Dopo due anni, concluso l'accordo commerciale tra AELS e Mercosur

ATS

24.8.2019 - 08:47

È stato concluso un accordo accordo commerciale tra gli Stati AELS e quelli del Mercosur (foto d'archivio)
Source: KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI

L'Associazione europea di libero scambio (AELS), di cui fa parte anche la Svizzera, ha concluso un accordo di libero scambio con il Mercato comune dell'America meridionale (Mercosur). Lo ha indicato venerdì sera su Twitter il presidente brasiliano Jair Bolsonaro.

Scambio di merci senza dazi

L'accordo consente lo scambio di merci tra la Svizzera e i paesi del Mercosur senza dazi doganali.

L'accordo, però, deve ancora essere ratificato, ha precisato un portavoce del Dipartimento federale dell'economia (DEFR) all'agenzia di stampa Keystone-ATS.

Gli Stati membri del Mercosur sono Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay, mentre il Venezuela è attualmente sospeso. Sono inoltre Stati associati Bolivia, Cile, Perù, Colombia ed Ecuador.

Intesa dopo due anni di discussione

Dopo due anni di discussioni, i quattro paesi dell'AELS – Svizzera, Norvegia, Islanda e Liechtenstein – e quelli del Mercosur hanno trovato un'intesa: attualmente, tuttavia, il contenuto dell'accordo non è disponibile. Il testo deve ancora essere ratificato da tutti gli Stati coinvolti.

«Un'altra grande vittoria della nostra diplomazia per l'apertura del commercio», ha scritto Bolsonaro su Twitter. Con questo accordo, gli Stati dell'America meridionale – che in totale contano circa 260 milioni di consumatori – vogliono ridurre le tariffe sui prodotti industriali.

Chiesto a gran voce dall'industria elvetica

Il ministro svizzero dell'economia Guy Parmelin, secondo quanto riferito dal portavoce del suo Dipartimento, commenterà l'accordo nella giornata di sabato. Il consigliere federale, dal 22 agosto a oggi, si trova in visita a Kazan, in Russia, per i campionati mondiali delle professioni «WorldSkills».

L'accordo con i paesi del Sudamerica era stato chiesto a gran voce dall'industria elvetica. Grazie a questo accordo, infatti, le imprese svizzere non dovrebbero più essere svantaggiate – nella zona Mercosur – rispetto ai concorrenti dell'Unione Europea.

La Svizzera in immagini

Tornare alla home page

ATS