pab

26.10.2020

Immagine d'illustrazione
Keystone / archivio

Il primo stock di vaccini contro l'influenza stagionale è già esaurito in Ticino. Per la seconda fornitura bisognerà aspettare la fine di novembre.  Richieste anche da oltre confine. Lo riferisce la RSI.

La prima fornitura di dosi di vaccino antinfluenzale è praticamente esaurita in Ticino. A confermarlo alla RSI è il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini, spiegando che il primo stock è già stato tutto utilizzato o prenotato.

Il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) aveva già annunciato che fino al 30 novembre sarebbe stata data priorità al personale sanitario, agli anziani e alle persone affette da malattie croniche.

La seconda fornitura è prevista per la fine di novembre. Ma anche in questo caso, «prima di poter passare alle fasce meno a rischio dovremo definire se ci sono ancora dei bisogni» tra coloro che sono stati definiti prioritari, precisa Giovan Maria Zanini.

Attualmente, a livello nazionale sono previste tra le 600'000-700'000 dosi supplementari, ma non è ancora chiaro quante verranno garantite al Ticino.

C'è poi richiesta anche da oltre confine. «Abbiamo avuto dei clienti italiani che ci hanno interpellato perché anche in Italia i vaccini sono esauriti, ma purtroppo non possiamo soddisfare queste richieste», afferma Tina Urbani, gerente della farmacia Cinque Vie di Lugano che ha esaurito la sua scorta già due o tre settimane fa.

Tornare alla home page