Ulisse Albertalli: "Non sono un magnaccia"

SwissTXT

9.2.2018 - 12:51

Foto simbolica

E' iniziato venerdì a Lugano il processo nei confronti di Ulisse Albertalli, noto gestore di locali a luci rosse in Ticino, e di sua figlia.

I due devono rispondere davanti alla Corte delle Assise criminali di usura aggravata e promovimento della prostituzione. Entrambi rigettano però fermamente le accuse. I reati, secondo il procuratore generale John Noseda, sono stati commessi dal 2010 al 2012 nel locale a luci rosse Oceano di Pazzallo, dove Albertalli, a quei tempi il gestore, e la figlia avrebbero sfruttato lo stato di bisogno di alcune straniere, affittando camere a prezzi "manifestamente sproporzionati", si legge sull'atto d'accusa.

Tornare alla home page

SwissTXT