Domande e risposte

Ecco perché la Svizzera attende un vaccino adattato a Omicron

toko

7.7.2022

Christoph Berger, Praesident, Eidgenoessische Kommission fuer Impffragen EKIF, spricht an einem Point de Presse zur Covid 19 Situation, am Dienstag, 16. November 2021, in Bern. (KEYSTONE/Anthony Anex)
Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV), ha parlato durante l'ultima conferenza stampa della Confederazione sulla situazione pandemica (immagine d'archivio).
KEYSTONE/Anthony Anex

L'ondata estiva di Covid tiene la Svizzera nella sua morsa e all'orizzonte potrebbe esserci un autunno difficile. La seconda vaccinazione di richiamo dovrebbe essere utile. Ecco alcune domande e risposte sull'attuale situazione pandemica.

toko

7.7.2022

Nelle estati degli ultimi due anni di pandemia, la popolazione svizzera è stata risparmiata dal Covid. Quest'anno è diverso. I sottotipi BA.4 e BA.5 stanno facendo impennare il numero di infezioni anche nella stagione calda e un'altra probabile ondata minaccia già l'autunno.

Ha senso una quarta vaccinazione e quando saranno disponibili i vaccini adattati a Omicron? Ecco le risposte alle domande più importanti.

Il picco dell'ondata estiva è già stato raggiunto?

Negli ultimi tempi, il numero di contagi in Svizzera è aumentato costantemente. Martedì scorso, ad esempio, l'UFSP ha registrato 33.108 nuovi casi di Covid in sette giorni, oltre a 14 decessi e 300 ricoveri.

Una settimana dopo, il numero di infezioni ha continuato a salire, fino a raggiungere i 46.025 casi confermati in laboratorio.

Per la Confederazione, tuttavia, l'aumento dell'incidenza delle infezioni non è motivo di preoccupazione. La situazione negli ospedali e soprattutto nei reparti di terapia intensiva è tranquilla, è stato detto durante l'ultima conferenza stampa.

Tuttavia, i dati attuali sulle infezioni devono essere presi con le pinze. Secondo l'esperta di biostatistica Tanja Stadler, il numero di casi non segnalati è elevato. Una quindicina di giorni fa ha previsto che il 15% della popolazione, circa un milione di persone, potrebbe essere infettato dal Covid durante l'ondata estiva.

Ma la maggior parte queste persone non verrà testata, ha dichiarato l'esperta del Politecnico di Zurigo al «Blick». Sulla base dei campioni di acque reflue, ha affermato, si presume che il numero di casi non segnalati sia più alto rispetto all'inverno.

L'analisi di questi campioni si è dimostrata uno strumento efficace per monitorare l'incidenza delle infezioni. E almeno nell'impianto di trattamento delle acque reflue di Zurigo, Werdhölzli, si può notare un'inversione di tendenza, come riporta «CH Media».

Secondo il rapporto, la carica virale nei campioni di acque reflue è diminuita per la prima volta da settimane. Di recente, i valori emersi dal monitoraggio delle acque reflue erano aumentati notevolmente in tutta la Svizzera.

Passeggeri con e senza mascherina seduti in un tram. L'obbligo di indossare una mascherina sui trasporti pubblici è stato abolito dal Governo.
Keystone/Peter Klaunzer

Sono in arrivo nuove misure?

La maggior parte degli esperti prevede un'altra grande ondata di infezioni in autunno. Il medico cantonale Rudolf Hauri è uno di loro. Sebbene non ci si possa aspettare una presenza della malattia come quella della fine del 2021, non si può nemmeno parlare di normalità.

Tuttavia, la Svizzera non è in una fase in cui si deve di prevenire un'ondata. La popolazione è fondamentalmente ben protetta, il che è evidente anche negli ospedali. Al momento non c'è motivo di cambiare la situazione normale o di adottare misure ufficiali di ampio respiro.

Nonostante l'abolizione della vaccinazione obbligatoria, gli esperti raccomandano di continuare a indossare una mascherina in ambienti chiusi e sui mezzi di trasporto pubblici, ad esempio, per proteggersi dall'infezione.

La virologa Isabella Eckerle sospetta che il virus causerà restrizioni semplicemente perché troppe persone si ammaleranno nello stesso momento e, come molti suoi colleghi, invita le persone a indossare le mascherine.

Devo vaccinarmi una quarta volta?

A differenza dei Paesi vicini, la Svizzera in passato ha raccomandato la seconda vaccinazione di richiamo solo per le persone gravemente immunocompromesse. Da martedì, tuttavia, il Governo consiglia una quarta dose in autunno per tutti gli adulti di età superiore ai 16 anni.

Tuttavia, la raccomandazione si applica ancora principalmente a chi è particolarmente a rischio. Si tratta di persone di età superiore ai 65 anni e di chi presenta un rischio individuale maggiore per la salute, ad esempio a causa di una malattia o di una gravidanza.

Per ora, nonostante la diffusione della variante omicron BA.5 e il numero crescente di nuove infezioni, l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) raccomandano il secondo richiamo solo alle persone di età superiore agli 80 anni. A causa dell'età, presentano infatti un rischio maggiore di contrarre il Covid in forma grave. La raccomandazione di una quarta vaccinazione per le persone gravemente immunocompromesse è ancora valida.

Quanto è efficace il vaccino attuale?

