Covid

«La campagna di vaccinazione funziona come un orologio»

pab / ATS

18.5.2021

Gli esperti della Confederazione vedono un'evoluzione favorevole della situazione epidemiologica nel nostro Paese. Con una nuova campagna d'informazione, la vaccinazione deve essere sostenuta ancora più ampiamente.

pab / ATS

18.5.2021

Virginie Masserey è stata la prima a prendere la parola: «La situazione epidemiologica si sta sviluppando favorevolmente. Il numero dei casi di Covid-19, dei ricoveri ospedalieri e dei decessi continua a diminuire. Un terzo dei pazienti nelle unità di terapia intensiva soffre di covid. Il valore R di riproduzione del virus è al di sotto di 1».

Masserey è soddisfatta dei progressi nella vaccinazione. Il tasso è passato da 60'000 a 90'000 al giorno. Il 28% della popolazione ha ricevuto almeno una dose, e circa 1,2 milioni le hanno già ricevute entrambe. Nei gruppi a rischio, una grande maggioranza ha ricevuto le vaccinazioni.

L'esperta dell'UFSP ha poi fatto il punto sulle consegne dei vaccini: «Sabato sono arrivate 750.000 dosi di Moderna e lunedì 120.000 dosi di Pfizer. La campagna di vaccinazione sta funzionando come un orologio».

Col vaccino almeno 6 mesi protetti

Masserey ha poi aggiunto che accoglie con favore il fatto che Pfizer abbia presentato una domanda a Swissmedic per l'approvazione del vaccino per i ragazzi dai 12 ai 15 anni. La Svizzera ha abbastanza vaccino per vaccinare bambini e adolescenti ancora quest'anno, probabilmente, dopo il nulla osta di Swissmedic, entro la fine dell'estate.

La protezione della vaccinazione dura per almeno sei mesi e gli studi vengono monitorati da vicino, ha aggiunto Masserey. Sono anche in contatto con i produttori dei vaccini per un possibile richiamo, ma non è ancora chiaro quando e se questo sarà necessario.

Ci sono anche indicazioni che la vaccinazione protegge dalla trasmissione. Gli studi suggeriscono infatti che le persone completamente vaccinate probabilmente non trasmettono la malattia e sono molto ben protette. Tuttavia, anche loro, ha ricordato Masserey, devono osservare le misure di protezione nei luoghi pubblici, anche solo per solidarietà. 

La Task force positivamente sorpresa

Dopo Virginie Masserey ha preso la parola Martin Ackermann ha motivo di essere contento. La task force di cui ü responsabile si aspettava un numero ancora maggiore di infezioni in aprile a causa del numero crescente di casi. Il fatto che il numero di nuove infezioni sia comunque diminuito lo ha sorpreso. La task force aggiusterà la sua modellizzazione.

«Le nuove infezioni si stanno spostando verso i non vaccinati», ha detto Ackermann. Ma più persone vengono vaccinate, più il rischio di coloro che non sono ancora stati vaccinati diminuisce. Secondo i sondaggi, la volontà di essere immunizzati è abbastanza alta in Svizzera. «Sì, partecipate, registratevi, fatevi vaccinare», conclude Ackermann. In questo modo, la dinamica positiva può essere ulteriormente rafforzata.

Hauri: «Sulla buona strada, ma la maratona non è finita»

La parola è passata a Rudolf Hauri, presidente dell'Associazione dei medici cantonali. «C'è ancora più capacità di vaccinare. È importante che le persone di tutte le età si registrino e si vaccinino il prima possibile. Ora abbiamo una buona posizione di partenza per una stabilizzazione della situazione epidemiologica, nonostante le nuove varianti».

I cantoni, ha fatto sapere Hauri, stanno già lavorando sulla logistica per una possibile vaccinazione di richiamo. Inoltre, è giunto il momento di introdurre la base del certificato Covid nei cantoni.

Tuttavia, è ancora troppo presto per abbandonare tutte le misure di protezione, continua Hauri. La maratona non è ancora finita. «Ma speriamo in una buona estate», conclude Hauri.

Le cifre nel Paese

In Svizzera, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 1240 nuovi casi di Covid secondo le cifre dell'UFSP. Dieci nuovi decessi sono stati segnalati e 71 persone sono state ricoverate in ospedale.

A titolo di paragone, martedì scorso si erano registrati 1375 nuovi casi e quattro nuovi decessi, con 73 ospedalizzazioni.

Nel corso delle ultime 24 ore sono stati trasmessi i risultati di 22'036 test. Il tasso di positività è del 5,63%. Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni è 17'071.

I casi per 100'000 abitanti negli ultimi 14 giorni sono 197,47. Il tasso di riproduzione, che ha un ritardo di una decina di giorni sugli altri dati, si attesta a 0,84.

In Ticino si segnalano 26 nuovi casi, che portano il totale a 32'850, mentre non si registrano nuovi decessi, fermi a 992. Nei Grigioni i contagi sono 13 (totale: 13'190). Non si segnalano ulteriori morti, con il totale stabile a 188.