«Al momento non c'è motivo di allarmarsi»

Di Uz Rieger e Maximilian Haase

22.7.2021

Edpidemiologo
Jürg Utzinger è professore di epidemiologia all'Università di Basilea e dal 2015 è direttore dell'Istituto svizzero di medicina tropicale.
zVg / Swiss TPH

La vicepresidente della Task force Covid Samia Hurst ha avvertito martedì di una possibile quarta ondata. Jürg Utzinger, direttore dell'Istituto tropicale, sottolinea in un'intervista che gli strumenti sono ora in atto per evitare che il sistema sanitario sia sovraccaricato.

Di Uz Rieger e Maximilian Haase

22.7.2021

La Task force scientifica Covid-19 della Confederazione martedì ha avvertito di un'altra ondata pandemica in vista del forte aumento del numero di casi di Covid e del ritmo di vaccinazione in calo. «Potremmo sperimentare un'onda più alta dello scorso autunno», ha avvertito la vicepresidente Samia Hurst durante la conferenza stampa degli esperti della Confederazione a Berna. Hurst ha reso attenti sul fatto che sia rischioso «prestare attenzione solo ai ricoveri».

Tuttavia, Jürg Utzinger, direttore dell'Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale, nella situazione attuale non vede ragioni per inquietarsi. L'epidemiologo spiega a «blue News» perché il solo aumento del numero di casi non è motivo di allarme. Devono essere «esaminati una combinazione di indicatori» per vedere se c'è una minaccia al sistema sanitario. «Abbiamo gli strumenti necessari», dice Utzinger.

Cosa pensa del segnale politico di aspettare, per adottare delle misure, nonostante l'aumento dei casi?

Jürg Utzinger: Naturalmente stiamo osservando questi casi in rapido aumento. Tuttavia, dobbiamo avere una visione più ampia dell'incidenza dell'infezione e della dinamica del Covid-19. I numeri dei casi sono un indicatore importante, e sì, certo: questi attualmente puntano verso l'alto.

Dobbiamo prestare molta attenzione a questo segnale. Ma è anche importante porsi le seguenti domande: qual è la situazione con i decorsi gravi di malattia e le ospedalizzazioni? Da quale gruppo di età proviene il numero crescente di casi? E poi: sono colpiti soprattutto i non vaccinati?

L'esperto Jürg Utzinger
Edpidemiologo
zVg / Swiss TPH

Jürg Utzinger è professore di epidemiologia all'Università di Basilea e dal 2015 è direttore dell'Istituto svizzero di medicina tropicale (Swiss TPH). I suoi interessi di ricerca e le sue attività di insegnamento si concentrano sull'epidemiologia, sulle malattie tropicali trascurate e sulla valutazione dell'impatto sulla salute di progetti su larga scala in paesi a basso e medio reddito.

Gli ultimi dati in Svizzera mostrano che sono soprattutto i giovani, cioè le persone tra i 10 e i 19 anni e tra i 20 e i 29 anni, a esserne colpiti. È proprio in questi gruppi di età che abbiamo generalmente un rischio molto basso di progressione grave della malattia o di ospedalizzazione. Si tratta quindi di guardare una combinazione di indicatori. Se l'intero pacchetto di indicatori punta nella direzione sbagliata, e in particolare se potrebbe esserci il pericolo di portare il nostro sistema sanitario sull'orlo del baratro, allora questo è il momento di esaminare attentamente se è necessario prendere misure più severe.

Al momento, tuttavia, da parte mia non c'è motivo di allarmarsi. È importante monitorare molto attentamente i vari indicatori per poter reagire immediatamente se la situazione ci sfugge di mano.

La strategia adottata finora è sufficiente a prevenire una quarta ondata?

I numeri dei casi da soli non sono sufficienti per parlare di una possibile quarta ondata. Se guardo solo i numeri dei casi, la tendenza è verso una quarta onda. La tendenza è sostenuta dal tasso di riproduzione, che attualmente è superiore a 1 quasi ovunque in Svizzera, e siamo quindi in una fase di crescita esponenziale. L'obiettivo principale nel nostro Paese e in molti altri è ancora che il sistema sanitario non raggiunga il limite.

Ma ancora una volta, i numeri dei casi sono tutt'altro che sufficienti come unico indicatore. Se il numero di casi in aumento colpisce principalmente i gruppi di età più giovani e i gruppi di popolazione più anziani e vulnerabili sono già ben protetti con la doppia vaccinazione, allora non c'è un grande rischio di una prossima ondata di malattie gravi, ricoveri e mortalità in eccesso. Quindi: non dobbiamo caratterizzare un'onda solo sulla base del numero di casi. Diversi indicatori devono essere considerati insieme e utilizzati come un sistema di allarme per possibili misure.

Possiamo fare affidamento sul basso numero di ricoveri?