Secondo il responsabile del CFV, Christoph Berger, una quarta vaccinazione per gli adulti sani non è attualmente molto efficace. Protegge a malapena dalla trasmissione e solo per poco tempo dai decorsi gravi. Per questo motivo le misure igieniche continuano a essere indispensabili.

La somministrazione troppo precoce del richiamo a tutti è problematica, perché l'effetto protettivo dei vaccini attualmente disponibili dura solo per un periodo relativamente breve e il maggior numero di casi è previsto in inverno. «Se vaccinassimo ad agosto e poi l'ondata arrivasse a dicembre, non sarebbe una buona cosa», ha spiegato Berger.

Non ha specificato quando sarà il momento giusto per il secondo richiamo. Berger ipotizza che sarà nell'ultimo trimestre dell'anno. Il momento esatto dipenderebbe dallo sviluppo della pandemia, da un lato, e dalla disponibilità di un vaccino bivalente adattato, dall'altro.

L'efficacia della seconda vaccinazione di richiamo contro Omicron non è ancora stata chiarita in modo definitivo. I dati di uno studio condotto in Israele, ad esempio, mostrano che la quarta vaccinazione per i giovani adulti ha probabilmente solo un effetto ridotto.

In generale, però, l'esperienza della vaccinazione di richiamo è stata positiva. Secondo uno studio del Ministero della Salute israeliano, che ha analizzato i dati di oltre 1,1 milioni di adulti di età pari o superiore ai 60 anni, il tasso di infezioni dopo un secondo richiamo era due volte inferiore e il numero di malattie gravi quattro volte inferiore rispetto alle persone che avevano ricevuto un solo richiamo.

Quando sarà disponibile il vaccino per Omicron?

Le speranze degli esperti per l'autunno sono riposte nei nuovi vaccini adattati alle varianti dominanti di Omicron. Si prevede che questi prodotti saranno immessi sul mercato in autunno, ma non è chiaro quando.

Sia Biontech/Pfizer che Moderna hanno riportato risultati promettenti per l'aggiornamento del loro vaccino e l'efficacia è buona. Con il vaccino Biontech/Pfizer, ad esempio, il numero di anticorpi è da due a tre volte superiore a quello del vaccino Delta. Tuttavia, i dati sull'efficacia si basano finora solo su test di laboratorio.

È già stata ricevuta una prima richiesta di autorizzazione dal produttore statunitense Moderna, ha dichiarato Philippe Girard, vicedirettore di Swissmedic.

Secondo l'UFSP, può valere la pena di aspettare i vaccini adattati. Oltre a vedere come va lo sviluppo epidemiologico, l'aggiornamento previsto è anche un motivo per attendere prima di una raccomandazione definitiva di vaccinazione e la definizione di una data esatta per la seconda dose di richiamo.

Secondo l'UFSP, chiunque voglia farsi vaccinare per la quarta volta prima dell'autunno, contrariamente quindi alle raccomandazioni ufficiali, dovrà farsi carico dei costi. Per gli ultraottantenni, il secondo richiamo è invece gratuito.

Nel frattempo, i cantoni sono pronti per una nuova campagna di vaccinazione. Ma non si prevede una corsa come quella del 2021. A causa della minore richiesta, i cantoni hanno ridotto le loro capacità di vaccinazione dall'inizio dell'anno.

La Conferenza dei direttori cantonali della sanità (GDK) scrive, in risposta a una domanda dell'agenzia di stampa Keystone-SDA, che l'infrastruttura non può essere realizzata dall'oggi al domani. In molti luoghi il personale dovrebbe essere reclutato di nuovo.

La Svizzera ha già preso provvedimenti almeno per l'anno prossimo. La popolazione ha accesso a 3,5 milioni di dosi di vaccino contro il Covid dei due produttori Pfizer/Biontech e Moderna. Secondo i contratti, il vaccino più recente è sempre disponibile, previa approvazione di Swissmedic.

Quanto è alto il rischio di Long Covid?

Gli studi iniziali indicano almeno che la variante Omicron del Covid porta meno frequentemente a effetti a lungo termine rispetto a Delta. Secondo un'analisi pubblicata sulla rinomata rivista scientifica «The Lancet», circa il 10,8% dei pazienti con infezione da Delta ha vissuto il Long Covid, mentre solo il 4,4% dei pazienti affetti da Omicron ne è stato affetto, cioè meno della metà.

L'analisi ha confrontato i dati di circa 56.000 persone infettate da Omicron con quelli di circa 41.000 pazienti che avevano contratto la variante Delta.

Le vaccinazioni generalmente proteggono dalle conseguenze a lungo termine. Tuttavia, esiste ancora un rischio dopo una cosiddetta infezione «breakthrough» (post-vaccinale).

Se - come accade attualmente - molte persone si infettano con Omicron, aumenta anche il numero di casi con effetti a lungo termine.

Devo pagare io stesso il test?

Da dicembre, i tamponi sono di nuovo gratuiti in Svizzera, ma non in tutti i casi.

Il Governo copre i costi del test PCR in presenza di sintomi, di un contatto stretto con una persona positiva o di un ordine corrispondente da parte di un ufficio cantonale o di un medico. Un test PCR su richiesta, ad esempio per un viaggio all'estero, non è finanziato.

In ogni caso, i costi dei test antigenici rapidi nasofaringei sono coperti. Gli autotest invece non sono più gratuiti.

Redatto con materiale dell'agenzia di stampa SDA.