Conseguenze della Guerra

Conseguenze della guerra: «L'incertezza è a portata di mano»

Di Oliver Kohlmaier

25.2.2022

Le aziende e i consumatori svizzeri devono pagare di più, soprattutto per il gas naturale e il petrolio: Stoccaggio di gas naturale a Schlieren.
Le aziende e i consumatori svizzeri devono pagare di più, soprattutto per il gas naturale e il petrolio: nella foto punti di stoccaggio di gas naturale a Schlieren, Zurigo.
KEYSTONE

Un conflitto internazionale è un veleno per la fragile ripresa dell'economia globale. Anche in Svizzera, la drammatica escalation in Ucraina è fonte di grande preoccupazione per gli uomini d'affari.

Di Oliver Kohlmaier

25.2.2022

Il nervosismo nell'economia è stato palpabile per giorni. Ora l'invasione russa ha polverizzato le ultime speranze sui mercati finanziari. I mercati azionari e l'economia stanno affrontando tempi turbolenti, anche in Svizzera. I prezzi delle azioni stanno crollando in tutto il mondo, molti investitori sono fuggiti verso investimenti come l'oro, che sono considerati sicuri in tempi di crisi.

Secondo i calcoli degli economisti, i consumatori potrebbero affrontare drastici aumenti di prezzo, perché la Russia è un importante fornitore di gas per l'Europa, ma anche, per esempio, uno dei maggiori fornitori mondiali di alluminio, utilizzato in molti prodotti.

Giovedì, molte materie prime esportate dalla Russia sono diventate molto più costose. Il paese è uno dei più importanti produttori di grano del mondo, così come lo è anche l'Ucraina. Insieme, i due paesi rappresentano circa un quarto del commercio globale del prodotto agricolo.

«L'incertezza è a portata di mano»

L'attacco russo all'Ucraina potrebbe indebolire gravemente l'economia globale che è in realtà su una tendenza al rialzo come risultato della pandemia e nonostante le preoccupazioni di inflazione.

L'incertezza causata da un conflitto internazionale è quindi un veleno per la ripresa dell'economia globale. «Ovviamente, la situazione sta portando a un alto livello di nervosismo nel mercato», dice Rudolf Minsch, capo economista di Economiesuisse, a blue News: «L'incertezza è palpabile».

Secondo l'economista, l'attacco provocherà «certamente» una tensione temporanea sulla ripresa dell'economia globale. Tuttavia, l'ulteriore sviluppo dipenderebbe in modo cruciale da quanto il conflitto si intensifichi e dalla reazione dell'Occidente.

«Nel peggiore dei casi, questo potrebbe portare a soffocare gli impulsi di crescita». Se la situazione si calmasse, «gli effetti economici non sarebbero drammatici», sottolinea Minsch.

L'aumento dei prezzi pesa sull'economia

Anche gli alti tassi d'inflazione sono da tempo motivo di preoccupazione, anche se la Svizzera non è stata colpita nella stessa misura dei suoi vicini europei.

Ma l'escalation in Ucraina sarà sentita anche dai consumatori nella Confederazione. «Il carburante e il riscaldamento, i beni intermedi e le materie prime diventeranno più costosi, rendendo la produzione più costosa e portando a una maggiore spesa dei consumatori», dice Minsch.

Catene di approvvigionamento interrotte

Le catene di approvvigionamento interrotte e l'aumento dei prezzi, anche a causa della scarsità di materie prime, sono un peso per numerose industrie in Svizzera.

Già in seguito all'esperienza della pandemia, tuttavia, le aziende svizzere hanno reagito e aumentato le loro scorte, dice Minsch. Le aziende stanno anche cercando di costruire fornitori alternativi.

Secondo Minsch, l'importanza immediata dell'Ucraina per l'economia svizzera è gestibile, ma sottolinea: «Le aziende sono molto preoccupate per le catene di approvvigionamento globale, e se continueranno a funzionare, il che implica anche il trasporto senza problemi».

Proteggere i dipendenti prima di tutto

La guerra in Ucraina sta colpendo economicamente molte aziende svizzere, direttamente o indirettamente. Prima di tutto, si preoccupano della sicurezza dei loro dipendenti.

La società farmaceutica Roche, per esempio, ha una filiale nella capitale ucraina Kiev. L'azienda sta attualmente monitorando da vicino gli sviluppi.

Roche ha detto all'agenzia di stampa AWP che ha «piani robusti» per mantenere le operazioni in caso di guerra. L'obiettivo è quello di garantire che i pazienti in Ucraina e Russia abbiano accesso alle medicine e alla diagnostica. I piani saranno costantemente aggiornati in base alla situazione, ha detto Roche.

La guerra può anche avere un impatto sulle aziende che non sono direttamente rappresentate con proprie filiali in Ucraina o in Russia. I settori più colpiti sono quelli dipendenti dalle materie prime, come l'industria, ha detto Martin Neff, economista di Raiffeisen, in un'intervista con AWP.

Tuttavia, dato che il più importante motore dell'economia svizzera è l'industria farmaceutica, l'economista non si aspetta un grande impatto sull'economia nel suo complesso a causa di consegne mancanti o ritardate.

Nell'industria tessile, invece, potrebbe esserci un'aggravante. Dal momento che la Svizzera importa principalmente beni dell'industria tessile e dell'abbigliamento e beni agricoli dall'Ucraina, ci potrebbero essere problemi di consegna in questi settori, dice l'economista della ZKB David Marmet.

Preoccupazioni anche nel turismo

Il conflitto rischia di lasciare il segno anche sul turismo svizzero. Secondo il capo di Svizzera Turismo, Martin Nydegger, in tre modi: da un lato, è probabile che la guerra riduca il numero di visitatori russi in Svizzera. «Al momento, questo è ovviamente molto in pericolo», dice Nydegger.

Eppure i viaggiatori dalla Russia sono molto importanti per l'industria in Svizzera. In tempi normali - prima della crisi - circa 360.000 pernottamenti venivano registrati ogni anno dagli ospiti russi, dice Nydegger. In confronto, il numero totale di pernottamenti di ospiti stranieri in Svizzera nell'anno prima della crisi era di 21,6 milioni. Ciò significa che circa il 2% dei pernottamenti sono stati effettuati da russi.

Secondo una portavoce, la Federazione svizzera del turismo non è in grado di quantificare il numero di pernottamenti degli ucraini in Svizzera. Tuttavia, si tratta di un piccolo numero.

Redatto con materiale dell'ATS e della DPA