Rifiuti illeciti, ombre in Ticino

SwissTXT / pab

3.11.2020

Immagine d'illustrazione
Immagine d'illustrazione
archivio Ti-Press

Arriva fino in Ticino, al Pian Scairolo, l'onda lunga dell'inchiesta su un traffico illecito di rifiuti smantellato dall'antimafia di Milano.

In Italia, le indagini toccano e si estendono su quattro regioni del Nord, con ramificazioni fino in Bulgaria. Le cifre: 24 tonnellate di materiale sequestrato, assieme ad aziende, capannoni, automezzi. Beni per circa sei milioni di euro.

L’inchiesta, condotta dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano, nei giorni scorsi ha portato all’arresto di 16 persone. Tra queste, come ha appreso la RSI, un 57enne italiano residente a Mesocco, per il quale è stata disposta la misura dei domiciliari.

Rifiuti abbandonati in una discarica abusiva

Il suo nome compare nel primo filone della maxi-indagine, quello legato a un impianto milanese per lo smaltimento dei rifiuti. L’uomo risulta amministratore unico di una società con sede sul Pian Scairolo, che avrebbe utilizzato per entrare nell’affare agli inizi del 2018.

Secondo gli inquirenti avrebbe preso parte a un giro di circa 5'000 metri cubi di rifiuti speciali, pericolosi e non, di cui più di 4'000 sarebbero stati abbandonati nell’impianto di via Venezia Giulia, senza essere sottoposti ad alcun trattamento e attività di recupero.

I rifiuti restanti sarebbero invece stati trasferiti poco distante, in una discarica abusiva.

Tornare alla home page