Votazioni 13 febbraio

Il Governo: «L'abolizione della tassa di bollo vantaggiosa per l'economia»

cp, ats

21.12.2021 - 11:25

Il ministro delle finanze, Ueli Maurer.
Il ministro delle finanze, Ueli Maurer.
Keystone

L'abolizione della tassa di bollo sull'emissione di capitale proprio avrà un effetto positivo sulla crescita economica e sull'occupazione.

cp, ats

21.12.2021 - 11:25

Questo l'argomento principale sviluppato dal Consiglio federale in vista del referendum del 13 febbraio su una riforma osteggiata dalla sinistra.

Il referendum lanciato dal Partito socialista si oppone all'abolizione della tassa (bollo) sull'emissione di capitale proprio, proposta adottata dal parlamento nel giugno scorso. Il Consiglio federale stima un calo delle entrate tra i 200 e i 250 milioni di franchi, qualora la riforma dovesse superare l'ostacolo popolare.

Per il comitato referendario lo stralcio di questa tassa andrà a beneficio solo delle grandi imprese, del settore finanziario e dei proprietari di capitali e svuoterebbe le casse pubbliche in un momento in cui la crisi pandemica ha portato a un enorme aumento della spesa.

Questa tassa viene prelevata quando una società lancia una raccolta di capitali, quando viene fondata o quando decide un incremento di capitale. Essa ammonta all'1% dei fondi raccolti che superano il milione di franchi. Di regola, le piccole aziende non la pagano. Ecco perché la sinistra parla di «nuovi privilegi» per le grandi imprese e le società finanziarie.

Più posti di lavoro

Per il Consiglio federale, tuttavia, i mancati introiti verranno compensati da maggiori investimenti delle aziende interessate dal momento che verrebbe a cadere questo balzello. Le aziende ben capitalizzate hanno più probabilità di superare la crisi poiché dispongono di maggiori riserve. L'abolizione della tassa di bollo gioverà soprattutto alle aziende giovani e in forte crescita che non possono contare su un cuscinetto, ossia riserve, in grado di attutire i contraccolpi di una crisi.

Stando al consigliere federale Ueli Maurer, presentatosi oggi davanti ai media per dare avvio alla campagna in vista della consultazione di febbraio, è difficile quantificare le ripercussioni che l'abolizione di questa tassa avrà sulla creazione di imprese e posti di lavoro.

Preservare concorrenzialità

Ciò che è importante, a suo avviso, è mantenere la concorrenzialità della piazza economica elvetica, specie dopo le riforme a livello internazionale lanciate dall'OSCE (aliquota minima del 15% per l'imposizione delle multinazionali, n.d.r), favorendo l'arrivo di nuove imprese le quali, a sua volta, generano posti di lavoro solitamente ben remunerati, ampliando in questo modo la base imponibile

A suo dire, le perdite fiscali – non decisive per il bilancio della Confederazione, secondo il consigliere federale democentrista – sono meno importanti rispetto ai vantaggi che potranno trarne le imprese, specie quelle giovani, penalizzate da una tassa sull'emissione di capitale proprio quando intendono espandersi. La tassa di bollo, ha aggiunto, è un relitto del passato che caratterizza il sistema fiscale elvetico e che, secondo Maurer, non ha più ragion d'essere.

Le entrate fiscali generate da questa tassa variano molto da un anno all'altro. Nel 2015 si è toccato il livello più basso con 120 milioni. L'importo più alto è stato registrato nel 2017 (407 milioni). La media degli ultimi venti anni è di poco inferiore ai 250 milioni.

Basta altri «regali» fiscali

L'abolizione della tassa di bollo faceva parte di un pacchetto che avrebbe dovuto portare all'azzeramento di altri prelievi fiscali. Ma il referendum della sinistra e la crisi non hanno lasciato indifferente il parlamento che il 30 settembre scorso, dopo l'abolizione della tassa di bollo sull'emissione di capitale proprio, ha stabilito di non voler più procedere oltre. La tassa di negoziazione sui titoli nazionali e quella sui premi per l'assicurazione sulla vita verranno mantenute.

Durante il dibattito al Consiglio nazionale sulla pertinente revisione della Legge federale sulle tasse di bollo, tutti i gruppi parlamentari, con l'assenso del ministro delle finanze Ueli Maurer, avevano chiesto l'archiviazione del dossier.

Il progetto era stato presentato nel 2009 dal gruppo PLR. Diviso in tre parti, mirava ad abolire gradualmente tutte le tasse di bollo. Il primo disegno – ossia l'abolizione della tassa di bollo sull'emissione di capitale proprio – è stato approvato nel giugno scorso dal Parlamento.

Il disegno 2 è invece stato bocciato il 30 settembre dal Nazionale. Quanto al progetto 3, nell'agosto scorso la Commissione dell'economia e dei tributi aveva deciso all'unanimità di interrompere definitivamente i propri lavori.

Il progetto 3 auspicava la soppressione della tassa di negoziazione sui rimanenti titoli esteri e della tassa sui premi per l'assicurazione di cose e del patrimonio. I mancati introiti sarebbero ammontati a 1,78 miliardi all'anno.

cp, ats