Raccolta sangue a Palazzo delle Orsoline, Borri: «Ora le scorte sono buone»

SwissTXT / pab

21.10.2021

Immagine d'illustrazione
KEYSTONE/DPA/CHRISTIAN CHARISIUS

Le scorte di sangue nella Svizzera italiana godono di buona salute. A dirlo è il direttore operativo CRS della Svizzera italiana. Tutti i gruppi sono coperti, grazie alla generosità dei tanti donatori.

SwissTXT / pab

21.10.2021

Tra lunedì e martedì presso il Palazzo delle Orsoline a Bellinzona si è svolta una campagna di raccolta che ha visto l’adesione di molte persone, tra membri di Governo e Parlamento e dipendenti dell'amministrazione cantonale a Bellinzona.

Cento le sacche riempite, circa la metà provenienti da persone che per la prima volta hanno deciso di aderire alle giornate di sensibilizzazione. «Per noi sarà ora importante mantenere i contatti con questi nuovi donatori», ha affermato ai microfoni della RSI Mauro Borri.

I momenti di carenza possono sempre arrivare, ha continuato, sottolineando che i periodi più difficili sono agosto, durante le vacanze estive o prima di quelle di Natale, quando le persone o sono via o sono maggiormente impegnate.

I donatori di sangue devono rispettare tre requisiti: essere sani, pesare minino 50 chili ed essere maggiorenni. I gruppi di sangue maggiormente necessari e più comuni sono l’A positivo, lo zero positivo e lo zero negativo, donatore universale.