Rispetto dei piani di protezione, molte irregolarità in pochi giorni

pab

21.12.2020

La polizia mentre controlla un commerciante al mercatino di Lugano prima che fosse chiuso.
La polizia mentre controlla un commerciante al mercatino di Lugano prima che fosse chiuso.
Ti-Press

In una decina di giorni le forze dell'ordine hanno eseguito quasi 600 controlli del rispetto delle misure di protezione in bar, negozi e commerci. Molte le infrazioni riscontrate. Tre segnalazioni arrivate fino al Ministero pubblico. Lo riferisce la RSI.

Il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi ha dichiarato, il 9 dicembre, che ci sarebbero stati dei controlli più severi sui piani di protezione delle attività commerciali in Ticino. E a poco più di una settimana da quell'annuncio la RSI ha fatto un primo bilancio.

La polizia cantonale, le comunali e l'Ufficio dell'ispettorato del lavoro hanno effettuato 576 verifiche in pochi giorni riscontrando 161 irregolarità, tre delle quali sono sfociate in segnalazioni al ministero pubblico.

Bar e commerci i più controllati

Il capitano Athos Solcà dello stato maggiore operativo della polizia cantonale ha affermato alla RSI che negli altri casi «abbiamo dato un termine di messa in ordine e poi faremo la seconda verifica se non l'abbiamo già effettuata».

La maggior parte dei controlli, ovvero 180, ha riguardato ristoranti e bar, 170 i negozi. Sono stati controllati 31 centri di bellezza e parrucchieri, 29 centri fitness, 18 cantieri e sei stazioni di sci. 

Le tre segnalazioni al Ministero pubblico riguardano dei bar. Si parla di assenza totale di piani di protezione, mancanza del rispetto della distanza tra i tavoli e l'aver permesso di consumare cibi e bevande in piedi.

Solcà: «I clienti non aiutano i gerenti»

Solcà però sottolinea che anche il comportamento dei clienti non facilita il compito dei gerenti: «A livello personale posso dire che la gente non è più tanto disposta a seguire queste direttive, c'è un po' di insofferenza nei confronti dei piani di protezione».

Per quanto riguarda i piani di protezione sulle piste da sci la polizia non esclude  che durante le feste vengano messe in campo delle pattuglie sulla neve.

Tornare alla home page