Domande e risposte Con la nuova legge sull'energia devo installare subito i pannelli solari?

Redazione blue News

11.6.2024

La legge sull'elettricità intende accelerare l'espansione dell'energia solare in Svizzera.
La legge sull'elettricità intende accelerare l'espansione dell'energia solare in Svizzera.
KEYSTONE

Gli elettori svizzeri hanno chiaramente detto «sì» domenica alla nuova legge sull'energia. Cosa significa questo? blue News risponde alle domande più urgenti.

Redazione blue News

11.6.2024

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Domenica 9 giugno gli svizzeri hanno approvato chiaramente la nuova legge sull'energia.
  • Ecco, sotto forma di domande e risposte, le principali modifiche specifiche.

Cosa cambierà con il nuovo testo?

Il decreto stabilisce obiettivi minimi per l'espansione della fornitura di energia elettrica da fonte eolica, solare e idroelettrica. Il disegno di legge mira anche a ridurre il consumo pro capite di energia e di elettricità e contiene disposizioni per una riserva di energia idroelettrica.

Dopo il «sì», la legge dovrebbe entrare in vigore all'inizio del 2025. Le ordinanze erano in fase di consultazione fino a poco tempo fa.

L'obiettivo della legge è quello di generare più energia da fonti rinnovabili nazionali, garantire l'approvvigionamento elettrico in inverno e diventare meno dipendenti dall'estero.

Da dove viene oggi l'elettricità in Svizzera?

Poco meno del 53% dell'elettricità prodotta nel 2022 proveniva da centrali idroelettriche, circa il 3% da centrali termiche e il 7,7% da varie fonti di energia rinnovabile. Le centrali nucleari hanno contribuito per un buon 36% all'approvvigionamento elettrico della Svizzera.

Votando a favore della «Strategia energetica 2050» nel 2017, l'elettorato svizzero ha deciso di rafforzare l'espansione delle rinnovabili e di vietare la costruzione di nuove centrali atomiche.

Le centrali nucleari esistenti - con i reattori di Beznau, Leibstadt (Argovia) e Gösgen (Soletta) - potranno continuare a funzionare finché saranno sicure. Le centrali di riserva alimentate a petrolio o a gas e i gruppi di emergenza sono destinati a colmare le eventuali strozzature.

L'approvvigionamento è sicuro?

Conflitti internazionali, periodi di siccità, temporanee strozzature della fornitura, come nell'estate del 2022 in Francia, e la transizione energetica in Europa possono mettere a rischio una fornitura sicura e costante di elettricità, soprattutto in inverno.

A causa della decarbonizzazione, come il numero crescente di auto elettriche e pompe di calore, la domanda di elettricità prodotta senza combustibili fossili è in aumento anche altrove.

Come si produrrà più elettricità in Svizzera?

Il disegno di legge regolamenta la pianificazione di grandi impianti solari ed eolici per produrre più elettricità domestica. Si richiede un aumento della capacità di almeno 6 terawattora, di cui almeno 2 terawattora devono essere disponibili in modo affidabile.

I pannelli solari e le turbine eoliche di grandi dimensioni dovrebbero in genere avere la priorità nelle aree adatte, che i Cantoni devono designare in considerazione della conservazione della natura e del paesaggio, oltre che dell'agricoltura. Tuttavia, la popolazione ha ancora voce in capitolo.

I grandi impianti solari per la produzione di elettricità invernale devono essere costruiti principalmente in montagna. Per 16 progetti idroelettrici esplicitamente denominati, ci saranno semplificazioni nella pianificazione con minori possibilità di esprimersi rispetto a oggi, perché non si applicherà più la pianificazione territoriale.

Come già avviene oggi, non potranno essere costruiti nuovi impianti di produzione di energia elettrica in biotopi di importanza nazionale o in riserve idriche e di uccelli migratori.

Ora ci saranno più pannelli solari sui tetti delle case?

La legge sull'energia mira anche a promuovere la costruzione di piccoli impianti solari sui tetti e sulle facciate delle case, poiché è qui che si vede il maggior potenziale di espansione della produzione di energia solare.

Continueranno a esserci sussidi per gli impianti solari sugli edifici e tariffe minime armonizzate per l'energia solare immessa in rete. È possibile costituire comunità elettriche locali per lo scambio di energia solare autoprodotta nel quartiere.

Il disegno di legge non prevede comunque l'obbligo generale di dotare la propria abitazione di pannelli solari.

I pannelli solari sul tetto saranno obbligatori?

La legge sull'energia rende obbligatori i pannelli solari solo per i nuovi edifici con 300 o più metri quadrati di superficie utile. In confronto, il tipico impianto solare su una casa indipendente ha una superficie inferiore ai 10 metri quadrati.

