«Allora dovranno solo disfarsi di me»

Di Lia Pescatore

30.9.2021

La regione in cui si trova l'ex deposito del Mitholz
KEYSTONE

È passato un anno dalla notizia shock che il comune di Mitholz dovrà essere sfollato. Il Consiglio federale informa i cittadini sui suoi piani, ma non tutti i residenti li seguono.

Di Lia Pescatore

30.9.2021

Mitholz sarà abbandonato. I residenti dovranno lasciare le loro case per almeno dieci anni in modo che il deposito di munizioni possa essere sgomberato. Lo si sa con certezza dall'anno scorso.

Da allora, gli abitanti di Mitholz vivono con la consapevolezza che presto dovranno trasferirsi e con tutte le incertezze e le insicurezze che il video annuncio di Viola Amherd ha portato con sé.

Quale pericolo emana realmente dal deposito di munizioni che non ha vacillato per 70 anni? Devono davvero andarsene tutti? Sono domande alle quali la Confederazione non ha ancora dato una risposta definitiva. Nemmeno dopo l'ultimo sopralluogo avvenuto giovedì scorso.

Gli anziani vogliono rimanere

Matthias Matti, responsabile del sostegno alla popolazione presso il DDPS, ha ammesso in conferenza stampa che le offerte di aiuto non raggiungono la popolazione. Non è solo a livello nazionale che ci sono problemi a raggiungere la gente, ma anche a livello comunale. Il sindaco del comune Roman Lanz sta lottando a favore della gente di Mitholz.

È contento che circa 120 dei 170 residenti abbiano partecipato alle riunioni informative di giovedì. Lo scambio è importante: è l'unico modo in cui il comune può sondare i bisogni e le preoccupazioni della popolazione. Ma non tutti sono interessati al dialogo.

Sono soprattutto i residenti di lunga data che stanno alla larga. Le loro famiglie vivono nel villaggio da generazioni, sono cresciute con il ricordo dell'esplosione e hanno imparato a conviverci. 

Un padre di famiglia: «Andarsene sì, ma quando?»

Passeggiando per il villaggio ne incontro diversi, come il padre di una famiglia che sta accatastando legna da ardere per i giorni freddi davanti alla sua casa, proprio accanto alla stazione ferroviaria di Mitholz-Blausee. Le scarpe dei bambini sono ammucchiate davanti alla porta d'ingresso e c'è un trampolino nel giardino.

È cresciuto a Mitholz, spiega l'uomo. Ha comprato la casa 3 anni e mezzo fa, sei mesi prima che una perizia concludesse che il deposito di munizioni rappresentava un rischio elevato.

È chiaro che se ne andranno, «l'unica domanda è quando». Tra pochi anni, un'enorme galleria sarà costruita proprio sulla soglia di casa per proteggere la linea ferroviaria. Non vale la pena mandare i bambini a scuola qui, visto che dovranno comunque partire presto. 

Allo Stammtisch: «Allora dovranno solo disfarsi di me»

Nel bar del villaggio, tuttavia, un anziano signore, seduto allo Stammtisch (il tavolo dei clienti abituali ndr.), ci dice che si rifiuta di andarsene: dopo tutto, ha vissuto qui «per secoli». Qui ha frequentato la scuola elementare e poi il liceo. Entrambi sono stati chiusi da molto tempo. Non vuole andarsene, soprattutto non a Kandergrund. «Allora dovranno solo disfarsi di me», dice con uno sguardo chiaro e fermo.

Interrogato su questi incontri, il sindaco Lanz dice che ci sono persone che si oppongono. Il tempo che resta fino all'evacuazione definitiva del 2031 è «un regalo» perché le persone possono essere spostate passo dopo passo e senza pressioni.

Ma: «Finora non abbiamo trovato la ricetta», dice Lanz, un po' perplesso. Forse perché i due villaggi di Kandergrund e Mitholz non si sono mai veramente trovati l'un l'altro, nonostante condividano un comune. 

Comunicazione visiva

Il gruppo di interesse (GI) Mitholz dovrebbe fungere da collegamento tra le autorità e la popolazione. Il GI è stato fondato per far rispettare lo sgombero del deposito di munizioni. Per le prossime generazioni, dice il presidente Karl Steiner: «Non dobbiamo più guardare dall'altra parte. All'epoca, si pensava che l'evacuazione avrebbe richiesto forse un anno».

L'annuncio del 2020 è stato uno shock per tutti, dice. Anche Steiner si era preparato a trascorrere la sua pensione a Mitholz. Ha allestito una casetta per le api in giardino, che può osservare dalla finestra della cucina. Dietro ci sono alberi da frutto e campi aperti. «Non si trova niente del genere una seconda volta».

Ma Steiner è rassegnato ad andarsene. Ha fiducia nella valutazione del Consiglio federale che non c'è una soluzione alternativa. Anche quando un esperto esterno ha improvvisamente rimesso in gioco l'incapsulamento come soluzione più efficiente.

Sgombero per il futuro di Mitholz

Perché con la comunità di interessi, dice, hanno trovato un modo per comunicare con il DDPS a livello degli occhi. Ha sopportato molto a Mitholz: i danni delle valanghe, il cantiere decennale di Neat che è iniziato proprio accanto al suo giardino. Non vuole vivere un altro cantiere come quello.

L'anno prossimo inizieranno i primi lavori di costruzione. Il sindaco Lanz spera che le circostanze aprano poi gli occhi a chi è particolarmente resistente, in modo che l'esproprio non diventi un problema. «Alla fine, ognuno deve sapere da solo cosa è sopportabile per lui».

Lo sgombero della zona dovrebbe dare al villaggio un futuro più facile. Anche il presidente del GI Mitholz, Steiner, lo tiene presente: «Spero che i miei nipoti tornino in questa casa dopo la fine dei lavori di sgombero». Lui stesso, probabilmente, non potrà più farlo.