Nuove chiusure in Svizzera, Lepori: «Raggi di sole, ma...»

SwissTXT / pab

13.1.2021

Mattia Lepori
Mattia Lepori

Le decisioni adottate dal Consiglio federale «vanno nella direzione auspicata dal settore sanitario»: commenta così il vicecapo area medica dell'EOC Mattia Lepori, ai microfoni della RSI, le nuove misure annunciate oggi da Berna.

Ma, a suo avviso, «più che rallegrarsi, bisogna prendere atto del fatto che il Governo manifesta preoccupazione per una situazione che sembra a prima vista in via di miglioramento».

Lepori ha poi aggiunto che «ci sono alcuni raggi di sole in cielo cupo, come il vaccino e un calo dei contagi che speriamo si mantenga, ma non si vede ancora l'uscita dalla crisi».

Situazione eterogenea in Svizzera

La situazione dal punto di vista sanitario in Svizzera «è piuttosto eterogenea. In Ticino vediamo un calo importante di infezioni e ricoveri. Le vacanze sono state un mini lockdown, tanta gente non lavorava ed erano chiuse le scuole, con di conseguenza meno gente sui mezzi pubblici. Ma nell’Arco lemanico, per esempio, che grazie alle chiusure di novembre aveva una situazione migliore, si vede una ripresa del numero dei casi», ha aggiunto il vicecapo area medica dell'EOC.

Ci sono quindi situazioni differenti e per questo per alcuni «le misure sono più difficili da comprendere in questo momento».

Tornare alla home page