Svizzera Circa un quarto delle persone continua a lavorare dopo l'età pensionabile

ev

26.6.2024 - 10:48

Mentre poco più della metà dei lavoratori con un'occupazione d'ufficio sarebbe più disposta a lavorare in età pensionabile, due terzi dei "colletti blu" o degli operatori sanitari intervistati lo escludono 8foto simbolica)
Mentre poco più della metà dei lavoratori con un'occupazione d'ufficio sarebbe più disposta a lavorare in età pensionabile, due terzi dei "colletti blu" o degli operatori sanitari intervistati lo escludono 8foto simbolica)
Keystone

In Svizzera chi raggiunge l'età pensionabile non smette automaticamente di lavorare. Secondo uno studio del gruppo assicurativo Swiss Life, circa un quarto dei pensionati continua a esercitare una professione.

26.6.2024 - 10:48

Secondo l'analisi pubblicata oggi, ciò corrisponde a circa 190'000 persone che continuano a lavorare dopo i 65 anni. La percentuale rimane stabile a un livello elevato da anni. Nei Paesi limitrofi e in altri Paesi dell'Europa occidentale, invece, la percentuale di lavoratori in età pensionabile è in aumento da anni.

Secondo l'autore dello studio, Andreas Christen, non è chiaro il motivo della stagnazione in Svizzera. A suo avviso, una delle ragioni potrebbe essere che negli ultimi anni i sistemi previdenziali all'estero hanno creato incentivi più forti per continuare a lavorare.

Un'altra possibile spiegazione è il livello relativamente alto di immigrazione in Svizzera negli ultimi due decenni. Questo potrebbe aver portato le aziende elvetiche a fare meno sforzi nei confronti di lavoratori anziani.

Necessità finanziarie ruolo secondario

Ciò che è certo, tuttavia, è che la maggior parte delle persone che lavora pur avendo raggiunto l'età pensionabile lo fa solo a tempo parziale. E quest'ultimo, secondo lo studio, è in media di circa il 46%.

Inoltre, una buona metà delle persone di età compresa tra i 65 e i 70 anni lavora in proprio o in un'azienda familiare. In termini di confronto, la percentuale è solo del 20% per le persone tra i 55 e i 59 anni.

Le ragioni finanziarie hanno solo un ruolo secondario. Il 70% di coloro che lavorano dopo l'età pensionabile ha dichiarato di continuare farlo perché il lavoro gli piace. Solo un terzo circa ha indicato ragioni di carattere finanziario.

Tuttavia, rimane comunque chiaro che se gli intervistati fossero «liberi da vincoli» una buona metà (55%) abbandonerebbe completamente il lavoro prima dei 65 anni.

D'altra parte, una metà scarsa sarebbe disposta a lavorare più a lungo «a determinate condizioni», e secondo Christen, queste includono un buon ambiente lavorativo o l'apprezzamento da parte del datore di lavoro.

Ma naturalmente quali condizioni per continuare nell'attività professionale sono stati spesso citati anche gli aspetti finanziari, come una rendita più elevata (38%) o la possibilità di ridurre la percentuale di lavoro (35%).

«La disponibilità a continuare a lavorare dopo l'età pensionabile dipende, tra l'altro, dalla situazione lavorativa e di salute che si percepisce», spiega Christen.

Ad esempio, esistono chiare differenze tra le categorie professionali e le dimensioni dell'azienda. Mentre poco più della metà dei lavoratori con un'occupazione d'ufficio sarebbe più disposta a lavorare in età pensionabile, due terzi dei «colletti blu» o degli operatori sanitari intervistati lo escludono.

Inoltre, la disponibilità a continuare a lavorare è maggiore in un'azienda con un massimo di nove dipendenti. Al contrario, in un'azienda con più di 250 dipendenti è improbabile che le persone si lascino convincere ad andare in pensione più tardi.

ev