Terapie intensive

Paolo Merlani: «Possiamo aumentare, ma non è facile»

Swisstxt / pab

17.12.2021

Immagine d'illustrazione
Immagine d'illustrazione
KEYSTONE/LAURENT GILLIERON

Le terapie intensive sono già in difficoltà e nelle prossime settimane rischiano di esserlo ancor di più. È anche per questo che il Consiglio federale ha deciso di introdurre nuove restrizioni.

Swisstxt / pab

17.12.2021

«La situazione è difficile», conferma il professor Paolo Merlani, responsabile del Dipartimento di medicina intensiva dell’Ente ospedaliero cantonale ticinese.

«Ieri sera (giovedì) abbiamo avuto una riunione tra i responsabili delle diverse reti nazionali – spiega alla RSI -. C'erano territori con 1-2 letti a disposizione. In Ticino è leggermente più facile ma anche noi abbiamo tassi d'occupazione superiori all'80%, non dovuto unicamente ai pazienti Covid (oggi ne abbiamo 14 ospedalizzati in Ticino) ma dovuto anche alla presenza di tante malattie respiratorie che fanno sì che le nostre terapie intensive sono molto piene».

Aumentano i pazienti, ma non i letti

La situazione per alcuni ospedali è delicata già da qualche tempo (il primo caso di triage della quinta ondata è stato segnalato due settimane fa). I pazienti aumentano e probabilmente continueranno ad aumentare, ma il numero dei posti nelle unità di terapia intensiva non viene adeguato di conseguenza.

Giovedì, stando ai dati ufficiali dell’UFSP, in totale erano 859. Il 12 dicembre si era scesi a 799. Poco più della metà dei 1'570 operativi l’11 aprile 2020.

«Previsto di poter aumentare i letti»

«Noi stiamo agendo, grazie alla collaborazione col Governo fin dalla primavera abbiamo previsto di poter aumentare i letti – assicura alla RSI Paolo Merlani -. Attualmente siamo a +12 rispetto alla norma».

«Se dovesse salire l'onda abbiamo la possibilità di incrementare i letti, ma a questo punto diventerebbe difficile perché dovremmo attingere a materiali e collaboratori di altri reparti. Dovremmo sospendere alcuni servizi, chiudere dei pronto soccorso, chiudere una parte delle operazioni, rinunciare ad alcune operazioni elettive... Vi sono delle possibilità di aumentare in Ticino, nel resto della Svizzera l'aumento dei letti è più difficile» sottolinea Paolo Merlani alla RSI.

Il Ticino, come sul fronte dei contagi, in questo momento sta quindi vivendo una situazione particolare. «Addirittura alcune terapie intensive hanno ridotto il numero di letti perché hanno molti collaboratori ammalati», afferma alla RSI il responsabile del Dipartimento di medicina intensiva EOC.