Per una famiglia: «Ora in 5 ci basta un sacco da 17 litri»

Swisstxt / pab

27.12.2021

Mendrisio: rotoli di sacchi della spazzatura rossi denominati Sacco per Me in vendita nei supermercati di Mendrisio. Tassa sul sacco. © Ti-Press / Francesca Agosta
Mendrisio: rotoli di sacchi della spazzatura rossi denominati Sacco per Me in vendita nei supermercati di Mendrisio. Tassa sul sacco. © Ti-Press / Francesca Agosta
©Ti-Press / Ti-Press

Una vita a «zero», o pochi rifiuti è possibile? Da poco più di tre mesi 18 economie domestiche - residenti a Mendrisio - stanno sperimentando uno stile di vita più consapevole grazie al progetto «Comune zero rifiuti».

Swisstxt / pab

27.12.2021

L'iniziativa promossa dall'Associazione delle consumatrici e dei consumatori della Svizzera italiana (ACSI) punta a diminuire la massa di rifiuti generati annualmente da ogni cittadino. Ai partecipanti, guidati da un esperto, sono stati proposti degli atelier dedicati a vari argomenti che ruotano attorno ai temi dell'autoproduzione e dell'economia circolare, riporta la RSI.

Diverse famiglie, ma anche coppie e persone singole hanno aderito al progetto; tra loro è stata selezionata anche una famiglia di Rancate composta da mamma, papà, tre figli e due gatti.

«Grazie a questo progetto siamo riusciti a cambiare l'ottica con cui guardiamo al problema dei rifiuti» spiega Anna. La famiglia era già sensibile al tema, ma dopo tre mesi ha compiuto nuovi passi avanti. «Abbiamo ridotto ulteriormente gli imballaggi in plastica, ad esempio acquistando prodotti per la cura del corpo solidi o producendo da soli lo yoghurt e l'aceto di mele e di arance che ha sostituito gran parte dei prodotti per la pulizia della casa.

Siamo riusciti a passare al sacco dei rifiuti da 17 litri, gettandolo una volta a settimana. Andiamo in discarica una volta al mese e con molti meno imballaggi in plastica», spiega alla RSI.

Tempo, costi e difficoltà

«All'inizio quando andavo a fare la spesa ci ho messo più tempo, ma dopo due o tre volte mi sono abituata e ora alcune corsie le evito direttamente» racconta alla RSI Anna.

Anna sottolinea alla RSI che c'è un risparmio anche a livello di borsellino. Una difficoltà è per contro legata all'acquisto di prodotti sfusi, non sempre disponibili vicino a casa: «Come il latte, il nostro sacco è per metà riempito di tetrapack, per questo non ho ancora trovato una soluzione valida».

Nel 2022 focus anche su commerci ed eventi

Il progetto è previsto sull'arco di due anni: dopo la fase dedicata alle economie domestiche, nel 2022 il focus si sposterà su commerci, organizzatori di eventi e da settembre la ristorazione, sempre a Mendrisio.

È stato sondato anche l'interesse della grande distribuzione per la vendita di prodotti sfusi ma per il momento con scarsi risultati, spiega alla RSI Viola Ferdani, responsabile del progetto zero rifiuti per l'ACSI. «L'idea in futuro è ad ogni modo quello di replicarlo anche in altre località ticinesi».