I Verdi vogliono estendere l'obbligo. Le firme vengono raccolte a partire da questa settimana. Il testo del referendum chiede che un impianto solare sia incluso nella pianificazione di tutti i nuovi edifici e nelle conversioni delle costruzioni.

Nel Canton Sciaffusa, un'iniziativa sull'energia solare è stata respinta domenica con poco meno del 61% di voti contrari.

Si stanno accumulando più riserve per l'inverno?

I gestori delle grandi centrali idroelettriche sono obbligati a mantenere una riserva nei loro bacini per la produzione di elettricità in inverno. Per questo vengono indennizzati.

La legge sull'energia obbliga anche a risparmiare elettricità?

Il consumo medio di energia pro capite e annuo deve diminuire del 43% entro il 2035 rispetto al 2000 e del 53% entro il 2050. Il consumo di elettricità deve diminuire in media del 13% pro capite all'anno entro il 2035 e del 5% entro il 2050 rispetto al 2000.

I fornitori di energia devono aiutare i privati e le aziende a risparmiare elettricità, ad esempio scegliendo gli elettrodomestici più efficienti possibile.

Dovete sostenere nuovi costi?

La bolletta non comporterà nuovi oneri per i consumatori. Il supplemento di rete per promuovere la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili rimane di 2,3 centesimi per chilowattora.

Che cos'è il decreto di accelerazione?

Il decreto di accelerazione è all'esame del Parlamento. Il suo scopo è quello di dare impulso alla pianificazione e all'autorizzazione di grandi impianti solari, eolici e idroelettrici, in modo che la transizione energetica possa prendere slancio.

Le procedure di autorizzazione e di ricorso per i grandi impianti saranno snellite e il processo di pianificazione per l'espansione della rete elettrica sarà semplificato.

Il decreto sull'accelerazione è inteso come un'integrazione del decreto sull'energia e come una soluzione successiva al «solar express» per più elettricità in inverno e al «wind express».

Le due proposte «Express» sono limitate nel tempo.

Delle nuove centrali nucleari potranno essere costruite in Svizzera?

L'iniziativa popolare «Elettricità in ogni tempo per tutti (stop al blackout)», presentata nel febbraio 2024, chiede la revoca del divieto di costruzione di centrali nucleari deciso nella «Strategia energetica 2050».

Vuole che siano consentite tutte le forme di produzione di energia elettrica rispettose dell'ambiente e del clima. Il comitato comprende rappresentanti dell'UDC, del PLR, de Il Centro e delle associazioni imprenditoriali.

Il Consiglio federale non ha ancora preso posizione sulla questione.

Finora le mozioni per revocare il divieto di uso delle centrali nucleari sono state bocciate in Parlamento. Ma il Consiglio degli Stati ha recentemente chiesto in un postulato che il Governo esamini nuove centrali nucleari come «possibile scenario» per garantire l'approvvigionamento elettrico.

Ci sono pure due iniziative sull'energia eolica. Cosa chiedono?

Si stanno raccogliendo le firme per due iniziative popolari sulle centrali eoliche. Una chiede che le grandi turbine non vengano più costruite nelle foreste. La seconda vuole che la popolazione della regione interessata possa votare sui progetti eolici.

L'iniziativa è stata lanciata dalla Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio, che si è già battuta contro il decreto sull'energia. Le disposizioni richieste dovrebbero poter essere applicate retroattivamente.

Gli iniziativisti contestano pure il decreto sull'accelerazione che il Parlamento sta discutendo. Con questi emendamenti alla legge, secondo chi propone l'iniziativa, l'Esecutivo federale sta scavalcando la sovranità cantonale e i decreti stanno minando la protezione delle foreste.

Cosa vuole l'iniziativa «Ogni chilowattora domestico conta»?

È in corso la raccolta di firme per l'iniziativa popolare «Ogni chilowattora domestico e rinnovabile conta!». L'iniziativa mira a promuovere l'espansione delle energie rinnovabili senza trascurare la sostenibilità. Il Comitato si concentra sulla produzione di elettricità in inverno.

L'iniziativa è stata lanciata durante le delibere parlamentari sulla legge sull'energia come piano B in caso di fallimento della nuova legislazione.

Ma il comitato è fondamentalmente dell'opinione che la transizione energetica debba essere incorporata nella Costituzione. Swiss Small Hydro, un'organizzazione che rappresenta gli interessi delle piccole centrali idroelettriche, è rappresentata nel comitato.

Dopo il «sì» al decreto sull'energia di domenica, sta pensando di chiedere l'annullamento della raccolta firme, che dura fino al 14 agosto 2024.