Situazione ancora tesa in Svizzera, si apre la diga dell'Aar

cz, ats

17.7.2021 - 16:20

Il livello dei laghi, fiumi e torrenti svizzeri non è più salito durante la notte.
Keystone

La situazione resta tesa in diverse regioni della Svizzera per quanto riguarda i livelli dei laghi e dei corsi d'acqua. Anche se le piogge dovrebbero diminuire bisogna ancora attendersi esondazioni e frane.

cz, ats

17.7.2021 - 16:20

La situazione meteorologica sta lentamente migliorando. Stando a SRF Meteo oggi dovrebbero cadere le ultime precipitazioni, da domani dovrebbe essere caldo e asciutto.

Il livello dei laghi, fiumi e torrenti non è più salito durante la notte. Stando all'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) l'altezza dei laghi dovrebbe però restare elevata anche nei prossimi giorni e calare solo lentamente. Le autorità raccomandano sempre di tenersi lontani da laghi e corsi d'acqua.

Lago di Bienne salito a un livello storico

I livelli dei laghi di Thun, Bienne e dei Quattro Cantoni sono stabili da ieri sera. Quello di Bienne, che nella notte è salito a un livello storico, è sceso di dieci centimetri. Resta però in vigore per tutti e tre l'allerta di grado 5, ovvero il massimo esistente. Il livello del Lago di Brienz è sceso di sette centimetri e ormai vige il grado d'allerta 3.

Ancora massima allerta stamattina anche per l'Aare a Thun, mentre a Berna è stata ridotta al grado 4. Il livello del fiume resta comunque ancora alto, hanno scritto i servizi di soccorso su Twitter, mentre il responsabile comunale per la sicurezza, l'ambiente e l'energia Reto Nause ha cinguettato che il peggio sembra essere passato, sempre che non si verifichino più altri intensi temporali locali.

A Lucerna, durante la notte la situazione perlomeno non si è inasprita. Il livello del lago è lievemente sceso. La situazione è praticamente immutata, ha dichiarato un portavoce delle autorità comunali all'agenzia Keystone-ATS. Diversi ponti pedonali rimangono chiusi per motivi di sicurezza.

La portata dell'Aare aumentata per abbassare i livelli dei laghi

Nel pomeriggio di sabato è stato quindi deciso di aumentare la portata dell'Aare in uscita dal lago di Bienne in modo da abbassare i livelli dei laghi di Bienne, Morat e Neuchâtel, creando spazio per eventuali altre precipitazioni. Lo hanno deciso di comune accordo l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) e i rappresentanti dei cantoni interessati, cioè Vaud, Friburgo, Neuchâtel, Berna, Soletta e Argovia.

Nel fine settimana la meteo sarà di nuovo favorevole, ma passeranno tuttavia alcune settimane prima i laghi scendano a i livelli normali per questo periodo dell'anno, informa l'UFAM in un comunicato odierno. Per accelerare questo processo Berna ha avanzato la richiesta di aumentare nei prossimi giorni la portata dell'Aare presso la diga di Port, trovando il consenso degli altri cantoni.

Questo significa che i volumi dell'Aare a valle del lago di Bienne rimarranno molto alti nelle prossime settimane, mettono in guardia le autorità. La prudenza è quindi ancora consigliata nelle vicinanze delle rive del fiume.

Navigazione e sport acquatici vietati

Le autorità di cantoni coinvolti hanno comunicato che la navigazione e gli sport acquatici sul Lago dei Quattro Cantoni sono vietati almeno fino a lunedì sera. Intanto anche il Lago di Sarnen (OW) si sta abbassando. Quanto al Lago di Zurigo, stando alle autorità il livello massimo dovrebbe essere raggiunto oggi o domani.

Solo in territorio vodese oltre 600 edifici sono interessati dalle inondazioni; se si tiene conto anche delle rive neocastellane e friburghesi sono senz'altro il doppio. Nessuno ha comunque dovuto essere evacuato, considerando che la maggior parte delle case direttamente sull'acqua sono soprattutto residenze secondarie. Preoccupa la bise, che potrebbe causare onde.

cz, ats