Cosa si pensa all'estero della Svizzera?

tali

22.8.2019

Per la maggior parte delle persone intervistate, la Svizzera si situa a metà strada tra Heidi e una potenza economica.
Keystone/Archive

Un Paese montuoso, popolato da vacche e orologi? Secondo un nuovo sondaggio del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), è effettivamente ciò che il mondo pensa della Svizzera.

I cittadini di altre nazioni pensano davvero alle montagne, al cioccolato e agli orologi quando si parla di Svizzera? Il sondaggio annuale della Confederazione ci fornisce una risposta priva di dubbi a tale domanda: sì. Più nello specifico, secondo il rapporto «Presenza Svizzera sul monitoraggio d'immagine 2018» (documento in tedesco), i monti innevati (24%), così come il cioccolato e gli orologi di lusso (19% ciascuno) sono le caratteristiche evocate per prime dai partecipanti al sondaggio. Complessivamente, più di 12'767 persone provenienti da 19 Paesi hanno risposto alle domande. E hanno fornito anche alcune risposte sorprendenti.

Una Svizzera individualista in grande crescita economica?

I partecipanti, cittadini di Paesi vicini come la Germania e l'Italia - ma anche di nazioni come Stati Uniti, India o Argentina - considerano, come era lecito aspettarsi, la forte economia (14%) e la prosperità (10%) come i veri punti di forza della Svizzera. Sorprendentemente, però, anche la neutralità e l'indipendenza della Svizzera sono considerate delle risorse (11%).

D'altro canto, agli occhi dei partecipanti allo studio, se a tutti i costi se ne dovesse trovare uno, sarebbe proprio questo uno dei punti di critica principali.  Nella maggior parte dei casi non è stata condivisa l'affermazione secondo cui la Svizzera contribuisce più della media alla protezione dei diritti umani e alla pace nel mondo. E i cittadini stranieri si sono mostrati ancor più restii a concordare con l'affermazione secondo cui la Svizzera partecipa alla risoluzione dei problemi attuali nel mondo.

Spiacenti Roger: all'estero la Svizzera è molto più conosciuta per il suo cioccolato che per i suoi atleti.
Keystone/Archive

Siamo sgradevoli?

Agli occhi del mondo, la Svizzera appare un po' ripiegata su sé stessa su altri temi rispetto alle relazioni internazionali. La nostra immagine in materia di apertura sociale non è eccezionale, e potrebbe essere migliorata. Se, in generale, la Svizzera è vista come un Paese aperto e tollerante, questo giudizio varia fortemente da nazione a nazione. Le persone intervistate in Stati come l'India, il Messico e il Marocco hanno espresso un giudizio nettamente più positivo della Svizzera in questo senso, rispetto a quanto fatto dai vicini di casa italiani, tedeschi e francesi.

Gli abitanti di queste tre nazioni sono anche quelli che hanno fornito le risposte più negative per quanto riguarda il trattamento degli stranieri. In generale, è proprio su questo punto che la Svizzera riceve i giudizi peggiori. Mentre le risposte riguardanti la cordialità degli svizzeri sono risultate leggermente migliori, ma senza essere totalmente positive. Le testimonianze più negative in tal senso sono quelle provenienti dall'Italia.

Una buona immagine generale

Generalmente, la Svizzera mantiene un'immagine decisamente buona all'estero, in particolare in Polonia, Kazakistan, India, Russia e negli Emirati Arabi Uniti. I partecipanti al sondaggio di tali Paesi hanno fornito un giudizio complessivo sulla nostra nazione migliore rispetto a quello concesso ad altre nazioni poste come termine di paragone: Svezia, Germania, Regno Unito e Danimarca. Mentre gli intervistati tedeschi, gli unici ai quali è stato chiesto di fornire un giudizio complessivo anche sul proprio Paese, hanno dato alla Svizzera un punteggio migliore rispetto a quello della Germania stessa.

Inoltre, gli autori dello studio indicano che l'immagine della Svizzera non è peggiorata rispetto ai sondaggi precedenti. Al contrario, in alcune nazioni è anche migliorata. Le svizzere e gli svizzeri non devono dunque preoccuparsi troppo per la loro immagine. Salvo nel caso dell'Italia, forse.

La Svizzera in immagini

Tornare alla home page