I Grigioni costretti a rivedere la strategia dei test Covid

mp, ats

10.1.2022 - 14:48

I Grigioni rivedono la strategia in materia di test (foto d'archivio)
Keystone

A causa della rapidissima diffusione della variante Omicron del Covid, il Canton Grigioni si vede costretto a rivedere la sua strategia dei test.

mp, ats

10.1.2022 - 14:48

Il Governo ha infatti deciso di concentrare fino a nuovo avviso i test ripetuti nelle strutture sanitarie e di assistenza, nelle scuole dell'infanzia nonché nelle prime e seconde classi elementari.

Con il numero crescente di gruppi positivi aumenta anche la necessità di effettuare test di conferma, scrivono le autorità retiche in una nota odierna. A causa delle limitate capacità dei laboratori, l'analisi dei risultati dei tamponi comporta tempi d'attesa superiori alle 48 ore.

Se il periodo che intercorre tra la consegna del campione e la disponibilità del risultato definitivo con corrispondente isolamento non può essere ridotto in modo importante, i test ripetuti perdono il loro scopo originario. Le catene di contagio non possono più essere interrotte in modo efficace, deplora il Governo retico.

A seguito dell'ulteriore diffusione di Omicron, nelle prossime settimane è da attendersi un aumento delle persone sintomatiche, fatto che comporterà un sovraccarico per i laboratori.

Programma sospeso fino a nuovo avviso

Per tali ragioni, l'esecutivo grigionese ha deciso che a partire dalle ore 12:00 di domani saranno sospesi i test ripetuti nelle aziende e nelle scuole (salvo in quelle dell'infanzia e in prima e seconda elementare), precisano ancora le autorità cantonali.

I test verranno mantenuti nei settori seguenti: ospedali, cliniche, offerte per la cura e l'assistenza stazionarie a pazienti lungodegenti e persone anziane, servizi di cura e assistenza a domicilio (Spitex), studi medici, dentistici, di fisioterapia, farmacie, centri abitativi per persone disabili, strutture residenziali per bambini e adolescenti, strutture di custodia collettiva diurna e penitenziari.

Il Governo retico precisa ancora che ai test ripetuti nelle aziende partecipano attualmente circa 4'243 imprese e circa 66'022 dipendenti, e che nel mese di dicembre 2021 sono stati effettuati circa 30'000 tamponi a settimana. Inoltre, 157 istituti e circa 20'000 tra allievi e insegnanti hanno partecipato ai test regolari nelle scuole.

Strumento efficace

I test settimanali nelle scuole e facoltativi nelle aziende «sono finora stati uno strumento efficace per identificare una parte importante della popolazione mobile asintomatica e per interrompere così in modo tempestivo le catene di contagio».

La strategia «test anziché quarantena» ha permesso ai contatti di persone risultate positive di continuare a recarsi al lavoro grazie ai tamponi ripetuti nelle aziende. In questo modo è stato possibile ridurre il danno finanziario per l'economia causato dall'assenza di personale. Nelle scuole è stato invece possibile evitare focolai di Covid-19 e mantenere l'attività scolastica in presenza, sottolinea ancora Coira.

mp, ats