Grigioni, i contagi non rallentano

SwissTXT / pab

6.11.2021

Sono 9 le persone ricoverate negli ospedali ticinesi a causa del Covid-19
Immagine d'illustrazione.
Ti-Press

Le autorità sanitarie hanno di nuovo registrato oltre 100 casi quotidiani, la cura si è impennata come un anno fa.

SwissTXT / pab

6.11.2021

I Grigioni continuano ad essere confrontati ad un numero elevato di contagi da coronavirus. Anche sabato le autorità sanitarie cantonali hanno reso noto di aver registrato oltre 100 nuovi casi nell'arco di 24 ore. Un dato, riferisce la RSI, che si mantiene costante da alcuni giorni e che ha portato il totale dei contagi da inizio pandemia a superare quota 18'000.

Nell'ultima settimana la curva dei casi attivi si è impennata, assumendo un andamento simile a quello che aveva un anno fa, all'inizio della seconda ondata pandemica.

Attualmente le persone ritenute potenzialmente contagiose e pertanto poste in isolamento sono 673. Quelle in quarantena sono invece 959.

Le regioni maggiormente toccate sono quelle dei principali centri urbani retici: Coira, Landquart e Davos. Nelle zone periferiche invece il virus circola di meno. Nelle regioni Bernina e Engadina Bassa non sono emerse nuove positività, riporta la RSI.

Le ospedalizzazioni nei Grigioni

Anche nella giornata di venerdì si è però assistito a un miglioramento della situazione negli ospedali si legge sul portale della RSI.

Due dei 15 pazienti ricoverati nei reparti di cura sono stati dimessi. Nelle unità di terapia intensiva vi sono invece sempre 5 persone, 4 delle quali sottoposte a respirazione artificiale.

Stato delle vaccinazioni nei Grigioni

Nel frattempo la campagna vaccinale, anche nei Grigioni, continua a perdere velocità.

Alla vigilia della settimana di azione nazionale e all'avvio delle somministrazioni di richiamo, con una media quotidiana di dosi somministrate scesa attorno a 250, ha toccato il suo minimo da quando i preparati di Pfizer e Moderna sono disponibili in quantità sufficienti a coprire la richiesta, riporta la RSI.

Le persone completamente vaccinate sono poco più di 130'000 pari al 65% della popolazione.