Le cifre presentate in Svizzera l'altro ieri mostrano che solo il 4% dei letti di terapia intensiva sono attualmente occupati da pazienti Covid-19. Rispetto all'anno scorso, abbiamo sistemi di sorveglianza migliori e quasi la metà della popolazione svizzera è completamente vaccinata. Il numero di casi è importante e lo è anche il tasso di riproduzione, che è sopra il livello critico di 1. Fortunatamente, però, il fatto che ci sia già un alto livello di copertura vaccinale, soprattutto nei gruppi a rischio - cioè le persone con più di 70 o 80 anni e le persone con malattie preesistenti - sta giocando a nostro favore. Tuttavia, non tutte queste persone sono ancora vaccinate.

Inoltre, dobbiamo tenere d'occhio le cifre dell'infezione. Naturalmente ha senso mantenere l'incidenza dell'infezione più bassa possibile. Dopo tutto ciò riduce notevolmente il rischio che nuove varianti emergano e si diffondano. È abbastanza plausibile che emergano ulteriori e forse anche più varianti di virus infettivi, ed è importante accertare l'efficacia dei vaccini esistenti su queste varianti. Ripeto, dobbiamo tenere d'occhio l'intero complesso. E ora possiamo farlo abbastanza bene. Abbiamo gli strumenti necessari. Abbiamo bisogno di conoscere continuamente tutti i fattori di base per il processo decisionale sulle misure di accompagnamento.

Cosa ne pensa dell'idea di una vaccinazione obbligatoria per il personale infermieristico?

In Svizzera non esiste una vaccinazione obbligatoria, indipendentemente dal gruppo professionale. Quindi, non c'è alcuna base per chiedere la vaccinazione obbligatoria per il personale infermieristico. Sono fermamente convinto che ci sono modi per motivare le persone a proteggere efficacemente se stesse e i loro simili con la vaccinazione, con la giusta informazione e una considerazione basata sui fatti dei benefici e dei rischi.

E che dire delle richieste di estendere l'uso del certificato Covid?

Non c'è dubbio nella mia mente che il certificato Covid - cioè completamente vaccinato, guarito o testato negativamente - può e deve essere esteso. Per esempio, agli eventi sportivi o quando si va al ristorante. Soprattutto nel settore della ristorazione, posso ben immaginare un'azienda che dice: solo chi presenta un certificato può mangiare qui, perché il cliente vuole godersi un pasto e anche sentirsi sicuro.

Lo vedo più criticamente nel caso delle imprese e temo grandi sforzi burocratici e difficoltà di attuazione e controllo. In molti settori, la gente deve lavorare in presenza. È chiaramente responsabilità delle ditte come gestiscono quest'aspetto. Dovrebbe essere discusso con il personale e deve essere comunicato chiaramente. Un sano grado di responsabilità personale mi sembra l'approccio giusto.

C'è da temere che un'eventuale quarta ondata colpisca prima i non vaccinati e poi alcuni dei vaccinati?

Ritengo che questo rischio sia relativamente basso in Svizzera, dove finora sono stati utilizzati solo i due vaccini mRNA approvati. Hanno una buona efficacia, anche contro la variante Delta ora dominante, e in particolare proteggono molto bene contro i decorsi gravi della malattia. Non si può escludere che emergano altre varianti in cui la protezione del vaccino può essere inferiore.

Il fatto è che in Svizzera utilizziamo due vaccini sicuri e molto efficaci e che sono disponibili in quantità sufficiente affinché tutti coloro che lo desiderano possano essere vaccinati gratuitamente. Bisogna dunque approfittare di questa offerta e aiutare così a contenere la pandemia il più rapidamente possibile.

Cosa dovrebbe fare l'Occidente per i Paesi a basso e medio reddito?

Questa è una domanda importante e mi sta molto a cuore. Purtroppo, abbiamo visto più volte nell'ultimo anno e mezzo che ci siamo concentrati troppo su noi stessi, sulla nostra regione e sul nostro Paese in questa pandemia. Durante molte settimane e mesi, la gente si lamentava: «Quando arriva finalmente la vaccinazione?». Ora, per esempio in Svizzera, siamo nella posizione incredibilmente privilegiata che c'è abbastanza vaccino per tutti coloro che vogliono essere vaccinati e tuttavia non tutti approfittano di questa opportunità.

Ma in Africa e in molti altri Paesi a basso e medio reddito, il vaccino - un bene pubblico globale - non è nemmeno arrivato. Ogni sforzo deve essere fatto, per esempio attraverso l'iniziativa Covax, per garantire che i Paesi con troppo poco vaccino siano riforniti in modo che le persone a rischio possano essere immunizzate il più rapidamente possibile. Una distribuzione rapida, giusta ed equa è la chiave. Il Covid-19 è un problema globale. Avremo questa pandemia sotto controllo solo se risolveremo il problema in tutto il mondo. Insieme possiamo farlo!